Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La teosofia e la scienza

Breve esposizione del rapporto tra scienza e pseudoscienza a fine XIX secolo; biografia di Helena Petrovna Blavatsky; esposizione delle dottrine principali della Teosofia e della opere principali di Madame Blavatsky; analisi dei riferimenti alla cultura scientifica ottocentesca presenti nell'opera Iside Svelata

Mostra/Nascondi contenuto.
Capitolo 1 Strani interessi a fine Ottocento Nel corso del XIX secolo, in particolare negli ultimi decenni, l'Occidente assiste alla palese rinascita di tradizioni e saperi che, parafrasando Giorgio Galli, si pensavano ormai scomparsi con l'avvento della rivoluzione scientifi- ca e dell'illuminismo razionalista: magia, spritismo, occultismo, esoterismo, ermetismo, astrologia, alchimia. Gli storici della scienza ci insegnano che presso l'ambiente colto e raffi- nato della buona società vittoriana, distribuita tra Londra e Cambridge, non era raro che [ci fosse] un acceso interesse per lo spiritismo e l'indagine pa- rapsicologica (Pareti 1990, p. 172), che spesso si collegava ad una profonda insoddisfazione verso il corpus scientifico ortodosso e il materialismo da esso presupposto. Questa insoddisfazione, tuttavia, non si pose in contrasto con la scienza e diede vita a commistioni di ortodossia ed eterodossia scientifica miranti a gettare un ponte verso quei misteri come l'origine della vita, del pensiero e l'immortalità dell'anima; e prima di subire la tentazione dell'occulto , come dice Germana Pareti, gli scienziati vittoriani soggiacquero alla tentazione del mesmerismo, della frenologia, dell'ipnotismo e di tutta una serie di medicine alternative (come l'omeopatia), che proponevano cure olistiche per il corpo e la mente di questi ipocondriaci e malati cronici (p. 73). Si può vedere allora come una possibile spiegazione per gli interessi oc- culti sia rintracciabile nel senso di crisi che pervadeva la società vittoriana, o 1

Laurea liv.I

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Luca Gasperini Contatta »

Composta da 68 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 646 click dal 22/04/2010.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.