Skip to content

Adeguatezza sociale e attività sportiva

Informazioni tesi

  Autore: Cristian Salvatore Coviello
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2008-09
  Università: Università degli Studi di Roma Tor Vergata
  Facoltà: Giurisprudenza
  Corso: Giurisprudenza
  Relatore: Vincenzo Scordamaglia
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 179

La cifra che contraddistingue le posizioni rappresentate dalla dottrina maggioritaria sta nel tentativo di fondare la liceità dell’attività sportiva violenta sulla base concettuale legata al valore scriminante dell'art 50 cp ovvero dell'art 51 cp, oppure ancora in base ad una scriminante non codificata. Le premesse dogmatiche sfociate in tali determinazioni dottrinali trovano fondamento nell’assunto teorico in base al quale il fatto di reato è geneticamente autonomo nei suoi elementi di struttura e pertanto completamente avulso da qualsiasi legame con la realtà della colpa. Il fatto viene strutturato secondo una logica sistemica bipartita: gli elementi essenziali minimi sono la condotta, rappresentata dal comportamento dello sportivo e l'evento lesivo, avvinto dal nesso di causalità alla condotta medesima. Il punctum dolens di tale teorica sta proprio nella convinzione che la liceità della pratica sportiva, benché causa di eventi pregiudizievoli, sia da rinvenirsi nell'ambito della logica delle cause di giustificazione, in quanto è poco convincente anticipare in sede di antigiuridicità l'analisi sul rispetto delle regole de quibus. Pertanto, la condotta dell'atleta coerente con le leges artis dello sport praticato rileva, essenzialmente, a livello di tipicità del fatto tipico, in quanto proprio le regole cautelari che presiedono all'attività di riferimento determinano il quantum di diligenza richiesto: il rispetto delle medesime comporta, almeno tendenzialmente, l'esclusione della responsabilità penale, non per difetto di antigiuridicità ma, a monte, per mancanza di una condotta inosservante di una o più regole cautelari, il che si traduce nell'assenza di un fatto tipico. Pertanto l'adeguatezza sociale è categoria propria del fatto tipico; detta realtà presuppone una determinata accezione del bene protetto e della tipicità dell'azione, che parte da una revisione del tradizionale concetto di bene giuridico.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
CAPITOLO I IL REATO COLPOSO § 1. Profili dogmatici del reato colposo Cresciuto all'ombra della dogmatica del reato doloso, il reato colposo è diventato nei tempi più recenti oggetto di sempre più approfondita elaborazione, fino a concludersi - non senza spunti di esasperazione relativi a talune note specializzanti - che esso costituisce non più un minus (in termini colpevolezza) ma semmai un aliud: non più quindi solo una seconda e meno grave forma di colpevolezza, esauriente la sua funzione quale criterio di imputazione soggettiva, bensì un modello specifico di reato, strutturalmente autonomo già a livello di tipicità oggettiva 1 . Stabilisce l'art. 42 2°comma c.p. che “nessuno può essere punito per un fatto preveduto dalla legge come reato se non l'ha commesso con dolo, salvi i casi di delitto preterintenzionale o colposo espressamente preveduti dalla legge”. Il dato che, prima facie, emerge con limpidezza, sta nella circostanza che mentre le ipotesi di imputazione dolosa hanno carattere “fondamentale, 1 ALIMENA, La colpa nella teoria generale del reato, Palermo, 1947; RICCIO, Il reato colposo, Milano, 1952; PETTOELLO MANTOVANI, Il concetto ontologico del reato, Milano, 1954, pag. 119 e ss; ALTAVILLA, La colpa, Torino, 1957; ID., voce Colpa, in Noviss. Dig. It., III, Torino, 1959; PAGLIARO, Il fatto di reato, Palermo, 1960, pag. 274; MARINUCCI, La colpa per inosservanza di leggi, Milano, 1975; GIUNTA, Illiceità e colpevolezza nella responsabilità colposa, Padova, 1993; ID., La normatività della colpa penale. Lineamenti di una teoria, in Riv. It. Dir. e Proc. Pen., 1990, pag. 86; FORTI, Colpa ed evento nel diritto penale, Milano, 1990; CARACCIOLI, Colpa per imperizia, per inosservanza di leggi e caso fortuito, in Riv. It. Dir. e Proc. Pen., 1959, pag. 558; MANTOVANI M., Il principio di affidamento nella teoria del reato colposo, Milano, 1997; ANTOLISEI, La colpa per inosservanza di leggi, in Giust. Pen., 1948, II, pag. 1; NUVOLONE, Colpa civile e colpa penale, in Trent'anni di diritto e procedura penale, Padova, 1969, pag. 696

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

adeguatezza sociale e attività sportiva
liceità della pratica sportiva
pratica sportiva

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi