Skip to content

Lingua dei segni italiana e tedesca: un'analisi comparativa. Il campo semantico dei mestieri e degli animali.

Informazioni tesi

  Autore: Veronica Siddi
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2008-09
  Università: Università degli Studi di Cagliari
  Facoltà: Lingue e Letterature Straniere
  Corso: Lingue e letterature straniere
  Relatore: Maria Sofia Casula
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 103

Il primo obiettivo della mia ricerca è lo studio delle somiglianze/differenze (a livello lessicale) fra la Lingua dei Segni Italiana (LIS) e quella tedesca (DGS). Grazie all’aiuto di segnanti nativi in LIS ho potuto considerare le differenze tra la LIS usata a Roma e quella usata a Cagliari.
Il secondo obiettivo è quello di verificare se vi è omogeneità , e in quale grado, fra i segni delle Lis regionali utilizzati in diverse città e di vedere se, sulla base di queste somiglianze/differenze esistono legami tra il segno e la cultura locale.
Un altro obiettivo è cercare di individuare quali aspetti semantici siano presi in considerazione dalla lingua dei segni nelle diverse regioni e quali quelli presi in considerazione nell’italiano e nel tedesco.
Preliminare all’analisi è la scelta dei termini da confrontare fra LIS e DGS. Come evidenzia Volterra (1987) occorre scegliere termini che non alterino il significato e si sa che sia la categoria grammaticale (nomi, verbi, preposizioni, pronomi interrogativi, ecc.) sia il campo semantico (colori, parenti, fenomeni atmosferici, ecc.) al quale appartengono i termini influiscono sulla variabilità dei segni. Io ho scelto la categoria dei nomi, prendendo in esame, in particolare, nomi appartenenti al campo semantico dei mestieri (di cui ho analizzato 32 termini) e nomi appartenenti al campo semantico degli animali, (di cui ho analizzato 36 termini).
Un altro obiettivo del mio lavoro è stato quello di verificare il grado di trasparenza o opacità dei segni presi in esame. A tal fine ho fatto due diversi esperimenti; il primo in una quinta classe elementare composta da 15 bambini, ai quali ho sottoposto 90 segni molto comuni, quasi tutti tratti dalla lista di nomi usati per la ricerca di confronto (animali e mestieri), con l’aggiunta di altri 30 termini rappresentati da verbi comuni e nomi di oggetti della vita quotidiana.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
7 Introduzione L‟idea di svolgere la mia tesi di laurea sulla Lingua dei segni è nata molto casualmente e, per certi versi, in maniera del tutto semplice. Un giorno, mentre studiavo un libro di linguistica applicata, la mia attenzione si è soffermata su un piccolo paragrafo dedicato appunto alla Lis. La mia curiosità, in particolare, è stata sollecitata dal rilievo posto dall‟autore sull‟influenza della cultura del Paese avvertibile in molti dei segni utilizzati, che esemplificava con la parola “Sabato”. Questo segno veniva eseguito con la configurazione (corrispondente alle nostre “corna”) che suggerisce qualcosa di negativo. Tale configurazione, infatti, è spesso utilizzata come metafora del diavolo in segni quali: DIAVOLO, TENTAZIONE, INFERNO. Il vecchio segno per SABATO, che si eseguiva, sul petto trae le sue origini dal segno EBREO e per questa via arriviamo a connettere il segno con la sfera semantica del sacro: il SABATO, infatti nella tradizione ebraica era il giorno di festa per eccellenza, poiché in quel giorno Dio si riposò dopo la creazione universale. Nella religione cristiana si è verificato col tempo un cambiamento che ha portato a considerare sacra la Domenica1 e non più il Sabato. Tale cambiamento si è prodotto anche nel segno: ora Sabato è un nome inizializzato e la configurazione usata è S. Questa curiosità iniziale mi ha portato ad approfondire la conoscenza sulla lingua dei segni, che ho scoperto essere davvero interessante. Il primo obiettivo della mia ricerca è lo studio delle somiglianze/differenze (a livello lessicale) fra la Lingua dei Segni Italiana (LIS) e quella tedesca (DGS). Grazie all‟aiuto di segnanti nativi in LIS ho potuto considerare le differenze tra la LIS usata a Roma e quella usata a Cagliari. Il secondo obiettivo è quello di verificare se vi è omogeneità , e in quale grado, fra i segni delle Lis regionali utilizzati in diverse città e di vedere se, sulla base di queste somiglianze/differenze esistono legami tra il segno e la cultura locale. Un altro obiettivo è cercare di individuare quali aspetti semantici siano presi in considerazione dalla lingua dei segni nelle diverse regioni e quali quelli presi in considerazione nell‟italiano e nel tedesco. Preliminare all‟analisi è la scelta dei termini da confrontare fra LIS e DGS. Come evidenzia Volterra (1987) occorre scegliere termini che non alterino il significato e si sa che sia la categoria grammaticale (nomi, verbi, preposizioni, pronomi interrogativi, ecc.) sia il campo semantico (colori, parenti, fenomeni atmosferici, ecc.) al quale appartengono i termini influiscono sulla variabilità dei segni. Io ho scelto la categoria dei nomi, prendendo in esame, in particolare, nomi appartenenti al campo semantico dei mestieri (di cui ho analizzato 32 termini) e nomi appartenenti al campo semantico degli animali, (di cui ho analizzato 36 termini). Per la parte italiana ho ricavato le immagini dei corrispettivi segni dal Dizionario bilingue elementare della LINGUA dei Segni Italiana di Elena Radutzky, mentre per la parte tedesca i segni sono stati ricavati dal DVD di Karin Kestner: Das Große Wörterbuch der Deutschen Gebärdensprache. Per quanto riguarda la Lingua dei segni usata a Cagliari devo ringraziare la 1 Secondo la Catechesi in questo giorno “il primo dopo il sabato” è risuscitato Cristo ed è iniziata una nuova era.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

arbitrarietà
cultura dei sordi
dgs
differenze regionali
iconicità
lessico della lis
lingua dei segni
lis
sordi
sordità
struttura della lis
varietà delle lingue dei segni

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi