Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il turismo come sostenibilità, come sport e come fenomeno ludico: il caso del cicloturismo

L'obiettivo che mi sono posta nell'affrontare questo studio, che sicuramente non può essere esaustivo, è stato quello di tentare di coniugare ambiente e turismo. Certo, è un'impresa complessa, che induce spesso in contraddizione, soprattutto da quando il turismo è divenuto una vera e propria industria che muove milioni di persone in tutto il mondo, con rilevanti benefici per le economie dei vari Paesi, ma con enormi ricadute sul piano ambientale e sociale. Di fronte agli effetti devastanti dell'industria turistica è nata la riflessione sulla necessità di sviluppare un modo nuovo di viaggiare, più attento alle emergenze ambientali, più rispettoso nell'approccio con le comunità dei luoghi di destinazione, più educato ai valori della conservazione e tutela dei luoghi visitati. E' chiaro che per diffondere uno stile di viaggio caratterizzato da questi “valori” bisogna, prima di tutto, diffondere i “valori” che sottostanno alle scelte degli individui. Pertanto, l'educazione alla sostenibilità va posta come nodo cruciale per il futuro comune. Integrare il tema dello sviluppo sostenibile ad ogni livello del sistema formativo, incominciando dalla scuola primaria, significa “costruire” nuovi schemi mentali atti a determinare un rinnovamento degli stili di vita, quindi un rinnovamento culturale, che, sebbene lento, sarebbe irreversibile. E' necessario riprogettare la formazione per sviluppare un'etica “ecologica”, che sia trasversale a tutti gli ambiti disciplinari e che, sedimentandosi, diventi principio-guida dello sviluppo socioculturale ed economico.

Mostra/Nascondi contenuto.
4 PREMESSA “Il vero viaggio di scoperta non consiste nel trovare nuove terre, ma nel vedere con nuovi occhi”. La scelta di riportare queste parole di Marcel Proust come incipit a questo lavoro di tesi nasce dalla riflessione su ciò che si richiede ad una pratica turistica sostenibile. Il turismo sostenibile, difatti, non si propone tanto di scoprire nuove pratiche quanto, piuttosto, di osservare con un nuovo sguardo. Muovendo in questa direzione è stato articolato il lavoro di tesi, suddiviso in quattro capitoli. Il primo capitolo parte da un‟analisi degli aspetti generali della sostenibilità per evidenziare attraverso quale processo essa sia stata estesa al tema dello sviluppo. Nel punto di intersezione di entrambe le nozioni è emerso il concetto di sviluppo sostenibile. Nella prima parte viene descritto il cammino compiuto dalla cooperazione internazionale verso la sostenibilità ambientale ed economica, per poi evidenziare le responsabilità del mercato nel mancato raggiungimento degli obiettivi stabiliti. La riflessione è proseguita sul ruolo della formazione nei processi di cambiamento culturale per giungere, infine, ad analizzare da vicino gli effetti prodotti dal turismo di massa e la risposta responsabile alle sue ripercussioni negative. Il secondo capitolo coniuga turismo e sport poiché entrambi i fenomeni hanno subito importanti trasformazioni in seguito al miglioramento delle condizioni medie di vita delle popolazioni. In questo ambito è stato possibile affrontare l‟analisi del modo in cui le accresciute dimensioni della pratica sportiva abbiano determinato significative ripercussioni ambientali, pregiudicando in questo modo la continuità della pratica stessa, fino ad evidenziare come l‟introduzione del concetto di sostenibilità possa contribuire allo sviluppo di un tipo di turismo, quello sportivo, dalle grandi opportunità. Il terzo capitolo è stato sviluppato attraverso un approccio di tipo antropologico, evidenziando un parallelismo tra le peculiarità che descrivono le categorie sociologiche turismo e gioco, entrambe riconducibili al concetto di tempo libero. Si è preferito parlare di fenomeno ludico piuttosto che di gioco, in quanto l‟analisi ha riguardato gli aspetti comportamentali dell‟uomo più che l‟attività di gioco in sé. Infine, nel quarto capitolo è stato descritto il fenomeno del cicloturismo, come punto di arrivo di questo processo di ricerca, tracciandone l‟evoluzione, le potenzialità e le prospettive

Laurea liv.I

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Conchita Ventura Contatta »

Composta da 103 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2369 click dal 24/05/2010.

 

Consultata integralmente 5 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.