Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Tra pornografia ed erotismo: il documentario come strumento didascalico - Il caso Doc Erotika al Bellaria Film Festival

La rassegna Doc Erotika, presente nel programma della 27° edizione del bff, è stata motivo di imbarazzo per una parte politica del comune di Bellaria e, anche, per alcuni cittadini influenzati da uno stereotipo sociale che confina la sessualità (o meglio una parte di essa:il sesso) nel ghetto della trasgressione.

La tesi analizza la rassegna, cercando di capire perchè è stata inserita nel programma del bff, quali sono gli argomenti trattati dai documentari in questione e interrogandosi sul perchè di tanto clamore mediatico e non.

In seguito, nella seconda parte, la tesi delinea lo sviluppo del documentario erotico, partento da "Europa di Notte" (1959) di Alessandro Blasetti fino ad arrivare ai lavori di Alberto D'Onofrio, autore presente (oltre che con i suoi documentari anche fisicamente) al Bellaria Film Festival 2009.

Mostra/Nascondi contenuto.
4 INTRODUZIONE Bellaria-Igea Marina Ł una deliziosa e accogliente cittadina di circa 20.000 abitanti (che si moltiplicano durante la stagione estiva), in provincia di Rimini, che stupendamente si affaccia sul mar Adriatico. Nasce nel 1359 come fattoria fortificata col nome di Bellaria. Agli inizi del ’900 Vittorio Belli diede il nome della dea Igea, figlia di Asclepio, ad un villaggio per le vacanze, progettato nella pineta tra il torrente Uso e la "Torre Pedrera" (sito, dell allora Stato Pontificio, alla foce del fiume Pedreira per il monitoraggio del mare antistante, contro i pericoli costanti di invasione dei Pirati Saraceni e dei Turchi; oggi Torre Pedrera di Rimini , localit che determina, a Nord, il confine fra Rimini e Bellaria- Igea Marina). Marina fu associato al nome Igea, quando nella zona meridionale si installarono colonie estive per bambini. Nel 1983, Morando Morandini, Enrico Grezzi, stimati critici cinematografici italiani, collaborati dal fotografo Gianni Volpi, fondano il Bellaria Film Festival (bff) col nome Anteprima per il cinema indipendente italiano. Il bff Ł uno dei piø longevi festival di questo genere diretto, dalla sua genesi al 1993, dai fondatori. Ha cambiato diverse denominazioni nel corso della sua storia: da Anteprima per il cinema indipendente italiano (1983 2000) all attuale Anteprimadoc (dal 2006), passando per Anteprimaannozero (2001 2005). Il festival ha avuto un ruolo di primo piano nella promozione del cinema indipendente italiano e, nel corso della sua evoluzione, si Ł caratterizzato per aver sempre teorizzato la necessit della commistione e dell’attraversamento di generi, durate e formati dei prodotti audiovisivi; inoltre si Ł assunto il compito di ricercare e scoprire i nuovi talenti del cinema italiano, rivolgendosi in particolare a quei nuovi autori non sorretti dai mezzi finanziari delle grandi case di produzione. Nel 1998 ha partecipato all’esperienza dell’unificazione di tre mostre cinematografiche romagnole (Anteprima, Mystfest di Cattolica e Festival di Rimini), che per non ha dato i

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Giuseppe Di Vanni Contatta »

Composta da 148 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2114 click dal 16/04/2010.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.