Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Qualità del legno di castagno: studio di regole per la selezione del tondame e prove di applicazione su soprassuoli liguri

Sistemi di classificazione degli alberi in piedi di castagno e metodo di selezione della paleria

Mostra/Nascondi contenuto.
4 Introduzione Il crescente interesse dell opinione pubblica sulle problematiche ambientali, la ricerca di nuove risorse produttive in grado di dare vitalit al sistema economico e, non meno importante, l attuale orientamento che porta a puntare fortemente sui prodotti tipici e di qualit , ha indotto l Italia a rivalutare e sfruttare meglio le risorse interne disponibili. Questo nuovo percorso ha permesso il recupero delle antiche tradizioni che in passato hanno caratterizzato luoghi, storia e cultura del nostro paese. Cos Ł stata riscoperta la Cultura del Castagno c he per secoli ha caratterizzato usi e costumi delle popolazioni montane. Nelle zone di vocazione, infatti, il castagno era considerato l albero del pane perchØ vitale al so stentamento di uomini e animali. Non c era parte della pianta che non venisse usata: i frutti per l alimentazione e il legname per svariati usi domestici, agricoli e artigianali. Questo spiega perchØ il castagno in Italia Ł la specie forestale piø diffusa. Secondo i dati ISTAT, con il 10% della superficie forestale totale, la nostra nazione risulta dopo la Francia il secondo stato europeo per diffusione. Il castagno occupa, dai dati dell Inventario Forestale Nazionale ( INFC, 2007), 788.408 ha ( 631.000 ha a ceduo, circa 158.000 ha di castagneti da frutto) senza considerare le fustaie da legno (indicate nella categoria inventariale fustaie di latifoglie). Sebbene l interesse verso di esso abbia attraversato fasi alterne, rimane una grande risorsa ambientale ed economica a disposizione. I boschi di castagno possono essere considerati i soprassuoli forestali che forniscono la piø ampia tipologia di benefici che vanno dalle produzioni legnose a quelle dei frutti, funghi e altri prodotti del sottobosco, alle opportunit di pascolo, per arrivare infine ai servizi paesaggistico-ricreativi ed ambientali. Attualmente Ł nella commercializzazione del frutto e del legno che si ottengono i maggiori introiti visto che, il primo sta riacquistando importanza nel settore dolciario e il legno ha qualit tecnologiche di indiscusso va lore. Quest ultimo, poi, trova innumerevoli impieghi. In vivaistica i virgulti servono come sostegni per le piantine,

Tesi di Laurea

Facoltà: Agraria

Autore: Ivan Cantore Contatta »

Composta da 81 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3025 click dal 17/03/2010.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.