Skip to content

Applicazione della metodologia LCA alla vita di un edificio: analisi dell’efficienza ambientale della fase di demolizione e smaltimento delle macerie

Informazioni tesi

  Autore: Tiziana Di Carlo
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2004-05
  Università: Politecnico di Torino
  Facoltà: Ingegneria
  Corso: Ingegneria per l'Ambiente e il Territorio
  Relatore: Vanni Badino
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 203

L'argomento della tesi riguarda l'analisi del ciclo di vita di un edificio residenziale, mirata in particolare alla definizione del suo fine vita. Durante le fasi di esistenza, un organismo edilizio ha un forte impatto sull'ecosistema circostante (occupazione del suolo, utilizzo di materia prima ed energia, emissioni in aria..) e gli effetti sull'ambiente possono essere valutati a livello locale, regionale e globale. Il metodo più opportuno per valutare gli impatti a livello regionale e globale è
l'applicazione della metodologia LCA (Life Cycle Assestment). La metodologia, usata per lo più per valutare gli impatti ambientali provocati dai processi finalizzati alla realizzazione di un prodotto, è stata applicata in questo caso ad un “prodotto” più complesso, che può essere visto come l'assemblaggio di più prodotti, ovvero i materiali costituenti l'involucro edilizio. L’edificio è un organismo, che alla stregua di un prodotto più semplice, deve essere costruito, viene utilizzato e infine demolito o decostruito.
Nel lavoro di tesi si analizzano e quantificano gli impatti ambientali dell'organismo edilizio in questione a partire dal reperimento delle materie prime necessarie per la fabbricazione dei prodotti edilizi fino alla demolizione dell'edificio, passando per le fasi intermedie che riguardano la costruzione e la fase d'uso dell'edificio in oggetto, la cui vita è stata pari a 40 anni.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
POLITECNICO DI TORINO 1. Introduzione 1 1. Introduzione Al giorno d'oggi, uno degli elementi caratterizzante la società civile, perlomeno nei paesi industrializzati, è costituito dalla contraddizione esistente tra i vantaggi assicurati dallo sviluppo economico e tecnologico ed il degrado dell'ambiente, provocato dallo sfruttamento spesso incontrollato delle risorse naturali. Gli ultimi decenni infatti hanno visto un progressivo deterioramento delle risorse naturali, un aumento della produzione dei rifiuti, l'incremento dei consumi energetici con conseguente inquinamento generato soprattutto dall'uso dei combustibili fossili. In particolare, il presente lavoro vuole fornire un inquadramento della situazione energetico- ambientale inerente al settore delle costruzioni ed in particolare dell'edilizia residenziale. Le attività del settore delle costruzioni infatti, meritano un' attenzione particolare sia per quanto concerne il loro significato economico sia per il loro impatto ambientale. In termini di valore aggiunto, dall'analisi dei dati ufficiali ISTAT, si evince che, nel 2001, il contributo del settore delle costruzioni al PIL italiano sia stato del 14% (valore comprensivo anche della "locazione dei fabbricati"): ciò mostra come il settore fornisca un ingente contributo all'economia nazionale ed al suo sviluppo. Tuttavia, l'industria delle costruzioni rappresenta sia direttamente sia indirettamente, uno dei maggiori responsabili di due importanti impatti sull'ambiente: il consumo elevato di energia con le conseguenti emissioni di gas serra, durante le varie fasi di estrazione, costruzione e soprattutto in fase d'uso dei manufatti; il consumo di risorse minerarie ed il degrado del territorio a causa della massiccia attività estrattiva per il reperimento delle materie prime. Secondo alcune stime condotte dall’ENEA (Ente per le Nuove tecnologie, l’Energia e l’Ambiente), si evince come l'industria delle costruzioni italiana abbia inciso nel 2001, nella misura del 6% sui consumi di energia primaria e per il 10% sulle emissioni di gas serra [citato da Badino & al., 2004].

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

calcestruzzo
ciclo di vita edifici
demolizione
disassemblaggio
ecodesign
edificio
efficienza ambientale
embodied energy
energia
fine vita edifici
impatti ambientali
lca
macerie
rifiuti
uso macerie

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi