Skip to content

I presupposti motivazionali del giocatore di rugby: dall'attività giovanile all'alto livello

Informazioni tesi

  Autore: Simone Amato
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2008-09
  Università: Università degli Studi di Verona
  Facoltà: Scienze Motorie
  Corso: Scienze delle attività motorie e sportive
  Relatore: Valter Durigon
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 74

Il tema affrontato è quello della motivazione applicata al rugby, dall’attività giovanile fino all’alto livello, offrendo degli spunti interessanti ai tecnici del settore, ma anche all’appassionato, proponendo una visione più ampia rispetto a quella, limitata e ridotta, proposta dai media italiani (come per esempio l’esaltazione del terzo tempo).

OBIETTIVI:
Gli obiettivi principali sono stati, la comparazione tra le molte ricerche sulla “motivazione e lo sport” con la disciplina del rugby in particolare, cercando di capire cosa spinge il bambino nel sceglierlo, le motivazioni che un genitore può avere per portare il proprio figlio e quelle di un adolescente/adulto nel continuare a praticarlo; un altro obiettivo è stato quello di verificare l’usufruibilità di questo sport analizzandolo nei suoi aspetti prettamente tecnici, e soprattutto prendendo in considerazione i cambiamenti regolamentari e di gioco riscontrati negli ultimi trent’anni, in base a studi effettuati nel 2003 dalla F.I.R.; verificando successivamente, la capacità di diffusione in Italia di questo sport, tanto conosciuto nei paesi anglosassoni e anglofoni.

LE FONTI:
Le fonti per la realizzazione della Tesi sono state libri, articoli, approfondimenti in Internet e
pubblicazioni giornalistiche sulla motivazione e lo sport in generale, successivamente è stata fatta un’analisi dei questionari effettuati tramite uno studio di Gill, Gross e Huddleston (Partecipation Motivation Questionnaire ,PMQ), raffrontando il rugby attraverso le sue regole e i suoi principi; infine ricerca di possibili limiti motivazionali nella diffusione e usufruibilità di questo sport.

RISULTATI OTTENUTI:
I risultati ottenuti sono stati quelli di una disciplina sportiva composta da principi caratteristici e tipici, assenti negli altri sport di squadra, come il principio dell’avanzamento, dell’attacco e della difesa attraverso il sostegno; trovando motivanti, aspetti come il principio della gradualità attraverso i giochi modificati, ponendo l’attenzione principalmente al più usato dai tecnici, avente caratteristiche ludiche e pedagogiche rilevanti, il TAG rugby.
Esistono anche degli aspetti limitanti la motivazione, come ad esempio l’assenza di gesti tecnici specifici riproducibili singolarmente, risultando uno sport di difficile diffusione in Italia . Dalle ricerche iniziali sono emerse delle caratteristiche motivazionali importanti che caratterizzano ogni fascia d’età.

CONCLUSIONI:
Le conclusioni riguardano soprattutto la presa di coscienza di una “programmazione sportiva organizzata”, tenendo conto degli aspetti motivazionali; bambini, adolescenti, adulti non hanno differenze sostanziali nelle motivazioni nei loro sport, cambia solo il peso che loro danno ad esse, ovviamente in base alla diversa età, genere, tipo di sport e caratteristiche socioculturali.
I bambini tendono a dare molta importanza ai rinforzi estrinseci dati dall’allenatore, gli adolescenti tendono a dare priorità all’acquisizione di status sociali, farsi notare e la popolarità sono tipici di questa fascia di età, mentre l’adulto dà molta importanza al mantenimento della forma fisica. I tecnici del settore e i genitori devono motivare il bambino nel modo migliore, incentrandolo verso la motivazione e “l’orientamento sul compito” considerando principalmente l’impegno come fattore di successo, valutando la prestazione, rendendolo autonomo e consapevole del proprio corpo. Le sfide educative che la società attuale ci presenta sono sempre più complesse e multidimensionali mentre gli strumenti classici per affrontare le problematiche sono spesso obsoleti e inadeguati. A questo proposito mi ha particolarmente interessato l’aspetto della motivazione in quanto ritengo che sia l’aspetto fondamentale che deve essere preso in considerazione da tutte le persone coinvolte nell’educazione del ragazzo: famiglia, allenatore, scuola; affinché la pratica sportiva risulti naturale e quindi vero elemento favorevole allo sviluppo della persona.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
9 Capitolo 1 I PROCESSI MOTIVAZIONALI NELLO SPORT Il termine “motivazione” può essere inteso come “l’insieme dei fattori che promuovono l’attività del soggetto, orientandola verso certe mete e consentendole di prolungarsi qualora tali mete non vengano raggiunte immediatamente, per poi fermarla al conseguimento dell’obiettivo”.3 Preliminarmente va specificato che ragazzi e ragazze fanno sport per un insieme abbastanza ampio di ragioni,alcune relative al piacere di confrontarsi con gli altri ma a volte anche per sviluppare delle competenze sportive. Pertanto la programmazione sportiva orientata deve tener conto di questi aspetti complicati e delicati altrimenti si rischia di favorire l’abbandono precoce. Va aggiunto come lo sport sia un’attività che viene praticata per libera scelta, la quale si viene a definire in tre momenti successivi: la scelta – caratterizzata dalla valutazione da parte del soggetto dei diversi elementi sia favorevoli che contrari alla pratica sportiva, prendendo in considerazione tutte le alternative possibili, la decisione – di praticare un determinato sport a partire dalla suddetta valutazione, e l’attuazione – cioè la pratica concreta dello sport prescelto.4 3 Reuchlin M. (1957), Psychologie, PUF, Paris (trad.it. Manuale di Psicologia,Editori Riuniti, Roma, 1981). 4 Giovannini D., Savoia L. [2002], Psicologia dello sport, Roma, Carocci

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

gioco
motivazione nel rugby
rugby
sport

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi