Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Terremoto sul Web. L'informazione sulle catastrofi ai tempi del citizen journalism.

L’obiettivo di questa tesi è quello di analizzare come i mezzi di comunicazione, vecchi e nuovi, abbiano trasformato, a seguito di una continua evoluzione tecnologica, il modo di fare e ricevere l’informazione.
Per trattare l’argomento si è scelto di analizzare uno specifico settore nell’ambito della comunicazione: la cronaca sulle catastrofi. Una tematica giornalistica con un alto livello di notiziabilità. “Bad news is a good news”, come insegna un vecchio detto giornalistico.
Si è preso poi in esame il terremoto in Abruzzo del 6 aprile 2009, per analizzare nella pratica come si metta in moto la macchina dell’informazione.
Con la diffusione di Internet e i new media la comunicazione cambia a partire dalla sua struttura. Si è passati, infatti, da una struttura verticale e unidirezionale, dove i giornalisti trasmettono le notizie ad un pubblico, ad una struttura orizzontale e paritaria, in cui i cittadini e gli organi di informazione partecipano insieme nella costruzione delle notizie.
Sono due i fenomeni nati a seguito di questi mutamenti: il web journalism e il citizen journalism. Il primo è una nuova forma di giornalismo che utilizza il medium della Rete per inviare i propri contributi informativi. Il secondo consiste nell'azione di uno o più cittadini nella raccolta, registrazione, stesura e diffusione delle notizie.
Il citizen journalism riveste una grande importanza nell’informazione sulle catastrofi attraverso quattro peculiari funzioni: la trasmissione delle informazioni, l’espressione di solidarietà, la manifestazione delle emozioni e la condivisione di opinioni.

Mostra/Nascondi contenuto.
8 Introduzione L obiettivo di questa tesi Ł quello di analizzare come i mezzi di comunicazione, vecchi e nuovi, abbiano trasformato, a seguito di una continua evoluzione tecnologica, il modo di fare e ricevere l informazione. Per trattare l argomento si Ł scelto di analizzare uno specifico settore nell ambito della comunicazione: la cronaca sulle catastrofi. Una tematica giornalistica con un alto livello di notiziabilit . Bad news is a good news , come insegna un vecchio detto giornalistico. Si Ł preso poi in esame il terremoto in Abruzzo del 6 aprile 2009, per analizzare nella pratica come si metta in moto la macchina dell informazione. A partire dagli anni Ottanta, l evoluzione tecnologica ha investito tutto il mondo culturale e, nel nostro specifico, il giornalismo: Se fino a ieri i mezzi di comunicazione di massa si potevano distinguere in editoria (stampa scritta), emittenti radio (audio) ed emittenti televisive (immagini in movimento e sonoro), in seguito alla nascita del World Wide Web e alla possibilit di utilizzare simultaneamente le tre forme tradizionali di comunicazione, oggi occorre ridefinire il concetto di media , tenendo conto del fenomeno cosiddetto della convergenza dei media . (Achtner Wolfgang M., Democrazia e telegiornali. Il giornalismo come servizio pubblico, Morlacchi, Perugia, 2006, pag. 359) Il passaggio dall analogico al digitale ha permesso, infatti, di far convergere in un unico apparecchio, piø funzioni; ci ha, ovvi amente, arricchito la notizia in se stessa. Sono lontani i tempi in cui il telefono serviva solo per parlare. Inoltre la tecnologia satellitare ha favorito la globalizzazione delle notizie, in quanto ogni regione del mondo Ł, oggi, strettamente collegata al resto del pianeta. Cos , ogni avvenimento che accade anche nel villaggio piø sperduto della Terra pu essere velocemente reso pubblico in tutto il mo ndo. Il fatto veramente straordinario Ł che queste novit sono alla portata di tutti, cos l informazione non Ł piø solo appannaggio del giornalismo. Ogni cittadino

Laurea liv.I

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Giulia Arcari Contatta »

Composta da 112 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2468 click dal 25/03/2010.

 

Consultata integralmente 10 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.