Skip to content

I disordini interni tra diritto internazionale umanitario e diritti dell'uomo

Informazioni tesi

  Autore: Calogero Massimiliano Caputo
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 1996-97
  Università: Università degli Studi di Catania
  Facoltà: Giurisprudenza
  Corso: Giurisprudenza
  Relatore: Nerina Boschiero
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 191

Con molta frequenza, in presenza di crisi o di conflitti, gli Stati dichiarano l’esistenza di una situazione di emergenza, in tutto o parte del territorio nazionale, invocando questa circostanza come base giuridica per la sospensione di alcuni diritti umani. Si tratta — come l’esperienza ha mostrato in molte occasioni — di situazioni in cui le disposizioni costituzionali di applicazione “normale”, concernenti le relazioni tra potere pubblico e protezione dei diritti dei singoli, divengono insufficienti per affrontare una situazione di emergenza che sembra potersi risolvere solo se i poteri pubblici utilizzano armi e metodi che, in principio, sono esclusi dalle previsioni costituzionali.
Varie convenzioni internazionali in materia dei diritti dell’uomo prevedono disposizioni specifiche per le situazioni di emergenza: l’articolo 15 della Convenzione europea per la salvaguardia dei Diritti dell’uomo e delle libertà fondamentali (Convenzione europea) fa riferimento ad un “pericolo pubblico che minaccia la vita della nazione”, l’articolo 4 del Patto sui diritti civili e politici delle Nazioni Unite (il Patto) ad un “pericolo pubblico eccezionale”, l’articolo 27 della Convenzione americana sui diritti dell’uomo (Convenzione americana) ad un “pericolo pubblico o ad ogni altra situazione di crisi che minaccia l’indipendenza o la sicurezza di uno Stato”, l’articolo 4 della Carta araba dei diritti dell’uomo (Carta araba) ad una “situazione di urgenza”, l’articolo 2 par. 2 della Convenzione contro la tortura e le altre pene o trattamenti crudeli, inumani o degradanti a “circostanze eccezionali quali l’instabilità politica interna od ogni altro stato di eccezione”, l’articolo 30 par. 1 della Carta sociale europea ad un “pericolo pubblico che minaccia la vita della nazione”, l’articolo primo del II Protocollo addizionale alle quattro Convenzioni di Ginevra fa riferimento, invece, alle situazioni “di tensioni interne, di disordini interni, come i tumulti, gli atti isolati e sporadici di violenza ed altri atti analoghi”.
Queste diverse espressioni, utilizzate negli strumenti internazionali sui diritti umani e sul diritto umanitario, che ad una prima lettura si può presumere siano equivalenti, descrivono situazioni che possono essere qualificate in base ai diritti dell’uomo come situazioni di eccezione, ma non possono essere qualificate come conflitto armato in base al diritto umanitario.
Lo studio che si farà nei capitoli seguenti partirà da un esame comparativo delle disposizioni internazionali che si occupano di situazioni di emergenza, per delimitare il campo di indagine ai disordini interni di cui si cercherà di individuare le caratteristiche peculiari ed i profili distintivi rispetto ad altre emergenze quali, per esempio, i disastri naturali. L’importanza della qualificazione giuridica dei disordini interni, situazioni intermedie tra la pace e la guerra, rispetto ad altre situazioni di emergenza, è dovuto al fatto che da essa dipende il numero dei diritti umani garantiti.
Si procederà, quindi, ad un’analisi dei diritti umani garantiti nelle situazioni di disordini interni, indicando quali sono i diritti più frequentemente violati in tali situazioni che non necessariamente corrispondono a quelli ritenuti “inderogabili” dalle convenzioni sui diritti umani. In tali situazioni, infatti, i diritti dell’uomo sono spesso ridotti al loro nocciolo duro senza che siano applicabili tutte le garanzie del diritto umanitario. Facendo una comparazione con le norme del diritto umanitario, il “nocciolo duro” dei diritti dell’uomo non contiene, in particolare, norme sulla protezione e l’assistenza ai feriti, sul divieto delle deportazioni, sulle limitazioni all’uso della forza da parte delle forze di sicurezza e, soprattutto, norme sulle garanzie giudiziarie, salvo il principio di irretroattività della legge penale.
Infine, si presenteranno comparativamente i meccanismi di attuazione e tutela dei diritti garantiti nelle situazioni di disordini interni previsti nei due sistemi, attraverso l’esame dell’attività degli organismi internazionali a ciò abilitati, quali il Comitato internazionale della Croce Rossa per il diritto internazionale umanitario e le diverse Commissioni, Comitati e Corti per i diritti dell’uomo.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
3 INTRODUZIONE Con molta frequenza, in presenza di crisi o di conflitti, gli Stati dichiarano l’esistenza di una situazione di emergenza, in tutto o parte del territorio nazionale, invocando questa circostanza come base giuridica per la sospensione di alcuni diritti umani. Si tratta — come l’esperienza ha mostrato in molte occasioni — di situazioni in cui le disposizioni costituzionali di applicazione “normale”, concernenti le relazioni tra potere pubblico e protezione dei diritti dei singoli, divengono insufficienti per affrontare una situazione di emergenza che sembra potersi risolvere solo se i poteri pubblici utilizzano armi e metodi che, in principio, sono esclusi dalle previsioni costituzionali. Varie convenzioni internazionali in materia dei diritti dell’uomo prevedono disposizioni specifiche per le situazioni di emergenza: l’articolo 15 della Convenzione europea per la salvaguardia dei Diritti dell’uomo e delle libertà fondamentali (Convenzione europea) fa riferimento ad un “pericolo pubblico che minaccia la vita della nazione”, l’articolo 4 del Patto sui diritti civili e politici delle Nazioni Unite (il Patto) ad un “pericolo pubblico eccezionale”, l’articolo 27 della Convenzione americana sui diritti dell’uomo (Convenzione americana) ad un “pericolo pubblico o ad ogni altra situazione di crisi che minaccia l’indipendenza o la sicurezza di uno Stato”, l’articolo 4 della Carta araba dei diritti dell’uomo (Carta araba) ad una “situazione di urgenza”, l’articolo 2 par. 2 della Convenzione contro la tortura e le altre pene o trattamenti crudeli, inumani o degradanti a “circostanze eccezionali quali l’instabilità politica interna od ogni

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi