Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Valutazione dell'efficacia dell'intervento sullo stile di vita in pazienti affetti da sclerosi multipla: risultati preliminari

Background. Multiple Sclerosis is an autoimmune condition in which the immune system attacks the CNS, leading to demyelization. MS was first described in 1835 by Jean Martin Charcot. Disease onset usually occurs in young adults, is more common in women. It may cause numerous physical and mental symptoms, and often progresses to physical and cognitive disability. The main symptoms are muscle weakness, abnormal muscle spasms, or difficulty in moving; difficulties with coordination and balance (ataxia); problems in speech (dysarthria) or swallowing (dysphagia), visual problems (nistagmus, optic neuritis, or diplopia), fatique, depression, anxiety disorder.
Multiple sclerosis (MS) and its treatment have broad-ranging effect in quality of life. This article effort to asses the impact of lifestyle intervention on multiple sclerosis patients daily living.

Objective. To evaluate the effects of a lifestyle intervention (structured exercise intervention on physical activity and dietary intervention) in multiple sclerosis patients quality of life.

Method. Participants (n=100) were enclosed in the study. Participants (n=60) randomly assigned to a structured lifestyle intervention (n=30), consisting of six monthly supervised sessions. Results were compared with a control group (n=30). Psychological status was measured with self-report questionnaires before the start (pre-test), at the end (6 months, post-test), and after 1 year (follow-up): IES-R (Impact of Event Scale for test post-traumatic stress disorder), CMDI (Chicago Multiscale Depression Inventory) and FAMS (Functional Assessment in Multiple Sclerosis).
 IES-R: the scale consisted of twenty-two items. Seven items described episodes of intrusion, seven described episodes of iperarousal and eight described episode of avoidance.
 The CMDI is a 50-item, self-reporting questionnaire. A total score and three separate 14-item subscale scores are produced. The subscales assess mood (dysphoria), vegetative symptoms (physical malfunctioning) and evaluative symptoms (self-criticism). Participants rate how well items describe their own experience over the past week on a Likert rating scale, ranging from 1 (not at all) to 5 (extremely).
 The FAMS quality of life instrument is a 58-itemes multidimensional index of health related scale quality of life for used with people diagnosed with MS.
Physical activity was measured with monopodalic Stabilometric Test and monopodalic Static Riva’s Test with Vertical Controller Sensor before the start (pre-test), at the end (6 months, post-test), and after 1 year (follow-up).

Results. At the moment there are not a significant results, because the simple is not reliable.

Conclusions. Researchers hope one year after the intervention the lifestyle group will maintain a significant increase in physical activity, which highlights the potential of lifestyle programs in the battle against inactivity and depressed mood in MS people.


Key-word: lifestyle intervention, quality of life, multiple sclerosis

Mostra/Nascondi contenuto.
5 INTRODUZIONE E PRESENTAZIONE Parlare di Salute oggi vuol dire approfondire un‟entità che ha allargato i propri confini di significato tradizionali, che si rapporta con il cambiamento storico, sociale, culturale. Si tratta di un mutamento vero e proprio che vede la revisione del termine “salute” con il termine “benessere”. È un orizzonte da esplorare che porta con se non solo la necessità di coglierne il nuovo significato semantico ma soprattutto richiede l‟accettazione del fatto che anche il suo opposto, ossia il termine “malattia” debba essere analizzato in termini diversi. Non solo: cambia anche il “luogo della salute” e con esso il “tempo”. Ciò significa prendere in considerazione il sistema valoriale cui il binomio salute-malattia si rifaceva e rapportarlo oggi ad un nuovo sistema ideologico che vede la salute non più solo quale mancanza o sottrazione di malattia ma diventa preservazione di uno stato di omeostasi, di equilibrio psico- fisico. Oggi parlare di salute pertanto è parlare di benessere, uno stato che coinvolge lo Stile di Vita in tutti i suoi aspetti: l‟ambiente, l‟alimentazione, le relazioni inter e intra personali, gli interessi, l‟attività fisica fino alla prevenzione, alla diagnosi preventiva e alla cura. Il Prof. Pier Maria Furlan, nel 2006, scrive: “…è tempo di osservare che le malattie e le loro cure non sono più da identificarsi con il solo luogo-ospedale o con lo stretto e classico intervento clinico, ma che il tema salute ha ormai un‟estensione pluridisciplinare e che può essere affrontato solo attraverso competenze diffuse…” Parafrasando, stiamo assistendo ad una visione della salute che ha luogo non più solo all‟interno dei nosocomi, anzi, sempre in maniera più concreta al di fuori da questi. Un‟ottica sempre meno ospedalocentrica a favore di quella comunitaria. Basti pensare alla salute mentale: l‟assistenza domiciliare, la limitazione dei posti letto del reparto psichiatrico di diagnosi e cura, la presa in carico della famiglia e il coinvolgimento della stessa nel progetto terapeutico del paziente fino agli inserimenti lavorativi. A maggior ragione se si parla di malattie cronico-degenerative si deve tener presente del “decentramento dei luoghi delle cure” (Furlan, 2006), dall‟ospedale al territorio: domicilio,

Laurea liv.I

Facoltà: Medicina e Chirurgia

Autore: Francesco Scavelli Contatta »

Composta da 110 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2094 click dal 22/04/2010.

 

Consultata integralmente 5 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.