Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La tutela dei diritti fondamentali nel costituzionalismo albanese

We want Albania with the rest of Europe” gridavano gli slogan degli studenti durante le manifestazioni fin dal dicembre 1990, esprimendo le proprie aspirazioni e speranze per il futuro. Da allora l’Europa è stata l’obiettivo maggiore di tutti i governi democratici che si sono susseguiti, ma nonostante ciò la classe politica non si è mostrata all’altezza e il “grande sogno” è continuato a rimanere lontano. Grandi passi sono stati fatti ne restano però ancora tanti per entrare non solo formalmente ma per integrarsi alla comunità europea da sempre simbolo di civiltà alla quale Albania appartiene.

Mostra/Nascondi contenuto.
5 CAPITOLO I 1.1 La proclamazione dell’indipendenza. Le origini dell’Albania risalgono a un'età remota forse mille anni prima di Cristo con l’apparizione degli illiri1. Infatti, gli Albanesi discendono dagli illiri che si estendevano in un territorio ampio nella parte occidentale della penisola Balcanica, ma per vari fattori soprattutto legati alle guerre balcaniche e mediterranee e le guerre interne tra i principi illirici e poi albanesi uno Stato unico albanese si creo dopo la parentesi dello Stato di Scanderbeg dal 1444-1473 solo nel 1912 con la proclamazione dell’indipendenza dall’impero Turco. Dopo quasi 500 anni di invasione il 28 novembre del 1912 si riunì a Valona un assemblea nazionale presieduta da Ismail Qemali e composta da 63 rappresentanti di tutto il paese alcune decisioni importanti: 1) Innanzitutto decisa all’unanimità l’indipendenza2 dall’impero turco. 2) La formazione di un governo provvisorio. 3) La formazione di un consiglio nazionale con funzioni legislative. 4) L’elezione di un presidente del paese (non si può dire della repubblica o altro perché nulla si diceva sulla forma del governo). 1 Come osserva F. Ribezzo, Premesse storico-linguistiche sull’autoctonia illirica degli albanesi, in Rivista d’Albania, 1940, 114 ss. 2 L’indipendenza verrà riconosciuta dalla “Conferenza degli Ambasciatori” a Londra dove parteciparono le grandi potenze del tempo solo nel 1913 ed entro confini dimezzati di quelli rivendicati dall’assemblea.

Diploma di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Julian Terpo Contatta »

Composta da 76 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1517 click dal 19/03/2010.

 

Consultata integralmente 3 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.