Skip to content

Il controllo attivo delle perdite nelle reti idriche: il caso della rete di Ponte Piccolo (CZ)

Informazioni tesi

  Autore: Luisa Zampaglione
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2008-09
  Università: Università degli Studi della Calabria
  Facoltà: Ingegneria
  Corso: Ingegneria civile e ambientale
  Relatore: Attilio Fiorini Morosini
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 78

Nel presente lavoro di tesi è stato affrontato lo studio e l’analisi del sistema idrico di “Ponte Piccolo”, quartiere di Catanzaro. Essendo la città molto estesa e organizzata per distretti, si è scelto di porre l’attenzione su una rete che fosse autonoma.
Lo scopo della tesi è stato quello di verificare la possibilità di diminuire l’entità delle perdite attraverso l’installazione in rete di valvole riduttrici di pressione.
Il lavoro è stato diviso:
• in una prima parte, introduttiva e generale, nella quale si è data una spiegazione delle reti idriche, degli strumenti che ne fanno parte e del loro funzionamento.
• nella seconda parte è stato analizzato il software di calcolo Epanet 2.0, simulatore idraulico molto avanzato, nella quale si è proceduto alla spiegazione del suo meccanismo e delle sue componenti, alla costruzione di una rete e alla descrizione degli elementi sufficienti per effettuare la simulazione stessa.
• nell’ultima parte dopo un’analisi della situazione attuale, si è proceduto alla schematizzazione della rete idrica sul simulatore e quindi all’inserimento dei dati necessari a far funzionare il sistema. Infine si propone una soluzione di intervento sulla rete allo scopo di limitare l’eccessivo volume d’acqua perso in particolari ore della giornata.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
Le Reti Idriche 4 Capitolo 1 Le Reti Idriche 1.1 Il Sistema Idrico e gli strumenti che ne fanno parte Una rete idrica rappresenta l’insieme di tutte le opere che portano l’acqua dal luogo di origine al centro abitato. Essa costituisce l’ultimo anello del sistema di adduzione e distribuzione idrica, che dalle opere di captazione trasporta l’acqua fino ai collegamenti delle utenze. La conformazione generale di una rete distributrice, pur essendo estremamente varia, può ricondursi a due schemi tipici: • ad arteria principale e diramazioni ( a rami aperti); • ad anello (a maglia chiusa). Il primo schema è, in genere, adottato per le reti di piccoli centri abitati o a quelle che servono un piccolo quartiere; questo schema rappresenta il difetto che un’interruzione in un punto qualunque della rete implica anche l’interruzione per tutte le condotte situate a valle e, rispetto al secondo schema, ha una minore capacità di adattarsi alla variabilità della domanda. Per il progetto o la verifica delle reti di distribuzione è necessario, preventivamente, definire l’andamento planimetrico delle condotte (lo schema) e stimare la domanda dell’utenza servita, determinando la portata erogata lungo le condotte o nei punti di erogazione (nodi) della rete. Nei nodi della rete, in genere, la domanda viene stimata indirettamente, in funzione della popolazione servita, della dotazione idrica e tenendo conto della presenza di utenze particolari. Nell’ambito dei sistemi idrici è opportuno confrontarsi con il problema di mantenere le infrastrutture idriche a livello ottimale al fine di poter trasportare le acque trattate dalla fonte di approvvigionamento fino al rubinetto dell’utente nella maniera più efficiente ed efficace possibile. A monte della gestione di una rete idrica, vi è un attento controllo della stessa, che consiste nell’analisi delle grandezze caratteristiche dell’idraulica. Risulta perciò utile, quando si ha a che fare con un sistema idrico, verificare l’erogazione delle portate prefissate ai serbatoi di accumulo e compenso dei centri serviti, controllare la velocità del flusso e quindi le pressioni di esercizio. L’approvvigionamento idrico di una comunità avviene attraverso un sistema di opere idrauliche destinate ad addurre le acque dal sistema di origine a quello di consumo. L’insieme di tutte queste opere prende in nome di Acquedotto. Un acquedotto cittadino è costituito, essenzialmente, di quattro parti: • le opere di presa, destinate a raccogliere l’acqua necessaria;

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

diminuire le perdite
epanet
rete idrica
volume d'acqua perso

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi