Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il contributo delle neuroscienze e della ricerca psicosociale allo studio delle relazioni umane

Questa tesi analizza le relazioni umane dalla prospettiva neuroscientifica e da quella psicosociale, sottolineando come tali relazioni influenzino la costruzione dell'identità personale. Tra le due prospettive, vi sono molti punti di contatto a riguardo: l'importanza della comunicazione emotiva come link tra le persone, il ruolo dell'empatia e della teoria della mente, l'integrazione ad opera dei processi narrativi.
Scopo principale è quello di riunire in uno schema unitario e sinergico tutte quelle teorie che tentano di dimostrare l'esistenza di un principio olistico, che lega il mondo sociale, la sfera mentale e personale e i meccanismi neuronali, in una relazione di causalità bidirezionale.
Infine, è proposta una riflessione epistemologica sull'integrazione tra le neuroscienze e la psicologia sociale: integrazione che è avvenuta nell'ultimo decennio e che ha portato alla nascita delle neuroscienze sociali.

Mostra/Nascondi contenuto.
- 7 - CAPITOLO 1: Le matrici teoriche: neuroscienze e psicologia sociale. Le due discipline prese in considerazione in questa tesi, per la trattazione delle relazioni umane e il loro influsso sull’identità personale, sono le neuroscienze e la psicologia sociale. 1.1 Le neuroscienze Le neuroscienze sono un campo di ricerca teso allo studio del sistema nervoso e, per la precisione, della struttura, delle funzioni, dello sviluppo, della biochimica e delle patologie di tale sistema. La parola “neuroscienze” deriva dall’inglese “neuroscience”, un termine apparso pubblicamente nel 1972 per opera di uno scienziato americano, Francis O. Schmitt. Egli si era reso conto che per studiare il sistema nervoso bisognava unire tra loro scienziati con diversa formazione ( fisiologi, biochimici, matematici, fisici, neurologi e psichiatri) e proprio per indicare questa prospettiva interdisciplinare coniò questo nuovo neologismo. Sempre in quel anno, fu fondata la prima Società di Neuroscienze. Le neuroscienze al loro interno si possono suddividere in tre settori: - le neuroscienze cellulari, - le neuroscienze dei sistemi, - le neuroscienze cognitive. Il primo settore indaga i meccanismi con cui i neuroni processano a livello fisiologico e elettro-chimico i segnali provenienti dall’ambiente: studiano quindi le vie di trasmissione sinaptica mediata sia dai dendriti e dagli assoni, sia dai neurotrasmettitori. Il

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Psicologia

Autore: Elisabetta Clerici Contatta »

Composta da 87 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4318 click dal 16/03/2010.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.