Skip to content

La revisione del bilancio di esercizio nelle BCC

Informazioni tesi

  Autore: Alessia Olimpia Ruini
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2007-08
  Università: Università degli Studi di Bergamo
  Facoltà: Economia
  Corso: Economia aziendale
  Relatore: Daniele Gervasio
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 92

La riforma del diritto societario del 2005 ha sancito la separazione tra il controllo contabile, spettante, nella generalità dei casi, ad un revisore o ad una società di revisione, ed il controllo sull’amministrazione, affidato al collegio sindacale.
Entrambe le funzioni, tuttavia, possono essere svolte dal collegio sindacale, limitatamente alle ipotesi delle società che non fanno ricorso al capitale di rischio e che non siano tenute alla redazione del bilancio consolidato, le quali effettuino una scelta statutaria in tal senso, come appunto verificatosi per molte Banche di Credito Cooperativo.
La complessità della funzione di controllo contabile ha quindi messo in evidenza la necessità di predisporre supporti metodologici e operativi funzionali a consentire lo svolgimento della stessa ai collegi sindacali delle BCC, ai quali tale funzione sia stata attribuita ai sensi dell’art. 2409-bis del codice civile.
Lo scopo del mio lavoro risponde alla volontà di descrivere un mondo in evoluzione. Le banche sono state negli ultimi anni sottoposte a cambiamenti organizzativi difficilmente preventivabili, principalmente in risposta alla constatazione che quelli che erano i rischi principali cui era sottoposta tale organismo, cioè i rischi derivanti dal mercato e dal credito, hanno progressivamente ceduto il passo, in termini di risorse ed attenzioni, a quei rischi intrinseci nella gestione bancaria, ovvero i rischi operativi e quelli di mancata conformità alle leggi.
L’analisi si incentra sulla pianificazione dell’attività di revisione contabile che consente lo sviluppo di un documento di pianificazione generale, nonché di un approccio dettagliato (ovvero, un piano di revisione), calibrando sulla specifica realtà aziendale la natura, la tempistica e la profondità delle verifiche contabili. Una corretta pianificazione delle attività di revisione contabile, infatti, può portare ad un lavoro efficace ed efficiente, consentendo la focalizzazione delle verifiche sugli ambiti più importanti, identificando le potenziali problematiche e consentendo una tempestiva esecuzione dei lavori.
Un altro fattore importante riguarda il fair value che costituisce l’elemento innovativo dei nuovi bilanci redatti in applicazione dei principi contabili internazionali. Tale criterio di valutazione riguarda le valutazioni di bilancio dell’impresa in funzionamento ed è quello che, in teoria, dovrebbe lasciare minor spazio agli apprezzamenti soggettivi.
La valutazione al fair value tende a riflettere in Bilancio il prezzo a cui lo stesso bene potrebbe essere liberamente commercializzato, valore corrente di mercato o valore economico dello scambio. Nel caso delle passività il fair value esprime il corrispettivo che consente di estinguere la stessa passività.
Le verifiche sul bilancio di esercizio si sostanziano in attività di verifica particolarmente dettagliate e complesse, in occasione delle quali sono raccolte numerose evidenze, la cui valutazione congiunta è sintetizzata nel giudizio sul bilancio.
I principali pregi dei nuovi principi di revisione, oltre al fatto di essere allineati agli standard internazionali, sono la completezza e organicità, oltre all’organizzazione editoriale modulare, che favorisce la sostituzione e l’inserimento di nuovi documenti nei vari raggruppamenti di documenti omogenei per argomento.
In questo panorama di tumultuosi cambiamenti e di estrema richiesta di trasparenza, la Commissione Paritetica per i Principi di Revisione, costituita dai Consigli Nazionali dei Dottori Commercialisti e dei Ragionieri, è da tempo impegnata, in stretta collaborazione con Consob e Assirevi, nonché, per le materie di pertinenza con la Banca D’Italia, nel lavoro di recepimento, con i necessari adattamenti alla realtà italiana, dei Principi di Revisione Internazionali.
Gli impatti dell’introduzione degli IFRS sull’impresa bancaria possono essere analizzati sotto tre diversi profili: quello strategico, con riferimento ai cambiamenti nei paradigmi manageriali, nei modelli delle scelte aziendali e nella valutazione degli equilibri gestionali; quello gestionale, soffermandosi sull’evoluzione delle metodologie di pricing, del sistema di controllo, dei modelli di reporting e delle tipologie contrattuali; quello organizzativo, con la necessità di rilevanti interventi sulle procedure informatiche e sulle risorse umane.
In via generale, ai principi contabili viene attribuito un ruolo di presunzione semplice di correttezza giuridica. Ciò significa che, dal punto di vista della diligenza e della buona fede, non potrà non essere data una valutazione positiva.
Di contro, la mancata applicazione dei principi contabili, ancorché non puntualmente richiamata dalle norme di legge, comporterà un giudizio negativo sulla diligenza del redattore del bilancio.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
1 INTRODUZIONE La riforma del diritto societario del 2005 ha sancito la separazione tra il controllo contabile, spettante, nella generalità dei casi, ad un revisore o ad una società di revisione, ed il controllo sull‟amministrazione, affidato al collegio sindacale. Entrambe le funzioni, tuttavia, possono essere svolte dal collegio sindacale, limitatamente alle ipotesi delle società che non fanno ricorso al capitale di rischio e che non siano tenute alla redazione del bilancio consolidato, le quali effettuino una scelta statutaria in tal senso, come appunto verificatosi per molte Banche di Credito Cooperativo. La complessità della funzione di controllo contabile ha quindi messo in evidenza la necessità di predisporre supporti metodologici e operativi funzionali a consentire lo svolgimento della stessa ai collegi sindacali delle BCC, ai quali tale funzione sia stata attribuita ai sensi dell‟art. 2409-bis del codice civile. Lo scopo del mio lavoro risponde alla volontà di descrivere un mondo in evoluzione. Le banche sono state negli ultimi anni sottoposte a cambiamenti organizzativi difficilmente preventivabili, principalmente in risposta alla constatazione che quelli che erano i rischi principali cui era sottoposta tale organismo, cioè i rischi derivanti dal mercato e dal credito, hanno progressivamente ceduto il passo, in termini di risorse ed attenzioni, a quei rischi intrinseci nella gestione bancaria, ovvero i rischi operativi e quelli di mancata conformità alle leggi. Data questa premessa, introduciamo la componente fondamentale della nostra trattazione, la revisione del bilancio di esercizio. Si parte, quindi, dall‟analisi del bilancio bancario redatto sulla base dei principi IAS, concentrando l‟attenzione sugli schemi e contenuti integrati dall‟esemplificazione dei prospetti contabili della “Cassa Rurale del Cremasco, Banca di Credito Cooperativo” di Capralba. Si inquadrano anche i profili generali dell‟attività di revisione, con particolare riferimento alla funzione della revisione interna, nonché l‟operatività delle banche. Dopodiché si affronta l‟approccio di revisione di bilancio da adottare in sede di attività di controllo contabile svolte dal collegio sindacale delle BCC. Nel secondo capitolo, si analizzano i vari punti della pianificazione dell‟attività di revisione, valutando i vari rischi di revisione, il sistema di controllo interno ed il sistema amministrativo/contabile. Concentrando l‟attenzione sulle verifiche sostanziali

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi