Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il Mercosur e il processo di liberalizzazione dei rapporti commerciali con l'Unione europea

Il MERCOSUR e il processo di liberalizzazione dei rapporti commerciali con l'Unione Europea

Mostra/Nascondi contenuto.
4 INTRODUZIONE Le politiche commerciali dei Paesi dell’America Latina dal secondo dopoguerra ad oggi Il termine “globalizzazione”, che è entrato a far parte del linguaggio quotidiano, viene utilizzato per definire il nuovo assetto dell’economia mondiale. L’Organizzazione per la Cooperazione Economica e lo Sviluppo (OCSE) definisce la globalizzazione come “un processo attraverso cui mercati e produzione nei diversi paesi diventano sempre più dipendenti tra di loro, a causa della dinamica dello scambio di beni e servizi, e attraverso i movimenti di capitale e tecnologia”. Certamente la globalizzazione ha generato un dinamismo senza precedenti nel sistema economico, sia internazionale sia nazionale, ma la riduzione delle barriere doganali, la libera circolazione di beni e servizi, la liberalizzazione dei mercati finanziari, la delocalizzazione dei processi produttivi, hanno spinto le economie nazionali alla competizione più aspra. In linea con il progressivo mutamento del panorama economico internazionale, i PVS hanno sviluppato diverse politiche economiche al fine di consentire loro di stare al passo con i paesi più avanzati, ridurre gli effetti negativi che la globalizzazione genera e promuovere lo sviluppo economico. Nel primo dopoguerra, la politica economica adottata dalla maggior parte dei PVS fa riferimento al concetto di industria nascente, sostenendo la necessità di una protezione temporanea in favore dei settori industriali contro la concorrenza dei beni importati. Secondo quest’argomentazione, le nuove industrie dei PVS, pur avendo tali paesi un vantaggio comparato potenziale nella produzione manifatturiera, non sono inizialmente in grado di competere con gli analoghi, ben avviati settori dei paesi più avanzati, e dovrebbero perciò essere sostenuti temporaneamente dai governi, fino al punto in cui esse siano sufficientemente robuste da reggere la concorrenza internazionale.

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Andrea Baldasso Contatta »

Composta da 96 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3949 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 21 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.