Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

L'utilizzo dei derivati negli enti locali: opportunità e limiti

La tesi tratta in maniera dettagliata le varie tipologie di swap utilizzabili dagli enti locali. Successivamente, viene fornita una disanima della normativa inerente agli strumenti finanziari derivati negli Enti Locali. A conclusione del lavoro viene svolto un caso pratico presso un ente locale che ha posto in essere numerosi contratti di interest rate swap.

Mostra/Nascondi contenuto.
3 INTRODUZIONE I processi di decentramento amministrativo-finanziario avviati negli ultimi anni hanno fortemente modificato le strategie finanziarie degli Enti Locali. Soprattutto nel corso degli anni novanta la normativa ha subito notevoli modifiche, caratterizzandosi per l’affermazione dell’autonomia finanziaria degli enti locali. In particolare, da una parte cessa il monopolio della Cassa Depositi Prestiti quale unico erogatore di finanziamenti agli Enti Locali, dall’altra, si ottimizzano le condizioni contrattuali dei mutui da parte del sistema bancario e si diversificano progressivamente le fonti di finanziamento alternative a disposizione delle amministrazioni locali (tra queste, le emissioni obbligazionarie comunali e provinciali). Tutto ciò ha un fondamento giuridico nella riconosciuta libertà decisionale che spetta a comuni e provincie in ragione del dettato Costituzionale. La Costituzione, però, stabilisce anche un netto limite in tale materia, esplicitato nell’art. 119, con il divieto assoluto di ricorrere all’indebitamento se non per finanziare investimenti1. Le dimensioni del debito pubblico, il livello di interessi su tale debito nonché i parametri richiesti dagli accordi internazionali per consentire l’ingresso dell’Italia nell’Unione Europea hanno obbligato a porre un freno all’espansione del debito, cercando di intraprendere strade innovative per il recupero di finanziamenti per investimenti in capitale fisso. Tale evoluzione ha condotto alla nascita di una vera e propria gestione finanziaria locale, dotata di autonomia decisionale. 1 Atelli M., Gli strumenti derivati negli enti locali, Sole 24 Ore, 2008.

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Economia

Autore: Andrea Molinè Contatta »

Composta da 108 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3464 click dal 18/03/2010.

 

Consultata integralmente 12 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.