Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Valori e immagine di marca

I valori nella Psicologia: i primi studi risalgono agli anni ’50 con Kluckhohn, Williams, McGuire, Elizur. In seguito, negli anni ’80 e ‘90: Rokeach, Schwartz., Homer e Kahle.
Applicazione delle definizioni di valore nell’ambito del marketing, per la conoscenza e la previsione dei comportamenti di consumo. Nel marketing, tuttavia, il concetto di valore viene utilizzato in modo contraddittorio, a volte in riferimento al soggetto, altre volte come attributo dell’oggetto. Questa seconda accezione, pur essendo errata, è predominante negli studi sulle marche e le immagini di marca.
Applicazione pratica sul profilo di immagine della marca automobilistica Mercedes, i profili dei valori dei soggetti “pro” e “contro” Mercedes, i profili dei valori attribuiti alla marca Mercedes, da parte dei “pro” e “contro” essa.

Mostra/Nascondi contenuto.
CAPITOLO 1 I VALORI NELLA PSICOLOGIA 1.1 INTRODUZIONE Nella psicologia soltanto a partire dagli anni ’50 si è evidenziato un interesse per i valori, ma gli studi sono stati caratterizzati da una frammentazione teorica e da una estrema disomogeneità concettuale in quanto i valori venivano definiti come attributi di oggetti, oppure come criteri di giudizio di una persona. Quest’ultimo significato, in particolare, si è poi affermato nella psicologia. Per Kluckhohn (1951) i valori sono centrati sulla persona, sono una raffigurazione mentale, esplicita o implicita, distintiva di un individuo o caratteristica di un gruppo, di ciò che è desiderabile, che influenza la selezione dei mezzi disponibili, delle modalità e mete di azione. Essi si possono inferire dal modo in cui una persona interagisce con un’altra, dal suo stile o filosofia di vita, o da come pensa che il mondo dovrebbe essere. Per Williams (1968, 1979) sono idee individuali o collettive utilizzate come standard o criterio di condotta; per McGuire (1969) sono equivalenti di atteggiamenti assai generali, contrariamente a Elizur (1984) che li considera riferiti all’importanza di specifici risultati.

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze della Formazione

Autore: Anna Fata Contatta »

Composta da 117 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 8216 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 22 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.