Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La diaspora democristiana dopo la fine della prima repubblica

Lavoro di tesi che si occupa delle motivazioni principali che hanno portato alla rottura dell'esperienza democristiana. In seguito si presenta lo scenario politico postdemocristiano e infine si analizzano con diversi studi statistici le varie scelte fatte dagli ex rappresentanti della Dc per il loro futuro in politica

Mostra/Nascondi contenuto.
INTRODUZIONE Questa tesi si pone come obiettivo quello di capire i motivi per cui la Democrazia cristiana ha dovuto chiudere i battenti dopo oltre mezzo secolo di governo del nostro Paese, e le conseguenze di questo scossone politico. Il primo capitolo si occupa in primis di andare a rintracciare le cause dello scioglimento della Dc. I motivi di questa fine vengono suddivisi in tre grandi tipologie: la prima analizza le motivazioni politiche sia di carattere nazionale che sovranazionale, ponendo particolare accento sulle ripercussioni della caduta del muro di Berlino e del passaggio al sistema maggioritario; la seconda spiegazione si occupa di tangentopoli e delle conseguenze che questa inchiesta giudiziaria ha avuto sul partito. La terza tipologia si occupa degli aspetti più interni al partito e dell’incapacità che, a volte, è stata riscontrata nell’affrontare i cambiamenti sociali del Paese. Questo capitolo, inoltre, analizza la situazione dei partiti dopo lo scioglimento democristiano del 1994; lo scenario politico presenta due formazioni dirette discendenti dalla Dc, Ppi e Ccd. I partiti che completeranno la situazione sono stati, per quanto riguarda il centro-sinistra, il Pds e, nel centro-destra, Forza Italia, An e la Lega Nord. Il secondo capitolo studia, innanzitutto, le scelte effettuate dai rappresentanti nazionali del partito nel periodo immediatamente successivo alla fine della Democrazia cristiana; questa parte sarà corredata da grafici che aiuteranno nella lettura della situazione. Vengono, poi, ipotizzate le motivazioni che hanno portato questi politici ha scegliere d’interrompere con la politica o, invece, a continuare in un’altra formazione. Le spiegazioni sono divise in due categorie: la prima può essere definita sociale e si occupa delle ragioni strategiche e meramente politiche che sono dietro a queste scelte; la seconda si occupa, invece, delle ragioni più personali che si riferiscono all’interiorità e all’ambizione del politico. 5

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Scienze della Comunicazione

Autore: Claudio Napoletano Contatta »

Composta da 84 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 629 click dal 08/04/2010.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.