Skip to content

La Convenzione di Vienna sulla vendita internazionale alla luce della giurisprudenza tedesca ed austriaca

Informazioni tesi

  Autore: Paolo Emilio Conci
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 1996-97
  Università: Università degli Studi di Bologna
  Facoltà: Giurisprudenza
  Corso: Giurisprudenza
  Relatore: Franco Ferrari
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 239

La Convenzione delle Nazioni Unite sui contratti di vendita internazionale di beni mobili (The UN Convention on Contracts for the International Sale of Goods-CISG) fu approvata a Vienna l’11 aprile 1980 su progetto elaborato dall’Uncitral (Commissione delle Nazioni Unite per il diritto del commercio internazionale), con l’obiettivo di proseguire sulla via dell’unificazione della disciplina della vendita internazionale già intrapresa con l’adozione delle due convenzioni dell’Aja del 1964, vale a dire la Legge uniforme sulla vendita internazionale di beni mobili corporali (Luvi) e la Legge uniforme sulla formazione dei contratti di vendita internazionale di beni mobili corporali (Lufc), che non ebbero tuttavia il successo sperato.
Al contrario, si può affermare che la Convenzione di Vienna abbia ottenuto un buon successo nel perseguimento dell’uniformità del diritto del commercio internazionale. A diciotto anni dalla sua adozione, essa è entrata in vigore in ben quarantotto Paesi, tra cui la quasi totalità degli Stati dell’Unione Europea , gli Stati Uniti d’America e il Canada, la Federazione Russa, la Cina, l’Australia, alcuni Stati dell’Africa, dell’America Latina, del Medio ed Estremo Oriente, così da venire ad essere punto di riferimento costante per la regolamentazione della maggior parte degli scambi di beni a livello mondiale.
Inoltre, a testimonianza della centralità della disciplina uniforme in oggetto nell’ambito della vendita internazionale, vi è la già estesa giurisprudenza formatasi al riguardo. Si ha notizia ormai di più di trecento decisioni emanate da corti statali ed arbitrali in applicazione della Convenzione di Vienna. Naturalmente non tutti gli Stati hanno finora contribuito a questa fioritura giurisprudenziale. Fra questi, purtroppo, è da annoverare l’Italia. Nonostante la Convenzione sia entrata in vigore nel nostro Paese da dieci anni, è ancora irrisorio il numero delle decisioni pronunciate dai nostri giudici e si tratta di pronunzie che per lo più ne escludono l’applicazione. Tale dato assume maggior risalto se confrontato con la situazione in alcuni Stati a noi vicini: Austria, Francia, Germania, Paesi Bassi - nazioni in cui la Convenzione è entrata in vigore non prima che in Italia, se non addirittura alcuni anni dopo , e che sono tra i nostri maggiori partner commerciali - hanno dimostrato di aver preso una notevole familiarità con la disciplina uniforme in oggetto; le Corti Supreme di tutti questi Paesi infatti si sono già pronunciate in materia.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
1 INTRODUZIONE La Convenzione delle Nazioni Unite sui contratti di vendita internazionale di beni mobili (The UN Convention on Contracts for the International Sale of Goods-CISG) fu approvata a Vienna l’11 aprile 1980 su progetto elaborato dall’Uncitral (Commissione delle Nazioni Unite per il diritto del commercio internazionale), con l’obiettivo di proseguire sulla via dell’unificazione della disciplina della vendita internazionale già intrapresa con l’adozione delle due convenzioni dell’Aja del 1964, vale a dire la Legge uniforme sulla vendita internazionale di beni mobili corporali (Luvi) e la Legge uniforme sulla formazione dei contratti di vendita internazionale di beni mobili corporali (Lufc), che non ebbero tuttavia il successo sperato. 1 Al contrario, si può affermare che la Convenzione di Vienna abbia ottenuto un buon successo nel perseguimento dell’uniformità del diritto del commercio internazionale. A diciotto anni dalla sua adozione, essa è entrata in vigore in ben quarantotto Paesi, tra cui la quasi totalità degli Stati dell’Unione Europea 2 , gli Stati Uniti d’America e il Canada, la Federazione Russa, la Cina, l’Australia, alcuni Stati dell’Africa, dell’America Latina, del Medio ed Estremo Oriente, così da venire ad essere punto di riferimento costante per la regolamentazione della maggior parte degli scambi di beni a livello mondiale. 3 Inoltre, a testimonianza della centralità della disciplina uniforme in oggetto nell’ambito della vendita internazionale, vi è la già estesa giurisprudenza formatasi al riguardo. Si ha notizia ormai di più di trecento decisioni emanate da corti statali ed arbitrali in applicazione della Convenzione di Vienna. 4 1 Le leggi uniformi dell’Aja entrarono in vigore solamente in nove dei ventotto Stati che avevano partecipato alla loro approvazione: Italia (con legge di ratifica 21 giugno 1971 n. 816, in Gazz Uff., suppl. ord. al n. 258 del 13 ottobre 1971), Belgio, Gambia, Repubblica Federale Tedesca, Gran Bretagna, Israele, Lussemburgo, Olanda, San Marino. Fra le cause di tale insuccesso la dottrina annovera lo scarso ruolo avuto in sede di elaborazione delle convenzioni da parte dei Paesi ex- socialisti e dei Paesi in via di sviluppo. In tal senso cfr. FERRARI, Vendita internazionale di beni mobili. Art.1-13. Ambito di applicazione. Disposizioni generali, in Commentario del Codice Civile Scialoja-Branca, pp. 10-11. 2 Gli Stati dell’Unione Europea in cui la Convenzione di Vienna non è in vigore sono Portogallo, Grecia, Irlanda e Regno Unito. 3 Secondo stime esistenti, la Convenzione disciplina il 60% degli scambi di beni mobili a livello mondiale. Per un elenco completo degli stati contraenti CISG, vedi la lista riportata in appendice. Una lista continuamente aggiornata è consultabile al seguente indirizzo Internet: http.//cisgw3.law.pace edu. 4 Per una lista di molte decisioni aventi ad oggetto la Convenzione di Vienna rese finora, completa dei riferimenti per il reperimento delle stesse, vedi WILL, International Sales Law under CISG. The UN Convention on Contracts for the International Sale of Goods(1980). The first 284 or so decisions. Una raccolta ragionata della giurisprudenza sulla Convenzione di Vienna è contenuta nella banca dati Unilex- A Comprehensive and Intelligent data base on the UN Convention on Contracts for the Intenational Sale of Goods.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

cisg
contratti di compravendita internazionale di merci
convenzione di vienna
vendita di beni mobili
diritto privato comparato

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi