Skip to content

L'attuazione degli obblighi di fare infungibile e di non fare (Art. 614 bis c.p.c.)

Informazioni tesi

  Autore: Francesco Cavaliere
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2008-09
  Università: Università degli Studi di Parma
  Facoltà: Giurisprudenza
  Corso: Giurisprudenza
  Relatore: Augusto Chizzini
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 76

La legge n° 69 del 19 giugno 2009, che ha attuato una parziale riforma del processo civile, ha introdotto, nel Libro III del codice di rito, dedicato all’esecuzione forzata, una nuova norma, l’art. 614-bis, rubricato come Attuazione degli obblighi di fare infungibile e di non fare, il quale, al 1° comma, recita testualmente: “Con il provvedimento di condanna il giudice, salvo che ciò sia manifestamente iniquo, fissa, su richiesta di parte, la somma di denaro dovuta dall’obbligato per ogni violazione o inosservanza successiva, ovvero per ogni ritardo nell’esecuzione del provvedimento. Il provvedimento di condanna costituisce titolo esecutivo per il pagamento delle somme dovute per ogni violazione o inosservanza. Le disposizioni di cui al presente comma non si applicano alle controversie di lavoro subordinato pubblico e privato e ai rapporti di collaborazione coordinata e continuativa di cui all’art. 409“. Ai sensi poi del 2° comma, “Il giudice determina l’ammontare della somma di cui al primo comma tenuto conto del valore della controversia, della natura della prestazione, del danno quantificato o prevedibile e di ogni altra circostanza utile“.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
3 INTRODUZIONE: LA RIFORMA DEL PROCESSO CIVILE In data 19 giugno 2009, è stata pubblicata ( G.U. n° 140 ) la legge 18/06/2009 n° 69, entrata in vigore il 4 luglio, la quale ha convertito il Disegno di legge, collegato alla Finanziaria 2008, intitolato “Disposizioni per lo sviluppo economico, la semplificazione, la competitività, nonché in materia di processo civile” . Tale provvedimento era giunto in Senato, con la denominazione A.S. 1082, in quarta lettura e traeva origine dallo stralcio del Disegno di legge A.C. 1441, contenente “Disposizioni per lo sviluppo economico, la semplificazione, la competitività, la stabilizzazione della finanza pubblica e la perequazione tributaria", presentato dal Governo alla Camera il 2 luglio 2008. In particolare, lo stralcio deliberato in quel ramo del Parlamento, il 5 agosto dello stesso anno, aveva dato origine a tre distinti Disegni di legge, l’A.C. 1441-bis, l’A.C. 1441-ter e l’A.C. 1441-quater. Il Disegno di Legge A.C. 1441-bis era stato poi approvato in prima lettura dalla Camera il 2 ottobre 2008, in un testo composto da 46 articoli, raccolti in 7 capi. Il testo ( A.S. 1082 ) era stato quindi ampiamente modificato e integrato nel corso dell’esame al Senato, conclusosi il 4 marzo 2009. Nel testo trasmesso per la terza lettura alla Camera ( A.C. 1441-bis-B ), il provvedimento si componeva di 73 articoli, raccolti in 6 capi. L’esame presso la Camera si è concluso il 29 aprile 2009; a seguito delle ulteriori modifiche il testo, che constava ora di 72 articoli più un allegato ( A.S. 1082-B ), era ritornato al Senato e da quest’ultimo approvato in via definitiva. Questa legge prevede, tra l’altro, una nuova riforma del sistema processuale civile. Essa, infatti, contiene numerose modifiche al codice di procedura civile dirette, innanzitutto, secondo quanto dichiarato dallo stesso Ministro della Giustizia, ad “accelerare lo svolgimento dei processi civili e a contribuire allo smaltimento dei quasi cinque milioni di procedimenti pendenti“. Per conseguire tale scopo, il provvedimento in questione introduce una serie di modifiche su tutto il corpo del codice di rito, modifiche contenute nel capo IV ( Giustizia ) e, in particolare, negli articoli 45-56, 58, 59 e 62. La stessa legge prevede anche la delega al Governo a adottare “entro ventiquattro mesi dalla data di entrata in vigore uno o più decreti legislativi in materia di riduzione e semplificazione dei procedimenti civili di cognizione che rientrano nell’ambito della giurisdizione ordinaria e che sono regolati dalla legislazione speciale“ , il che si traduce nella riduzione dei molteplici riti extracodice oggi presenti a tre modelli: processo ordinario di cognizione ex artt. 163 ss. del codice di procedura civile, processo del lavoro e il nuovo giudizio sommario di cognizione che il legislatore introduce nel codice scrivendo i nuovi artt. 702-bis, ter e quater. I punti fondamentali della novella possono così riassumersi: 1) introduzione dello strumento della mediazione civile, finalizzato a una conciliazione stragiudiziale delle parti; 2) inserimento del processo sommario di cognizione, più snello e alternativo al rito ordinario; 3) semplificazione dei riti attraverso la

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

art. 18 statuto lavoratori
art. 2932 c.c.
art. 614 bis c.p.c.
astreinte
attardi
attuazione specifica
condanna ed esecuzione forzata
contempt of court
controversie di lavoro
correlazione necessaria
esecuzione inidiretta
esecuzione specifica
fungibilità e infungibilità
libro iii c.p.c.
mandrioli
manifesta iniquità
misure coercitive indirette
nuovo processo civile
obbligazioni di non fare
obbligo di contrarre
provvedimento esecutivo
riforma processo civile
titolo esecutivo
zwangsstrafen

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi