Skip to content

La Contropulsazione Aortica: studio di ricerca quantitativa e progetto formativo tra competenze, conoscenze e conflitti professionali

Informazioni tesi

  Autore: Fabrizio Neri
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2008-09
  Università: Università degli Studi di Roma La Sapienza
  Facoltà: Medicina e Chirurgia
  Corso: Scienze Infermieristiche, Ostetriche, Pediatriche
  Relatore: Fernanda Di Foggia
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 104

La tesi in questione è stata ideata attraverso un tessuto teorico di duplice ispirazione: filosofica e scientifica. Il primo facendo continui richiami ai concetti della conoscenza e della vera conoscenza, dal modello deduttivo a quello induttivo e della sapienza che è in grado di determinare le competenze. Il secondo elaborato attraverso uno studio di ricerca quantitativa ed un intervento formativo.
Lo studio è stato un’indagine conoscitiva di coorte, di tipo longitudinale e comparativa, ed ha necessitato di un reclutamento di 60 pazienti sottoposti a contropulsazione aortica in regime d’urgenza e reperibilità, suddivisi in due gruppi ciascuno di 30, in cui nel primo l’intervento era stato eseguito con la collaborazione dell’infermiere, presente in tempo reale al momento dell’indicazione di tale procedura e nel secondo con quella del tecnico di perfusione cardio-circolatoria, che ha necessitato sempre di tempi d’attesa sensibilmente maggiori perché non facente parte dell’equipe primaria.
I dati sono stati acquisiti nel periodo compreso tra luglio 2004 ed aprile 2009, in modo sia retrospettivo che prospettico. I reparti protagonisti del reperimento di tali dati sono stati: l’emodinamica, l’utic e la terapia intensiva post cardio-chirurgica, dell’istituto del cuore e grossi vasi dell’azienda universitaria policlinico UI° di Roma.
I risultati hanno dimostrato inequivocabilmente il peggioramento dell’outcome dei pazienti in cui l’intervento era stato quello dei tecnici rispetto a quello degli infermieri, e tempi d’attesa per iniziare tale procedura salva vita sensibilmente più alti, (64 minuti per i tecnici contro gli 8 degli infermieri). Lo studio ha poi risposto alle domande di ricerca che attraverso lo stesso chi scrive si è posto:
1. Esiste un’attesa eccessiva per posizionare il contropulsatore aortico in regime d’urgenza e reperibilità, quando l’intervento in questione è risolto grazie alla presenza dei tecnici di perfusione, rispetto alla possibilità relegata alla competenza sul campo dell’infermiere, non formata attraverso lezioni progettate, ma comunque in grado di ridurre i tempi medi intervenendo autonomamente?
2) Questo eccessivo ritardo può provocare ripercussioni nei confronti del paziente in termini di peggioramento dell’outcome, (segni e sintomi clinici)?
3) Lo stesso ritardo è in grado di ripercuotersi dal punto di vista organizzativo ed anche sulla spesa dell’azienda, per l’eccessivo utilizzo di risorse? Si possono così ridurre i costi derivati dalle complicanze cardiologiche legate alla scarsa conoscenza e competenza in merito alla contropulsazione?
4) Esistono conflitti professionali tra infermieri e tecnici della perfusione, derivanti da tale imbarazzi gestionali?
La grande maggioranza delle variabili, (82), ha dimostrato soprattutto per quelle post contropulsazione un peggioramento in termini di clinica, sintomatologia e numero di urgenze/emergenze.
Lo studio ha poi dimostrato che i conflitti ed imbarazzi tra le due professioni sanitarie protagoniste dello stesso, sono stati presenti nel periodo di transizione tra il naturale abbandono del servizio in emodinamica da parte dei tecnici e la crescente capacità degli infermieri. Periodo nel quale una figura non sapeva se dovesse esercitare lei o l’altra tale competenza; quest’ultima paradossalmente acquisita senza formazione specifica nel caso degli infermieri.
L’intervento formativo è stato ideato e concepito per delineare le linee guida per la sua attuazione rivolta al personale sanitario infermieristico delle terapie intensive ma estendibile ai corsi di laurea triennale ed altre diverse professioni sanitarie tra le quali ovviamente quella infermieristica ed ai master di area critica.
Esso è stato delineato attraverso l’identificazione del contesto, dei destinatari, degli obiettivi, le finalità organizzative e formative, i metodi, gli sviluppi teorici, i livelli minimi, i requisiti di accesso, il materiale didattico, i contenuti del corso, la verifica, la valutazione, i tempi e la durata.
Con questa tesi non ho voluto relegare ed attribuire colpe, oneri o doveri a qualcuno, ma semplicemente prendere spunto dai dati acquisiti, che rispondono inequivocabilmente alle domande di ricerca poste da me originariamente. Si potrebbe così estendere il concetto della ricerca e redistribuzione delle competenze, ma non senza una adeguata, programmata e studiata formazione, tale da far divenire non solo più conoscenti ma sapienti e di conseguenza competenti.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
1 INTRODUZIONE Occuparsi di cuore, lavorare per lui, vederlo dal vivo e ascoltare “la sua voce”, trasferendo le proprie emozioni nel muoversi quotidiano, dal freddo suono di un beep a quello del dolce e ritmico tintinnio del cuore dei miei figli. E’ trascorso un ventennio esatto dal momento in cui iniziai questa professione, e vent’anni aveva quel ragazzo, timido ed impacciato, che poco o nulla conosceva di questo mondo sanitario, del quale ne avrei di lì a poco, fatto parte integrante. La grande trasformazione del nostro “operato” si avviava proprio in quel tempo, ed ancora ignaro e non mirante di ciò che stava accadendo, comunque ne fui testimone ed inconsapevolmente attore, in scena nel gran teatro della legislazione sanitaria, in cui gli auspici, le discussioni ed i progetti, gettarono le basi normative che hanno costruito ed aiutato ad attuare le nostre odierne leggi. Operavo e lavoravo con un “elenco di cose” che potevo fare o non fare, lasciando ancora poco spazio a concetti come la competenza e la capacità1. Questi anni, comunque tutti trascorsi a contatto con il paziente critico cardochirurgico prima e cardiologico poi, hanno in modo spontaneo e naturale fatto riflettere ed emergere in me perplessità, ipotesi e dubbi riguardanti le conflittualità tra i ruoli professionali, quest’ultimi trasformatisi nel tempo e troppo spesso non sinergicamente coagulati tra loro, sia per chi opera nel settore del cuore, che nella sanità tutta. Certamente la tesi in questione, costituita da un lavoro di ricerca ed un progetto formativo, intende prendere spunto dalle argomentazioni riguardanti uno specifico “macchinario salva vita” per estrapolarlo a concetti e ragionamenti formativi più ampi, che quotidianamente si vivono ed affrontano nelle strutture dell’area critica, in cui ancora troppo poca, è presente una formazione organizzata e progettata, rispetto alle conoscenze improvvisate ed acquisite da passaggi di “nozioni volanti”. E’ dalla storia, e quindi dal passato che si fondano i nostri concetti, per assemblarli, cambiarli, sostituirli con nuovi, modificarli o più semplicemente lasciarli così come sono, esattamente così com’è il cuore, depositario dell’anima nostra e quindi 1 www.ipasvifi.it/sansoni,

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

autonomia
chiave del cuore
competenze
conflitti
conflitti professionali
conoscenze
contropulsatore
contropulsazione aortica
cuore
emodinamica
filosofia
filosofia della conoscenza
formazione
i.a.b.p.
iabp
progetto
progetto formativo
protocollo
ricerca quantitativa
ruoli
sapienza
studio di ricerca
tesi scientifica
variabili

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi