Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il volto banale del Male: Arendt/Eichmann

Scopo di questo lavoro è analizzare il mutamento che la concezione di Male morale subisce nella riflessione arendtiana. Accostando due opere lontane e profondamente diverse, come Le origini del Totalitarismo e La banalità del male, l’obiettivo di questo lavoro è dimostrare la grande differenza tra la descrizione del Male radicale fornitaci da Hannah Arendt nel 1951 e la fisionomia che l’autrice stessa attribuì ad Adolf Eichmann, il criminale nazista processato a Gerusalemme, dieci anni dopo.

Mostra/Nascondi contenuto.
4PREFAZIONE Scopo di questo lavoro è analizzare il mutamento che la concezione di Male morale subisce nella riflessione arendtiana. Accostando due opere lontane e profondamente diverse, come Le origini del Totalitarismo e La banalità del male, l’obiettivo di questo lavoro è dimostrare la grande differenza tra la descrizione del Male radicale fornitaci da Hannah Arendt nel 1951 e la fisionomia che l’autrice stessa attribuì ad Adolf Eichmann, il criminale nazista processato a Gerusalemme, dieci anni dopo. Lo spunto a cui devo la scelta di questo argomento mi si è presentato un anno fa in seguito all’esperienza di tre mesi in Germania come assistente di lingua Socrates/ Comenius. Durante il mio assistentato presso la Katholische Grundschule Blücherstraße di Troisdorf, una scuola elementare cattolica, ho avuto modo di constatare quanto il sistema scolastico tedesco differisca da quello italiano, e una materia, in particolare, ha suscitato il mio interesse: il Faustlos (letteralmente “senza-usare-il pugno”). Mi fu spiegato che si trattava di un programma per prevenire la violenza comportamentale dei bambini anche, e soprattutto, in un contesto multiculturale. Iniziai, allora, a chiedermi se fosse questo il modo più adeguato per trasmettere a

Tesi di Laurea

Facoltà: Lingue e Letterature Straniere

Autore: Maria Anna Casoria Contatta »

Composta da 160 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 6515 click dal 08/04/2010.

 

Consultata integralmente 12 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.