Skip to content

Il Parlamento nella riforma costituzionale francese del luglio 2008

Informazioni tesi

  Autore: Eleonora Modesti
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2008-09
  Università: Università degli Studi di Roma La Sapienza
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Scienze politiche e delle relazioni internazionali
  Relatore: Fernanda Bruno
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 70

Con decreto del Presidente della Repubblica n. 1108 del 18 luglio 2007, è stato istituito il Comitato di riflessione e di proposta sulla modernizzazione ed il riequilibrio delle istituzioni della V Repubblica (Comité de réflexion et de proposition sur la modernisation et le rééquilibrage des institutions de la Ve République), un comitato presieduto dall’ex primo ministro Edouard Balladur, per fare il punto sullo stato di salute della Repubblica ed approntare le eventuali riforme. Il cosiddetto Comitato Balladur, nato per rispondere alle preoccupazioni e sollecitazioni del Presidente Nicolas Sarkozy e formato principalmente da giuristi costituzionalisti e da personalità politiche aventi competenza in diritto, vede tra i suoi componenti anche alcuni esponenti del Partito Socialista come Jack Lang, Guy Carcassonne, Olivier Duhamel. Dopo tre mesi di lavori tale comitato ha presentato al Presidente della Repubblica, il 29 Ottobre 2007, un dossier intitolato “Une Ve République plus democratique,” incentrato su tre grandi aree tematiche: un migliore assetto del potere esecutivo; il rafforzamento del Parlamento; l’introduzione di nuovi diritti per i cittadini.
Ed è proprio da questa iniziativa che prende l’ispirazione il progetto di legge costituzionale proposto al Parlamento e poi approvato dalla Assemblea nazionale il 9 Luglio 2008 e dal Senato il 17. La riforma costituzionale, infine, è stata definitivamente approvata il 21 luglio 2008 dal Parlamento francese riunito in Congresso, con il faticoso raggiungimento della maggioranza qualificata (539 voti favorevoli,solo uno in più rispetto alla maggioranza richiesta).
La riforma ,contenuta nella legge del 23 Luglio 2008, introduce nuove misure apportando modifiche a più della metà degli articoli della Costituzione.
Gli obiettivi specifici della riflessione per ciò che concerne i profili più rilevanti in tema di rapporti tra poteri dell’esecutivo e del legislativo sono molteplici. Si possono individuare tre macroaree di interesse e cioè: il riequilibrio dell’architettura istituzionale: chiarire il ruolo dell’esecutivo in una prospettiva più generale di trasparenza e responsabilità e procedere al rafforzamento del Parlamento che nell’impianto costituzionale del 1958 viene relegato ad un ruolo marginale nell’ambito delle istituzioni perdendo molte prerogative come ad ed esempio il monopolio nell’elaborazione della legge e del diritto; la governabilità: consentire al Presidente della Repubblica di esercitare le proprie funzioni in maniera agevole, anche di fronte al Parlamento, senza l’intermediazione del Primo Ministro; i limiti: apporre un certo numero di limiti ai poteri del Presidente della Repubblica, garantendo maggiore spazio alle iniziative del Parlamento.
Inoltre il progetto comprende anche la riforma della giustizia (diversa composizione del Conseil supérieur de la magistrature; nuova disciplina del diritto di concedere la grazia; introduzione di un controllo di costituzionalità delle leggi a posteriori; etc.), gli istituti della democrazia diretta, ed i nuovi diritti di cittadinanza.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
INTRODUZIONE A fronte dei cambiamenti sociali, politici ed economici intervenuti nel tempo, il testo costituzionale del 1958 – che aveva dato alla Francia un assetto di poteri stabile ed efficiente, mettendo fine agli squilibri e alle difficoltà della Quarta Repubblica – non sembra più del tutto adatto a garantire un quadro definito entro il quale si vadano a comporre i poteri e le prerogative dell’esecutivo, del legislativo, del giudiziario. Non è di certo una novità nella storia costituzionale francese. A partire dal 1958 , infatti, la Costituzione francese è stata riformata numerose volte con revisioni più o meno significative ed incisive. Da un punto di vista qualitativo, certamente le più importanti si sono avute nel 1962, l’elezione diretta del Presidente della Repubblica a suffragio universale, riforma che Vedel ribattezzò «La deuxiéme Constitution de la Ve République»; nel 1974, l’elezione del Consiglio costituzionale da parte di sessanta deputati e sessanta senatori; nel 2000, la durata quinquennale della Presidenza della Repubblica (non più settennale); nel 2002, l’inversione dell’ordine delle elezioni, con quelle presidenziali di poco precedenti le elezioni legislative. Cosa resta, dunque, del disegno originario? La Costituzione del 1958 ha dato vita ad una formula di razionalizzazione del parlamentarismo che secondo Maurice Duverger costituisce una forma di governo innovativa, c.d. semipresidenziale. Nel 1962, con la prima elezione del Presidente della Repubblica a suffragio universale diretto (nuovo art. 7 Cost.), è stata avviata la restaurazione del potere dell’esecutivo a scapito di quello del Parlamento. Si ha una forte trasformazione dell’assetto istituzionale: il Presidente della Repubblica ha il compito istituzionale di “vigilare sul regolare funzionamento dei poteri pubblici” (art. 5 Cost.); il Governo, il cui Consiglio dei ministri è presieduto dal Capo dello Stato, “determina e dirige la politica della nazione” (art. 20) e, a questo fine, “dispone dell’amministrazione”. Nei fatti, dopo la riforma costituzionale del 1962, la Quinta Repubblica si è orientata in senso marcatamente presidenziale, con la netta preminenza del 3

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

assemblee
balladur
camere
comitato
commissioni
comunità europea
diritto costituzionale
diritto pubblico comparato
forma di governo
francia
governo
legge
legge costituzionale
parlamentarismo
parlamento
presidente dfella repubblica
presidenzialismo
primo ministro
procedimento
revisione
riabilitazione
riforma costituzionale
sarkozy
semipresidenzialismo

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi