Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Sostenibilità zootecnica in ordinamenti produttivi del Mezzogiorno continentale: Podolica e Marchigiana

In questa tesi è stata analizzata la sostenibilità di un modello produttivo, riguardante l’allevamento bovino da carne, in termini di costi energetici di trasformazione.
A tal proposito sono stati messi a confronto due allevamenti, uno di bovini di razza Podolica e l’altro di bovini di razza Marchigiana.
Questi due allevamenti, per poter essere confrontati, sono stati posti nello stesso ambiente e con le stesse condizioni di allevamento. In maniera tale che tutte le differenze in termini di costo, che si verranno a manifestare, saranno attribuite esclusivamente ad una maggiore o minore specializzazione verso una determinata attitudine produttiva e alla considerazione riposta al tipo genetico entro l’ambiente in questione, quindi valutare quali dei due allevamenti avrà una migliore sostenibilità nell’ambiente considerato.
Scenario, preso in considerazione per questa analisi, sarà il Mezzogiorno continentale del nostro Paese. Infatti, il nostro studio, parte da un ordinamento produttivo tipico delle nostre zone, in un’azienda campione, situata nella Collina Materana, in Basilicata, dove insisteranno i nostri due allevamenti.

Mostra/Nascondi contenuto.
6 INTRODUZIONE ell’Unione Europea la filiera della zootecnia da carne è stata oggetto di grandi cambiamenti, dovuti all’aumentata esigenza dei consumatori di sicurezza alimentare e rintracciabilità delle carni, e a perduranti difficoltà del mercato, anche a seguito dell’aumento, a livello mondiale, del costo dei mangimi, nonché di una pressante concorrenza estera. In Italia, nell’ultimo decennio si è verificato un vero e proprio “rinascimento” zootecnico, con un notevole incremento del numero degli allevamenti bovini da carne. I motivi profondi di questa riscoperta della zootecnia italiana da carne possono essere riassunti così: ξ L’azione di miglioramento e di selezione ha permesso di ottenere animali con attitudini nettamente migliori per la produzione di carne: maggiori accrescimenti, sviluppo di masse muscolari e precocità di maturazione; ξ I sistemi di allevamento e di alimentazione sono tradizionali e fanno ampio ricorso a prodotti aziendali, che testimoniano il legame dell’allevamento con il territorio e contribuiscono a garantire la genuinità delle produzioni; ξ La volontà degli allevatori italiani delle nostre razze di distinguere il proprio prodotto nel mare delle carni bovine proposte sul mercato, ha permesso di offrire trasparenza ai N

Tesi di Laurea

Facoltà: Agraria

Autore: Vincenzo Cirigliano Contatta »

Composta da 220 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1236 click dal 15/04/2010.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.