Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La domanda, l’offerta di lavoro e l’economia sommersa: analisi economica ed effetti distorsivi del mercato

Le economie occidentali hanno sempre sofferto della presenza di comportamenti di taluni soggetti economici tendenti a nascondere l’utilizzo di fattori produttivi al fine di produrre beni o servizi non in armonia con le ordinarie leggi del mercato.
L’economia sommersa riguarda sia l’acquisto di fattori produttivi, sia con riferimento a mercati sommersi e irregolari, sia con riferimento a mercati regolari. L’economia non osservabile rappresenta un mix dei vari aspetti e distinguere nettamente le varie tipologie risulta a volte difficoltoso, in quanto le varie tipologie sono correlate e facilmente sovrapponibili. L’analisi sarà limitata all’economia sommersa ed in particolare al lavoro sommerso, nonché alle imprese che utilizzano il lavoro nero, per qualificarne gli effetti distorsivi proiettati nei mercati economici e del lavoro.

Mostra/Nascondi contenuto.
3 1. Introduzione Da sempre le economie occidentali hanno sofferto della presenza di comportamenti di taluni soggetti economici tendenti a nascondere l’utilizzo di fattori produttivi al fine di produrre beni o servizi non in armonia con le ordinarie leggi del mercato. L’economia sommersa riguarda sia l’acquisto di fattori produttivi, sia con riferimento a mercati sommersi e irregolari, sia con riferimento a mercati regolari. Le ragioni sembrano essere diverse: dalla facile concorrenza verso aziende dello stesso settore alla evasione tributaria e contributiva, dalla maggiore competizione dei mercati alla maggiore offerta di lavoro incentivata da flussi migratori consistenti. Studi recenti dimostrano che il fenomeno del sommerso, o meglio della economia non osservabile riguarda una fetta consistente dell’intero sistema economico. Possiamo distingue l’economia1 non osservata in: a. economia irregolare o sommersa: intesa come la produzione di beni e servizi legali e destinati al mercato, ma che non viene denunciata agli enti amministrativi per evitare il pagamento di imposte e contributi; b. economia informale: intesa come la produzione di beni e servizi in cui i rapporti di carattere personale e sociale prevalgono rispetto ai caratteri economici. Normalmente non è destinata al mercato. Ne sono esempi l’economia domestica ed il volontariato; c. economia criminale: la produzione di beni e servizi illegali per natura (commercio di droghe, sfruttamento della prostituzione) o perché effettuato da personale non autorizzato. L’economia non osservabile rappresenta un mix dei vari aspetti e distinguere nettamente le varie tipologie risulta a volte difficoltoso, in quanto le varie tipologie sono correlate e facilmente sovrapponibili. L’analisi sarà limitata all’economia sommersa ed in particolare al lavoro sommerso, nonché alle imprese che utilizzano il lavoro nero, per qualificarne gli effetti distorsivi proiettati nei mercati economici e del lavoro. 1 Campanelli Luca, I metodi di analisi statistica per la ricerca sull’economia sommersa, A cura di. Comitato per l’emersione del lavoro non regolare – Presidenza del Consiglio dei Ministri

Tesi di Master

Autore: Salvatore Alcamo Contatta »

Composta da 24 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2196 click dal 01/04/2010.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.