Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Fondamenti pedagogici nel dialogo interreligioso dell'opera di Giovanni Paolo II

La scelta di tratttare il tema del dialogo interreligioso è dovuto al fatto che ,sono consapevole della capacita' delle religioni di causare guerre come è avvenuto in passato con le crociate e nel presente con gli integralismi religiosi soprattutto in mediooriente, ma puo' anche essere un formidabile strumento di riappacificazione tra i popoli di diversa religione e cultura e segno di pace. Il dialogo interreligioso, come è stato attuato da giovanni paolo II nella sua opera del suo pontificato ha creato i presupposti per abbattere le barriere e i muri che l' uomo ha creato, cercando di costruire ponti di contatto con la diversita' religiosa. Un dialogo non volto alla conversione ma capace di creare i presupposti nelle societa' di pace e solidarieta' nell' epoca del villaggio globale che vede la convivenza tra culture e religioni diverse e rende necessario il dialogo interreligioso. Giovanni paolo II dimostra nella sua lunga opera di pontificato, che si puo' dialogare senza la volonta' di convertire l' altro ma solo di rispettarlo, accettarlo e di tollerarne le differenze.

Mostra/Nascondi contenuto.
PREMESSA L’ ACCELERAZIONE DEL RAPPORTO INTERRELIGIOSO RICEVUTA CON IL MAGISTERO DI GIOVANNI PAOLO II Memorabile è stato il viaggio in Africa del Papa invitato da re Hassein nello stadio di Casablanca dove c’erano 800.000 giovani mussulmani. Woithla si recò in Marocco come credente in Dio ,di fronte a credenti in Dio disse: ” Con molta semplicità vorrei darvi la testimonianza di ciò in cui credo” e subito conquistò tutti .Fu l’unico incontro di massa, che il Papa ebbe con i mussulmani nel suo pontificato, ma contribuì a far recuperare alle religioni e soprattutto, a quella cristiana, una funzione fondamentale; essere luoghi di pacificazione e di crescita di una reale solidarietà fra i popoli . La pace vera non poteva essere ottenuta, se le religioni continuavano a combattersi. Subito dopo l’elezione Wojtyla visitò il Patriarca ortodosso di Costantinopoli, Dimitros II per informarlo del suo intento di ricomporre l’unita’ cristiana . Visitò anche la Germania federale, rivalutando l’opera di Lutero. Dopo fu anche il turno della visita dell’ Inghilterra anglicana in quel momento in guerra con l’Argentina e si presentò come rappresentante della pace, ricevendo 1

Laurea liv.I

Facoltà: Scienze dell'Educazione

Autore: Francesco Minischetti Contatta »

Composta da 118 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2002 click dal 01/04/2010.

 

Consultata integralmente 5 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.