Skip to content

Conforme a chi, conforme a cosa. Sottoculture musicali e il dibattito sulla normalità.

Informazioni tesi

  Autore: Martina Di Bella
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2008-09
  Università: Università degli Studi di Milano
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Scienze della Comunicazione
  Relatore: Giovanni Semi
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 56

Ci sono vari modi per descrivere fenomeni generici come SUBCULTURA; possiamo cominciare dicendo che SUBCULTURA (o SOTTOCULTURA) è un termine usato per riferirsi a un determinato segmento della società che si distingue grazie a un pensiero diverso dalla cosiddetta “normalità”.
Questi segmenti, o per meglio dire “gruppi”, sono formati da soggetti che condividono una credenza, uno stile di vita simile.
Ci sono sempre stati quei soggetti che in passato erano classificati come “emarginati”, per attitudine, malattia, etnia, religione ma, negli ultimi decenni, sono comparse altre categorie legate ad aspetti più vicini a ciò che ogni soggetto “normale” vive tutti i giorni, come per esempio LA MUSICA.
Ogni gruppo sociale ha le sue regole e non sempre queste regole sono state condivise o possono essere in ogni caso condivisibili e accettabili da tutti; questo ha portato a delle categorizzazioni e a degli etichettamenti maturati col tempo.
Queste categorie createsi con gli anni si sono modellate e sviluppate, si sono evolute in qualche modo in altre categorie e sottocategorie. Questa è appunto la dimostrazione che il tempo risulta un fattore dominante nella crescita e maturazione delle idee.
Generalmente troviamo un maggior numero di sottoculture in ambienti vasti e variegati, come possono per esempio essere le grandi città; nei grandi centri, inoltre, troviamo un maggior grado di integrazione di questi gruppi nella società stessa, in quanto essendoci uno spettro molto più ampio di paragone alcuni gruppi risultano quasi irrilevanti agli occhi di chi non ne fa parte. Nel caso in cui non siano irrilevanti, risulterebbero in ogni caso accettabili. A questo punto si ritorna al fattore tempo che porta a una percezione simile all’abitudine di ciò che ci circonda.
Molto spesso chi fa parte di un gruppo sociale distaccato per stile o concezione di vita, tende a spiccare per estetica o simbolismo; crea una sua identità con il gruppo di cui fa parte, assimila una specie di codice visivo che può essere condiviso da chi è come “lui”.
“Conforme a chi, Conforme a cosa” (tratto da “Per Me Lo So” dei CCCP, gruppo punk italiano nato nel 1982, che ha accompagnato un’intera generazione e che ha segnato una svolta nel panorama controculturale giovanile) diventa quindi l’interrogativo retorico nonché inno di quelle sottoculture e controculture che il mondo ha visto crescere, maturare e cambiare.
“Conforme a chi, Conforme a cosa” assume poi un ruolo effettivamente interrogativo, quando andando ad analizzare il mondo attuale, vediamo che l’immagine “diversa” viene commercializzata; nascerebbe spontanea una domanda: il Diverso sta diventando ordinario?

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
3 INTRODUZIONE Ci sono vari modi per descrivere fenomeni generici come SUBCULTURA; possiamo cominciare dicendo che SUBCULTURA (o SOTTOCULTURA) è un termine usato per riferirsi a un determinato segmento della società che si distingue grazie a un pensiero diverso dalla cosiddetta “normalità”. Questi segmenti, o per meglio dire “gruppi”, sono formati da soggetti che condividono una credenza, uno stile di vita simile. Ci sono sempre stati quei soggetti che in passato erano classificati come “emarginati”, per attitudine, malattia, etnia, religione ma, negli ultimi decenni, sono comparse altre categorie legate ad aspetti più vicini a ciò che ogni soggetto “normale” vive tutti i giorni, come per esempio LA MUSICA. Ogni gruppo sociale ha le sue regole e non sempre queste regole sono state condivise o possono essere in ogni caso condivisibili e accettabili da tutti; questo ha portato a delle categorizzazioni e a degli etichettamenti maturati col tempo. Queste categorie createsi con gli anni si sono modellate e sviluppate, si sono evolute in qualche modo in altre categorie e sottocategorie. Questa è appunto la dimostrazione che il tempo risulta un fattore dominante nella crescita e maturazione delle idee. Generalmente troviamo un maggior numero di sottoculture in ambienti vasti e variegati, come possono per esempio essere le grandi città; nei grandi centri, inoltre, troviamo un maggior grado di integrazione di questi gruppi nella società stessa, in quanto essendoci uno spettro molto più ampio di paragone alcuni gruppi risultano quasi irrilevanti agli occhi di chi non ne fa parte. Nel caso in cui non siano irrilevanti, risulterebbero in ogni caso accettabili.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

anormalità
arancia meccanica
becker
devianza
diversita
etnia
foucault
glam rock
hippy
il cantante di jazz
jazz
mod
musica
punk
reggae
religione
sessualità
skinhead
the rocky horror picture show

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi