Skip to content

L'architettura della Palestina nell'Età del Ferro

Informazioni tesi

  Autore: Clara Calvacchi
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 1999-00
  Università: Università degli Studi di Roma La Sapienza
  Facoltà: Scienze Umanistiche
  Corso: Lingue e Civiltà Orientali
  Relatore: Paolo Matthiae
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 65

Lo studio dell'architettura domestica, nel levante, negli ultimi anni ha fatto progressi considerevoli soprattutto in Palestina. I primi studi risalgono al 1939, quando A. G. Barrois illustrò nel suo manuale di archeologia le piante degli edifici di Gerico, e menzionò brevemente edifici di altri siti. Le pubblicazioni successive degli scavi a Megiddo, Tell Beit Mirsim, Tell en Nasbeh, apportano una documentazione fondamentale per una sintesi sull'urbanismo e l'architettura di questo periodo.
Negli anni '50 scavi stratigrafici più precisi, particolareggiati e sempre più numerosi sul territorio dello stato di Israele, apportarono molti tipi nuovi di edifici, dando inoltre informazioni sulla cronologia e l'estensione delle varie tipologie. Importanti sono le pubblicazioni a Tell Rasile, Tell el Far'ah in Cisgiordania di Hazor in Galilea e in tutta una serie di siti nel Neguev.
Nel presente studio si è mantenuta un’estensione geografica prefissata che comprende tutta la mezzaluna fertile dal Neguev all'Eufrate comprendente tutta la Palestina, Libano, Siria centrale, costiera e del Nord fino alla piana dell'AMQ, poiché per una conoscenza approfondita della Palestina, bisogna fare una comparazione con le regioni vicine, che hanno conosciuto movimenti di popolazioni simili tra la fine del Bronzo Recente e l'inizio dell'età del ferro.
La presente tesi cerca di fare chiarezza sui primi abitanti dell'area, palestinesi o ebrei....

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
~ 18 ~  Cap. 2 – Le piante.  Per analizzare e classificare le diverse forme di piante che sono state messe in opera nelle  costruzioni domestiche dell'età del ferro, lo studio degli edifici è basato sulla ricerca degli  schemi caratteristici di disposizione a unione delle case, in uno spazio raccolto, in una linea  continua costituita dalle mura esterne che condizionano anche il sistema di circolazione. Le divisioni interne degli edifici considerati, sono di due tipi: delle mura o dei pilastri. Gli  allineamenti  di  pilastri,  frequenti  nelle  case  di  quest'epoca  li  abbiamo  considerati  come  elementi divisori, come le mura, perché spesso gli intervalli tra i pilastri erano bloccati da muretti  o  altre  costruzioni  che  riducono  le  possibilità  di  passaggio,  dunque  separano  realmente gli spazi  inoltre le separazioni  interne di uno spazio possono essere ottenute in  altri modi ancora che  lasciano segni al suolo (zona selciata e intonacata o rivestita su un  terreno di terra battuta) o separazioni di cui la traccia non è stata conservata o vista dallo  scavo (tramezzo di legno, muretto di terra, tessuti etc.). Le  nostre  piante  sono  senza  dubbio  copie  intuite  della  realtà  architettonica  antica  dei  differenti tipi di piante, dall'analisi delle case di cui conosciamo non solamente le mura, ma  anche il sistema di circolazione, dunque le porte, si potrà fare una ricostruzione adeguata  con minimo rischio d'errore. Le  piante  di  cui  il  sistema  di  circolazione  non  è  stato  rilevato ma  in  cui  le  stanze  sono  disposte in maniera caratteristica ci permettono di riconoscere e classificare le case  (numerosi  sono  i  casi  dove  la  documentazione  pubblicata  non  la  si  è  potuta  utilizzare  perché non vi erano note su possibili porte e quindi sfuggivano al nostro studio numerosi  edifici con piante sensibilmente differenti dai tipi conosciuti). Le piante che si sono considerare  in questo studio si collocano in una sola grande classe

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

archeologia
architettura
citta antiche
civilta orientali
costruzioni
edilizia antica
eta del ferro
palestina
storia vicino oriente

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi