Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

L’estinzione del rapporto di lavoro: i licenziamenti individuali

Cessazione del rapporto di lavoro

In generale la cessazione o risoluzione del rapporto di lavoro può avvenire per una delle seguenti cause:

• dimissioni del lavoratore : il lavoratore può recedere dal rapporto in qualsiasi momento purchè rispetti i termini di preavviso stabiliti contrattualmente,
• causa indipendente dalla volontà delle parti: morte del lavoratore, arresto o carcerazione del lavoratore, scadenza del contratto a termine,
• risoluzione consensuale,
• raggiunti limiti d’età: al raggiungimento dell’età pensionabile o al compimento dei requisiti per ottenere la pensione,
• licenziamento.

Mostra/Nascondi contenuto.
3 Cessazione del rapporto di lavoro In generale la cessazione o risoluzione del rapporto di lavoro può avvenire per una delle seguenti cause: ξ dimissioni del lavoratore : il lavoratore può recedere dal rapporto in qualsiasi momento purchè rispetti i termini di preavviso stabiliti contrattualmente, ξ causa indipendente dalla volontà delle parti: morte del lavoratore, arresto o carcerazione del lavoratore, scadenza del contratto a termine, ξ risoluzione consensuale, ξ raggiunti limiti d’età: al raggiungimento dell’età pensionabile o al compimento dei requisiti per ottenere la pensione, ξ licenziamento. Il licenziamento : caratteristiche e tipologia Il licenziamento costituisce una forma di recesso dal contratto di lavoro attuata unilateralmente dal datore di lavoro. Nell’ambito della vita lavorativa è fuor di dubbio che sia l’evento più traumatizzante in assoluto, assimilabile a una “morte civile” del lavoratore, con conseguenze drammatiche soprattutto nei momenti di ristagno o peggio recessione dell’economia e nelle aree depresse del paese. Nessun altro istituto come quello del licenziamento è in grado di testimoniare lo straordinario sviluppo del diritto del lavoro italiano nel corso del secondo cinquantennio del secolo appena concluso: dall’art. 2118 Cod. Civ. alla legge 15 luglio 1966, n. 604, dalla legge 20 maggio 1970, n. 300 alle leggi 11 maggio 1990, n. 108 e 23 luglio 1991, n. 223. Uno sviluppo univoco ed unidirezionale, nel senso di un vincolo e di un controllo sempre

Tesi di Specializzazione/Perfezionamento

Autore: Domenico Ventresca Contatta »

Composta da 26 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 6358 click dal 12/03/2010.

 

Consultata integralmente 7 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.