Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Enterprise Risk Management: il caso Gruppo Telecom Italia

Negli ultimi anni è notevolmente cresciuta l’attenzione verso la gestione del rischio ed è divenuta sempre più evidente la necessità per le aziende di disporre di un modello di riferimento valido per identificare, misurare e valutare gli eventi incerti che gravano sull’organizzazione.
Il rischio, la complessità e l’incertezza sono ormai fattori che inevitabilmente caratterizzano l’ambiente in cui ogni azienda opera. La crescente competitività, la globalizzazione dei mercati, i cambiamenti normativi, le nuove tecnologie, le attese dei clienti che si modificano rapidamente, hanno contribuito ad innalzare l’attenzione sul tema della gestione dei rischi, facendo sorgere l’esigenza di migliorare i sistemi di controllo interni delle imprese per cercare di anticipare e gestire il cambiamento e l’incertezza, al fine di rafforzare e accrescere la propria capacità di creare valore per le varie categorie di stakeholders.
Il Risk Management rappresenta un processo da affiancare e integrare agli altri processi presenti in azienda per governare in modo più efficace ed efficiente l’intera organizzazione. Il management aziendale, in questo modo, sarà in grado di adottare le scelte relative ai rischi aziendali in maniera consapevole e razionale, potendo disporre di un vero e proprio “portafoglio rischi” rappresentativo del profilo di rischio dell’organizzazione.
È opportuno considerare, però, che un processo di Enterprise Risk Management se da un lato consente di ottenere importanti benefici, dall’altro presenta anche dei limiti. Questi ultimi sono determinati da scelte errate o da disfunzioni, oppure da semplici errori o sbagli. Tali limiti impediscono al vertice aziendale ed ai managers di avere l’assoluta certezza in merito al raggiungimento degli obiettivi aziendali. In relazione a quanto detto è importante precisare che il rischio è una realtà imprescindibile per l’impresa, si è certi che dove è presente un’attività imprenditoriale è presente anche il rischio: è la stessa natura dell’impresa a raccogliere in se il rischio.
Questa tesi vorrebbe essere un supporto utile per tutte le imprese che desiderano avvicinarsi al tema del Risk Management, per migliorare il loro processo strategico, sfruttando con prontezza le opportunità che derivano dall’elevata incertezza che caratterizza l’attuale contesto competitivo.

Mostra/Nascondi contenuto.
Introduzione 1 INTRODUZIONE Negli ultimi anni Ł notevolmente cresciuta l attenzione verso le tematiche della gestione del rischio ed Ł divenuta sempre piø evidente la necessit per le aziende di disporre di un modello di riferimento valido per identificare, misurare e valutare gli eventi incerti che gravano sull organizzazione. Il rischio, la complessit e l incertezza sono ormai fattori che inevitabilmente caratterizzano l ambiente in cui “It’s a question of making sure bad things do not happen, and making sure that good things do happen. It’s a question of identifying what could go wrong and what must go right”. (Isaac, Connell, FCMA, 2002)

Laurea liv.I

Facoltà: Economia

Autore: Michele Iervolino Contatta »

Composta da 212 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3814 click dal 15/04/2010.

 

Consultata integralmente 11 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.