Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il peso delle escursioni nella determinazione della redditività di un'impresa crocieristica: il caso Costa Crociere

Sino a pochi anni fa la crociera veniva considerata un lusso che in pochi potevano permettersi; nell’ultimo decennio, però, la situazione è radicalmente cambiata. Le compagnie crocieristiche hanno optato per un’offerta il più possibile vantaggiosa per la clientela di ogni strato sociale (operando una riduzione delle tariffe), riservando un occhio particolare per le famiglie con bambini: a bordo, infatti, sono presenti molti spazi dedicati ai più piccoli, permettendo ai genitori di trascorrere momenti di relax, senza avere il pensiero della custodia dei propri figli, seguiti da un personale affidabile.
Il presente elaborato si è posto come obiettivo l’analisi della redditività di un’impresa crocieristica (nello specifico quella della compagnia Costa Crociere) e, in particolare, il peso che hanno le escursioni, spesso legate ad un altro fattore come gli extra, nella determinazione del bilancio.
Nel primo capitolo si partirà da una visione generale del settore crocieristico, il comparto del settore turistico cresciuto maggiormente negli ultimi venti anni. Per meglio comprendere i punti di forza e di debolezza delle imprese operanti in tale ambito, si procederà allo studio della domanda e dell’offerta.
La domanda di crociera è costituita dal numero di letti bassi richiesti in un certo tempo e ad un dato prezzo, mentre l’offerta è rappresentata dal numero di letti bassi che ogni nave può offrire. Come si può, quindi, evincere i letti bassi sono il principale parametro su cui si basano domanda ed offerta.
Riguardo alla domanda si prenderà in considerazione l’arco di tempo dal 1990 al 2020, con una richiesta di crociere stimata in circa 27 milioni di euro nell’ultimo anno; a seguire si fornirà un elenco con tutti i principali gruppi crocieristici e la loro relativa offerta.
Nel secondo capitolo ci si avvicinerà lentamente all’argomento principale dell’elaborato con una breve storia introduttiva di Costa Crociere, nata nel lontano 1854 come una piccola società operante nel commercio di olio d’oliva e tessuti. Si percorreranno tutte le tappe salienti della compagnia leader europeo nel settore, con una particolare attenzione rivolta all’evoluzione della flotta (composta da 15 navi in attività e 2 in ordine, con consegna entro il 2012), alla formazione ed organizzazione delle risorse umane (Costa vanta circa 15.000 dipendenti, di cui 14.000 operanti a bordo e 1.000 a terra) e alla gestione dei terminal (la compagnia gestisce direttamente i terminal di Savona e Barcellona e, in futuro, potrebbe acquistarne un altro nel porto francese di Marsiglia).
Il terzo capitolo costituisce l’asse portante dell’elaborato: nel primo paragrafo l’attenzione si focalizzerà sul bilancio del 2006 con i prospetti fonti-impieghi e conto economico. Si noterà come i costi più incidenti siano costituiti da costi per servizi, costi per materie prime, costi di combustibile e materiale alberghiero di livello qualitativo molto alto.
Verranno analizzati i principali indici di redditività (ROE, ROI, i), che testimoniano una situazione economico-finanziaria molto soddisfacente. Successivamente si inizierà a trattare il tema delle escursioni, con riferimento, dal lato della compagnia, agli aspetti organizzativi e gestionali necessari al fine della buona riuscita di un’escursione e, dal lato del cliente, agli aspetti che determinano il livello di soddisfacimento.
Infine si verificherà l’impatto economico che le escursioni hanno sul territorio, a seconda che l’escursione avvenga in un porto di inizio o fine crociera (home port) oppure in un porto di transito (porto of call). Molta importanza è rivestita dalla nazionalità e dall’età dei crocieristi assieme, come ovvio, al budget a disposizione.

Mostra/Nascondi contenuto.
3 INTRODUZIONE Sino a pochi anni fa la crociera veniva considerata un lusso che in pochi potevano permettersi; nell’ultimo decennio, però, la situazione è radicalmente cambiata. Le compagnie crocieristiche hanno optato per un’offerta il più possibile vantaggiosa per la clientela di ogni strato sociale (operando una riduzione delle tariffe), riservando un occhio particolare per le famiglie con bambini: a bordo, infatti, sono presenti molti spazi dedicati ai più piccoli, permettendo ai genitori di trascorrere momenti di relax, senza avere il pensiero della custodia dei propri figli, seguiti da un personale affidabile. Il presente elaborato si è posto come obiettivo l’analisi della redditività di un’impresa crocieristica (nello specifico quella della compagnia Costa Crociere) e, in particolare, il peso che hanno le escursioni, spesso legate ad un altro fattore come gli extra, nella determinazione del bilancio. Nel primo capitolo si partirà da una visione generale del settore crocieristico, il comparto del settore turistico cresciuto maggiormente negli ultimi venti anni. Per meglio comprendere i punti di forza e di debolezza delle imprese operanti in tale ambito, si procederà allo studio della domanda e dell’offerta. La domanda di crociera è costituita dal numero di letti bassi richiesti in un certo tempo e ad un dato prezzo, mentre l’offerta è rappresentata dal numero di letti bassi che ogni nave può offrire. Come si può, quindi, evincere i letti bassi sono il principale parametro su cui si basano domanda ed offerta. Riguardo alla domanda si prenderà in considerazione l’arco di tempo dal 1990 al 2020, con una richiesta di crociere stimata in circa 27 milioni di euro nell’ultimo anno; a seguire si fornirà un elenco con tutti i principali gruppi crocieristici e la loro relativa offerta. Nel secondo capitolo ci si avvicinerà lentamente all’argomento principale dell’elaborato con una breve storia introduttiva di Costa Crociere, nata nel lontano 1854 come una piccola società operante nel commercio di olio d’oliva e tessuti. Si percorreranno tutte le tappe salienti della compagnia leader europeo nel settore, con una particolare attenzione rivolta all’evoluzione della flotta (composta da 15 navi in attività e 2 in ordine, con consegna entro il 2012), alla formazione ed

Laurea liv.I

Facoltà: Economia

Autore: Luca Moscariello Contatta »

Composta da 47 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1094 click dal 02/04/2010.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.