Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La gestione della Qualità nella produzione delle statistiche ufficiali

Introduzione
La qualità, quale concetto applicato a specifiche aree del sapere, spesso non trova adeguati riscontri definitori; se si fa riferimento all’area della statistica, non esiste ad oggi una definizione ufficiale universalmente condivisa.
Molte definizioni si rassomigliano e descrivono la qualità in statistica come la rispondenza all’uso o il grado al quale vengono soddisfatte le necessità degli utenti. È evidente il richiamo alla definizione sancita dall’International Standards Organisation (ISO) nel 1986 e tuttora valida, secondo la quale la qualità è quel complesso di proprietà o caratteristiche del prodotto o servizio volte a soddisfare bisogni espressi o impliciti degli utenti (ISO 8402).
Inizialmente, nel contesto statistico, la qualità è stata considerata un sinonimo del concetto di precisione (accurancy) e misurata con l’errore quadratico medio (Eurostat 2002a). Con il passare del tempo, invece, il concetto di qualità in statistica è variato molto, ed il suo significato è diventato più ampio; oggi, esso è riconducibile ad un insieme di dimensioni chiave (Giovannini E., 2006):
1. Rilevanza (relevance): corrispondenza tra le informazioni riportate dalla statistica e le informazioni richieste dagli utenti della stessa.
2. Precisione (accuracy): grado con cui l’informazione statistica descrive correttamente il fenomeno per la cui misurazione è stata sviluppata.
3. Tempestività (timeliness): ritardo con cui una informazione statistica è diffusa rispetto al periodo di riferimento.
4. Puntualità (punctuality): grado di aderenza al calendario di rilascio dell’informazione statistica da parte del produttore del dato.
5. Accessibilità (accessibility): condizioni fisiche in cui sono messe a disposizione le informazioni statistiche agli utenti (mezzi di divulgazione,modalità di consultazione,barriere all’accesso, ecc…).
6. Chiarezza (clarity): facilità con la quale viene compreso il dato statistico rispetto all’universo di riferimento.
7. Coerenza (coherence): utilizzo di schemi concetti e definizioni standard che permettano la comparabilità delle informazioni statistiche.
8. Comparabilità (comparability): capacità del dato statistico di essere confrontato con altri dati riferiti a popolazioni differenti.
Il primo capitolo della tesi affronta in maniera generale i fondamenti del controllo della qualità e le logiche della qualità totale e dell’eccellenza con un’analisi più particolare del ruolo della qualità all’interno e all’esterno del Sistema Statistico Europeo.
Nel secondo capitolo vengono analizzate le dimensioni della qualità come da classificazione ISO.
Il capitolo tre è il più analitico e fa riferimento all’applicazione dei più recenti indicatori di qualità prodotti nel Sistema Statistico Europeo.
Infine viene analizzata, nel capitolo quattro, una dimensione importante che fa riferimento ai costi per gli utenti e agli oneri per i rispondenti delle indagini sulla qualità.

Mostra/Nascondi contenuto.
- 6 - 1. La qualità totale nei sistemi statistici Dalle considerazioni sopra elencate appare chiaro che la qualità in statistica va molto oltre la precisione (accurancy) nella produzione dei dati (Giovannini E., 2006). Le statistiche, infatti, sono prodotte quale risultato diretto e indiretto di una serie di processi interrelati tra loro: pianificazioni di indagini e questionari, interviste, codificazioni, correzione di dati, stime di modelli statistici, etc. Questo tipo di approccio in statistica, definito “Qualità Totale”, ha rivoluzionato diversi istituti nazionali di statistica sviluppando criteri sistemici di gestione della qualità statistica, soprattutto di dati economici. Il Total Quality Management (Eurostat, 2002b) può essere considerato come una filosofia manageriale, che ha alcuni valori chiave da seguire come traccia, come ad esempio: ξ Orientamento al cliente ξ Leadership e coinvolgimento totale ξ Approccio per processi ξ Misurazioni e analisi delle variazioni ξ Miglioramento continuo Il fulcro del TQM risiede certamente nell‟approccio per processi che diviene un valore aggiunto per l‟organizzazione verso il miglioramento continuo delle proprie performance. 1.1 La qualità nel Sistema Statistico Europeo Il TQM è stato recepito dai partner dell‟Eurosistema e rielaborato nel modello European Foundation for Quality Management (EFQM, 1999).

Laurea liv.I

Facoltà: Economia

Autore: Salvatore Bertolino Contatta »

Composta da 88 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1300 click dal 15/04/2010.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.