Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Le sponsorizzazioni nelle strutture sanitarie pubbliche

Il disegno di riforma in senso federale dello Stato, la revisione del titolo V della Costituzione, le disposizioni previste nelle ultime leggi finanziarie, impongono alle amministrazioni locali di migliorare la capacità di attivare e gestire le risorse proprie.
In quest’ottica le amministrazioni stanno maturando un forte interesse verso pratiche che garantiscano maggiore flessibilità nella gestione delle risorse finanziarie, anche attraverso il confronto con esperienze e strumenti tipici del settore privato.
Anche dal punto di vista legislativo sono stati fatti passi avanti in proposito, infatti le leggi finanziarie 1998 e 2000 hanno rispettivamente introdotto ed incentivato l’attivazione dell’istituto delle sponsorizzazioni da parte di privati a favore delle amministrazioni pubbliche.
La pratica della sponsorizzazione si caratterizza per la possibilità di offerta alle pubbliche amministrazioni di migliorare, attraverso il contributo delle aziende, la qualità dei servizi e l’immagine della stessa amministrazione, senza gravare sul bilancio.
Al di là della previsione legislativa, prima di giungere ad una efficace applicazione di tale strumento è necessario superare una serie di ostacoli che riguardano per esempio la presunta inconciliabilità della missione sociale delle strutture pubbliche (e quindi a maggior ragione di quelle sanitarie) con le finalità delle aziende profit, oppure la difficoltà di porre in essere azioni tipiche del marketing aziendale privato inerenti argomenti come la comunicazione, la qualità e la customer satisfaction che sono ancora in parte sconosciuti nella realtà delle PP.AA.
Nel presente elaborato si esamina la possibilità di applicazione dell’istituto delle sponsorizzazioni alle strutture sanitarie pubbliche come fonte di finanziamento ulteriore, seguendo un filo logico che parte dall’analisi del deficit del Fondo Sanitario Nazionale, dalla riduzione dei finanziamenti e dall’applicazione del federalismo fiscale fino a giungere alle iniziative già poste in essere, analizzando attraverso una serie di casi reali i punti di forza e le criticità riscontrate delle strutture sanitarie interessate dal presente contributo.
L’elaborato si apre con un’analisi della spesa sanitaria dei principali Paesi OCSE prima e in particolare dell’Italia poi al fine di individuare un eventuale trend di crescita e le eventuali motivazioni che ne sono alla base. Viene fatta poi una breve panoramica sul federalismo fiscale, sulle sue ripercussioni sulla sanità regionale e sugli effetti derivati dalla sua applicazione.
Dopo una breve analisi sul contesto sociale relativo ad iniziative di sponsorship tra pubblico e privato, sia dal punto di vista delle imprese commerciali sia da quello degli utenti finali, si analizza il contesto normativo che riguarda le sponsorizzazioni, procedendo in via preliminare ad un inquadramento dell’istituto giuridico della sponsorizzazione e passando poi alle fonti normative e negoziali che ne regolamentano l’applicazione in ambito pubblico, individuando un possibile percorso per l’individuazione dello sponsor e per la gestione del relativo contratto.
Una parentesi è dedicata all’esame della nuova tendenza nelle attività di sponsorship, il cause related marketing, che sta ottenendo notevoli successi sia in ambito profit che no profit.
Nella parte finale dell’elaborato si rappresentano le applicazioni pratiche dell’istituto delle sponsorizzazioni in ambito pubblico e specificatamente sanitario, analizzando i risultati ottenuti nell’ambito del Programma Cantieri per l’Innovazione posto in essere dal Dipartimento della Funzione Pubblica, prendendo ad esame i tentativi di applicazione delle attività di sponsorship alla propria realtà posti in essere da diverse amministrazioni pubbliche, analizzando per ciascuna di esse i motivi che hanno condotto alla riuscita o al fallimento di dette attività attraverso informazioni raccolte sia con interviste dirette svolte con gli attori delle amministrazioni medesime che con la testimonianza del sottoscritto relativa all’esperienza della pubblica amministrazione per la quale presto servizio, ponendo in evidenza le criticità ed i punti focali che devono essere affrontati se si vuole utilizzare lo strumento delle sponsorizzazioni nella propria realtà.

Mostra/Nascondi contenuto.
11 CAPITOLO 1 Evoluzione del livello della spesa sanitaria nei Paesi OCSE Introduzione L’articolo 32 della Costituzione italiana recita testualmente: “La Repubblica tutela il diritto alla salute come fondamentale diritto dell’individuo e interesse della collettività, e garantisce cure gratuite agli indigenti” La Costituzione impone pertanto allo Stato di porre in essere le norme necessarie per garantire una adeguata assistenza sanitaria tale da assicurare a tutti i cittadini un completo stato di benessere fisico, mentale e sociale. L’applicazione della norma costituzionale comporta comunque dei costi per la collettività, costi che oltretutto sono in continua espansione per motivi legati alle variazioni demografiche, sociali e tecnologiche. A fronte delle crescenti richieste di prestazioni in grado di mantenere ad un livello migliore possibile lo stato di salute dei singoli e della collettività, bisogna far fronte a risorse che sono per definizione insufficienti, con la conseguente necessità della

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Aleandro Munno Contatta »

Composta da 250 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1855 click dal 20/04/2010.

 

Consultata integralmente 3 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.