Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La Convenzione di Vienna sulla vendita internazionale alla luce della giurisprudenza tedesca ed austriaca

La Convenzione delle Nazioni Unite sui contratti di vendita internazionale di beni mobili (The UN Convention on Contracts for the International Sale of Goods-CISG) fu approvata a Vienna l’11 aprile 1980 su progetto elaborato dall’Uncitral (Commissione delle Nazioni Unite per il diritto del commercio internazionale), con l’obiettivo di proseguire sulla via dell’unificazione della disciplina della vendita internazionale già intrapresa con l’adozione delle due convenzioni dell’Aja del 1964, vale a dire la Legge uniforme sulla vendita internazionale di beni mobili corporali (Luvi) e la Legge uniforme sulla formazione dei contratti di vendita internazionale di beni mobili corporali (Lufc), che non ebbero tuttavia il successo sperato.
Al contrario, si può affermare che la Convenzione di Vienna abbia ottenuto un buon successo nel perseguimento dell’uniformità del diritto del commercio internazionale. A diciotto anni dalla sua adozione, essa è entrata in vigore in ben quarantotto Paesi, tra cui la quasi totalità degli Stati dell’Unione Europea , gli Stati Uniti d’America e il Canada, la Federazione Russa, la Cina, l’Australia, alcuni Stati dell’Africa, dell’America Latina, del Medio ed Estremo Oriente, così da venire ad essere punto di riferimento costante per la regolamentazione della maggior parte degli scambi di beni a livello mondiale.
Inoltre, a testimonianza della centralità della disciplina uniforme in oggetto nell’ambito della vendita internazionale, vi è la già estesa giurisprudenza formatasi al riguardo. Si ha notizia ormai di più di trecento decisioni emanate da corti statali ed arbitrali in applicazione della Convenzione di Vienna. Naturalmente non tutti gli Stati hanno finora contribuito a questa fioritura giurisprudenziale. Fra questi, purtroppo, è da annoverare l’Italia. Nonostante la Convenzione sia entrata in vigore nel nostro Paese da dieci anni, è ancora irrisorio il numero delle decisioni pronunciate dai nostri giudici e si tratta di pronunzie che per lo più ne escludono l’applicazione. Tale dato assume maggior risalto se confrontato con la situazione in alcuni Stati a noi vicini: Austria, Francia, Germania, Paesi Bassi - nazioni in cui la Convenzione è entrata in vigore non prima che in Italia, se non addirittura alcuni anni dopo , e che sono tra i nostri maggiori partner commerciali - hanno dimostrato di aver preso una notevole familiarità con la disciplina uniforme in oggetto; le Corti Supreme di tutti questi Paesi infatti si sono già pronunciate in materia.

Mostra/Nascondi contenuto.
1 INTRODUZIONE La Convenzione delle Nazioni Unite sui contratti di vendita internazionale di beni mobili (The UN Convention on Contracts for the International Sale of Goods-CISG) fu approvata a Vienna l’11 aprile 1980 su progetto elaborato dall’Uncitral (Commissione delle Nazioni Unite per il diritto del commercio internazionale), con l’obiettivo di proseguire sulla via dell’unificazione della disciplina della vendita internazionale già intrapresa con l’adozione delle due convenzioni dell’Aja del 1964, vale a dire la Legge uniforme sulla vendita internazionale di beni mobili corporali (Luvi) e la Legge uniforme sulla formazione dei contratti di vendita internazionale di beni mobili corporali (Lufc), che non ebbero tuttavia il successo sperato. 1 Al contrario, si può affermare che la Convenzione di Vienna abbia ottenuto un buon successo nel perseguimento dell’uniformità del diritto del commercio internazionale. A diciotto anni dalla sua adozione, essa è entrata in vigore in ben quarantotto Paesi, tra cui la quasi totalità degli Stati dell’Unione Europea 2 , gli Stati Uniti d’America e il Canada, la Federazione Russa, la Cina, l’Australia, alcuni Stati dell’Africa, dell’America Latina, del Medio ed Estremo Oriente, così da venire ad essere punto di riferimento costante per la regolamentazione della maggior parte degli scambi di beni a livello mondiale. 3 Inoltre, a testimonianza della centralità della disciplina uniforme in oggetto nell’ambito della vendita internazionale, vi è la già estesa giurisprudenza formatasi al riguardo. Si ha notizia ormai di più di trecento decisioni emanate da corti statali ed arbitrali in applicazione della Convenzione di Vienna. 4 1 Le leggi uniformi dell’Aja entrarono in vigore solamente in nove dei ventotto Stati che avevano partecipato alla loro approvazione: Italia (con legge di ratifica 21 giugno 1971 n. 816, in Gazz Uff., suppl. ord. al n. 258 del 13 ottobre 1971), Belgio, Gambia, Repubblica Federale Tedesca, Gran Bretagna, Israele, Lussemburgo, Olanda, San Marino. Fra le cause di tale insuccesso la dottrina annovera lo scarso ruolo avuto in sede di elaborazione delle convenzioni da parte dei Paesi ex- socialisti e dei Paesi in via di sviluppo. In tal senso cfr. FERRARI, Vendita internazionale di beni mobili. Art.1-13. Ambito di applicazione. Disposizioni generali, in Commentario del Codice Civile Scialoja-Branca, pp. 10-11. 2 Gli Stati dell’Unione Europea in cui la Convenzione di Vienna non è in vigore sono Portogallo, Grecia, Irlanda e Regno Unito. 3 Secondo stime esistenti, la Convenzione disciplina il 60% degli scambi di beni mobili a livello mondiale. Per un elenco completo degli stati contraenti CISG, vedi la lista riportata in appendice. Una lista continuamente aggiornata è consultabile al seguente indirizzo Internet: http.//cisgw3.law.pace edu. 4 Per una lista di molte decisioni aventi ad oggetto la Convenzione di Vienna rese finora, completa dei riferimenti per il reperimento delle stesse, vedi WILL, International Sales Law under CISG. The UN Convention on Contracts for the International Sale of Goods(1980). The first 284 or so decisions. Una raccolta ragionata della giurisprudenza sulla Convenzione di Vienna è contenuta nella banca dati Unilex- A Comprehensive and Intelligent data base on the UN Convention on Contracts for the Intenational Sale of Goods.

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Paolo Emilio Conci Contatta »

Composta da 239 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 8482 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 23 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.