Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La cultura pastorale tra Puglia e Abruzzo

Il mio lavoro si apre facendo riferimento alla transumanza, una pratica molto antica che consiste nella migrazione delle greggi in inverno dalle montagne dell’Appennino e del sub Appennino alle pianure del Tavoliere di Puglia e un suo conseguente ritorno in estate.
Tale fenomeno migratorio, iniziato nel XIII secolo e durato per circa 400 anni ha caratterizzato la vita economica e sociale di alcune realtà del Mezzogiorno d’Italia, in particolare l’Abruzzo e la Puglia.
Nel Tavoliere di Puglia erano a stretto contatto i Pastori d’Abruzzo e i contadini Pugliesi i quali lavoravano fianco a fianco e spesso erano in concorrenza per la medesima terra e non era sempre facile trovare un punto d’incontro.
Spesso sorgevano conflitti tra le due fazioni e le cause erano molteplici ad esempio alle volte i contadini sconfinavano nelle vie di passaggio destinate alle greggi, tali vie venivano chiamate tratturi; e i pastori d’altro canto sconfinavano tali tratturi per entrare con il gregge nei campi coltivati rovinando così i raccolti.
Altra causa di tali dissidi sorgeva dal fatto che i pastori abruzzesi portavano introiti nelle casse del regno godendo di innumerevoli privilegi che non venivano riconosciuti ai contadini.
Per questo sovente si assisteva a lotte armate tra le due popolazioni.
Nonostante i frequenti conflitti, la pratica della transumanza, ha creato i presupposti per una profonda interrelazione tra i contadini pugliesi e i pastori abruzzesi. Lungo i tratturi infatti non si spostavano solo greggi ma anche riti, culti, credenze, usanze, tradizioni e leggende.
Diversi sono i culti pugliesi che pian piano si sono irradiati nella cultura abruzzese presumibilmente ad opera dei pastori, in particolare i tre patroni di Puglia: San Michele Arcangelo, San Nicola di Bari e la Madonna Incoronata ancora oggi venerati.
Il culto di San Michele Arcangelo, in Puglia era molto sentito già dal V secolo, data della sua apparizione a Monte Sant’Angelo nei pressi di Foggia. Al santo si lega proprio il calendario della transumanza che iniziava e finiva con i due pellegrinaggi da parte dei pastori alla grotta di San Michele arcangelo a Monte Sant’Angelo, il 29 settembre data di Inizio della transumanza e l’8 maggio data della sua fine.
In Abruzzo sono moltissime le grotte dedicate al culto di san Michele, come si nota dalla cartina si trovano lungo i 3 principali tratturi dove venivano impiegate come ricovero dei pastori e delle loro greggi.
La prima grotta è quella di Bominaco, Lettomanoppello, Palombaro, Lama dei Peligni, Liscia, Pescocostanzo, Balsorano.
Ciò che accomuna queste grotte non è solo la forte devozione a San Michele Arcangelo, a cui sono dedicate ma anche diversi elementi come la presenza di sorgenti, l’altura dei suoi luoghi, la cavità e la forte presenza pastorale.

San Nicola, un santo marinaro in Puglia, è divenuto in Abruzzo il santo protettore dei pastori, sono moltissime le chiese e le cappelle votive costruite in suo onore.
La provincia di Chieti è forse quella in Italia dove il culto del santo è più vivo: Lanciano, Ortona, Vasto, Pollutri.
Proprio nel borgo di Pollutri avviene il 6 dicembre la festa delle fave, in piazza infatti vengono allestiti diversi calderoni colmi di fave in cottura.

Come per gli altri due Santi anche la Madonna Incoronata è particolarmente venerata in Puglia, infatti nei pressi di Foggia troviamo un santuario in suo onore; riguardo alla data di inizio di tale culto non vi è alcuna testimonianza.
Anche a Pescasseroli, in Abruzzo, sorge un santuario dedicato alla madonna incoronata molto simile a quella di Foggia; proprio per questa analogia i pastori transumanti quando si trovavano nei territori di Puglia, andavano a visitare la loro Madonna Nera per sentirsi meno soli e quasi a casa propria.
Questi legami sono stati ufficialmente rinnovati nel settembre dell’83 quando c’è stato un gemellaggio tra la città di Foggia e quella di Pescasseroli.

Il mio lavoro non è incentrato sul fenomeno della transumanza fine a se stessa ma ho cercato di sottolineare le conseguenze, soprattutto culturali che tale fenomeno ha portato nelle due realtà.
I pastori abruzzesi e i contadini pugliesi di ieri ci insegnano che piuttosto che irrigidirsi nella difesa della propria cultura spesso è più proficuo e gratificante uno scambio di esperienze e culture capace di generare forme di vita sociali e di relazioni interpersonali più ricche e stimolanti.

Mostra/Nascondi contenuto.
6 INTRODUZIONE a transumanza è stato un importante fenomeno, iniziato nel XIII secolo e durato per circa quattro secoli, che ha profondamente caratterizzato la vita economica e sociale di alcune realtà del Mezzogiorno d’Italia e in particolare della Puglia e dell’Abruzzo. Tale fenomeno ha creato i presupposti per una profonda interrelazione tra genti di origine diverse; con questa tesi si sono analizzati alcuni aspetti di queste significative relazioni strette tra i pastori abruzzesi che in inverno andavano a svernare con le proprie greggi nella piana di Foggia e i contadini pugliesi. Tali relazioni hanno, poi, avuto una profonda rilevanza sulla cultura materiale e immateriale delle compagini sociali di entrambe le regioni. Nel primo capitolo si è parlato della storia della transumanza nel mezzogiorno d’Italia dagli albori dell’età repubblicana, poi in declino, ad una ripresa più in là nei secoli, a cavallo tra il XIV e il XV secolo con Giovanna II d’Angiò che riformò tutto il sistema. La transumanza fu istituzionalizzata solo con Alfonso I D’Aragona nel 1447, quando si istituì la Dogana della Mena delle pecore, un meccanismo che spingeva i pastori con le greggi a “calare” dai monti dell’Abruzzo alla piana del Tavoliere di Puglia. La transumanza poi entrò in crisi con il regno Borbonico sino a subire un brusco ridimensionamento con Giuseppe Bonaparte il quale abolì la Dogana. Il secondo capitolo guarda alla realtà pugliese, quella dei contadini; dal paesaggio pugliese, paesaggio arido e malsano in estate agli inverni umidi e poco ospitali. I contadini pugliesi erano in continua L

Laurea liv.I

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Federica Dell'olio Contatta »

Composta da 95 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2818 click dal 08/04/2010.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.