Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Le risposte adattative all'ipossia: dagli animali marini all'uomo

Il metabolismo aerobico è dipendente dal bilancio tra domanda e disponibilità di ossigeno. Questo equilibrio è fortemente compromesso dall'interruzione della respirazione esterna (ventilazione).
L'interruzione temporanea della respirazione (apnea) è una necessità vitale degli uccelli e dei mammiferi marini che, per procurarsi il cibo, devono periodicamente immergersi per un tempo sufficiente per la ricerca e la cattura della preda. La selezione naturale ha prodotto, nel corso di molte generazioni di queste specie di mammiferi ed uccelli, degli adattamenti, le cui basi fisiologiche e, conseguentemente, le potenzialità sono presenti negli altri individui delle stesse specie che non hanno la necessità di immergersi per procurarsi il cibo. Tra i mammiferi, l'Uomo, può essere "temporaneo" ospite dell'ecosistema marino, il più vasto della Terra.
La tesi, dopo aver descritto le risposte fisiologiche all'immersione, il loro significato funzionale ed il loro controllo negli animali marini, analizza, in apneisti di èlite, la risposta a carico della frequenza cardiaca, la componente più studiata del "diving reflex".
Le inter-relazioni tra la bradicardia, la saturazione dell'emoglobina, le "scorte d'ossigeno" disponibili, gli scambi ossigeno\anidride carbonica tessutali, sono interpretate, durante l'interruzione volontaria della respirazione, sulla base delle complesse reti neuronali che, con il loro "centro" di controllo omeostatico nel bulbo, sono preposte "a risparmiare l'ossigeno" per il cervello e il cuore, gli organi più sensibili all'ipossia.

Mostra/Nascondi contenuto.
1 SOMMARIO Il metabolismo aerobico è dipendente dal bilancio tra domanda e disponibilità d’ossigeno. Questo equilibrio è fortemente compromesso dall’interruzione della respirazione esterna (ventilazione). L’interruzione temporanea della respirazione (apnea) è una necessità vitale degli uccelli e dei mammiferi marini che, per procurarsi il cibo, devono periodicamente immergersi per un tempo sufficiente per la ricerca e la cattura della preda. La selezione naturale ha prodotto, nel corso di molte generazioni di queste specie di mammiferi ed uccelli, degli adattamenti, le cui basi fisiologiche e, conseguentemente, le potenzialità sono presenti negli altri individui delle stesse specie che non hanno la necessità d’immergersi per procurarsi il cibo. Tra i mammiferi, l’Uomo, può essere “temporaneo” ospite dell’ecosistema marino, il più vasto della Terra. La tesi, dopo avere descritto le risposte fisiologiche all’immersione, il loro significato funzionale ed il loro controllo negli animali marini, analizza, in apneisti d’èlite, la risposta a carico della frequenza cardiaca, la componente più studiata del “diving reflex”. Le inter-relazioni tra la bradicardia, la saturazione dell’emoglobina, le “scorte d’ossigeno” disponibili, gli scambi O 2 /CO 2 tessutali, sono interpretate, durante l’interruzione volontaria della respirazione, sulla base delle complesse reti neuronali che, con il loro “centro” di controllo

Laurea liv.I

Facoltà: Scienze Motorie

Autore: Luana Mauro Contatta »

Composta da 82 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1513 click dal 30/04/2010.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.