Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Scrittura espressiva e fattori psicosociali di rischio in pazienti cardiopatici

L’argomento della mia tesi riguarda i Fattori Psicosociali di rischio cardiaco, ovvero quei parametri che correlano fenomeni psicologici a fattori socio-ambientali e a cambiamenti fisiopatologici, i quali attraverso specifici meccanismi, possono determinare l’ insorgenza di malattie cardiache, il rischio di recidive o di successivi eventi cardiaci.
Nel caso della malattia cardiaca questi sono: lo stress, la depressione, l’ansia, la rabbia-ostilità, l’isolamento sociale, la personalità di Tipo A, di tipo D e il supporto sociale.
Il primo capitolo descrive ciascuno dei fattori psicosociali di rischio cardiaco e i relativi meccanismi comportamentali e fisiologici; il secondo si sofferma invece sul paradigma della scrittura espressiva di Pennebaker, sulle origini, sui meccanismi d’ azione e sulla rassegna della letteratura inerente i benefici della scrittura. Infine, il terzo capitolo descrive la ricerca esplorativa che ha avuto l’obiettivo di indagare, attraverso un’ analisi qualitativa di testi, come i fattori psicosociali possano emergere nei testi scritti prodotti dalle sessioni di scrittura espressiva, realizzati da un campione di sei pazienti cardiopatici, ricoverati per un periodo di riabilitazione cardiologica, presso l’Istituto Auxologico di Piancavallo.

Mostra/Nascondi contenuto.
3 PRESENTAZIONE L’arte migliore Ł quella in cui la mano, la testa e il cuore di un uomo procedono in accordo. (John Ruskin) L argomento della mia tesi riguarda i Fattori Psicosociali di rischio cardiaco, in particolare, si sofferma sul come tali fattori possano emergere in testi scritti prodotti dalle sessioni di scrittura espressiva, realizzati da un campione di sei pazienti cardiopatici, ricoverati per un periodo di riabilitazione cardiologica, presso l Istituto Auxologico di Piancavallo. Un fattore psicosociale Ł definito come un parametro che correla fortemente fenomeni psicologici a fattori socio-ambientali e a cambiamenti fisiopatologici. (Hemingway & Marmot, 1999). Nel caso della malattia cardiaca questi sono: lo stress, la depressione, l ansia, la rabbia, l isola mento sociale, la personalit di Tipo A, di tipo D e il supporto sociale. Tali fattori attivano meccanismi i quali incidono sulle malattie coronariche, favorendo non solo l insorgenza della malattia, ma anche il rischio di recidive e di successivi eventi cardaci. Questi meccanismi sono di due tipi: meccanismi comportamentali, per cui caratteristiche psicosociali contribuiscono all insorgenza di comportamenti a rischio e meccanismi fisiopatologici, che coinvolgono il sistema neuroendocrino e il sistema nervoso autonomo (Rozansky, Blumenthal, & Kaplan, 1999).

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Psicologia

Autore: Eleonora Basso Contatta »

Composta da 175 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1337 click dal 26/03/2010.

 

Consultata integralmente 3 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.