Skip to content

Il testamento biologico

Informazioni tesi

  Autore: Gloria Miconi
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2008-09
  Università: Università degli Studi di Camerino
  Facoltà: Giurisprudenza
  Corso: classe 15
  Relatore: Francesco Rizzo
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 189

In questa tesi si cercherà di mettere in luce alcune tra le più importanti problematiche relative al c.d. “fine vita”, o meglio, alla qualità del c.d. “fine vita”. Non esistendo, nell'ordinamento giuridico italiano, una specifica disciplina cui fare riferimento per la fase terminale del paziente, si cercherà di individuare dei “puntelli normativi” evincendoli dai princìpi generali del nostro ordinamento e dai valori costituzionali, specie dagli artt. 2, 13, 32 Cost.
Nell'elaborato sono esposte delle riflessioni giuridiche ed etico-giuridiche intorno al tema dell'esercizio del diritto al rifiuto delle cure ai sensi dell'art. 32 Cost., ed in nome del diritto di autodeterminazione e della libertà personale proclamata inviolabile dall'art. 13 Cost.
La trattazione si preoccupa di analizzare, prima, l'esercizio del rifiuto “attuale” di cure, in seguito, l'esercizio del diritto al rifiuto “non attuale” di cure (e antecedente alla perdita di coscienza).
Si tenta di comprendere se il nostro ordinamento giuridico contempli la possibilità per il cittadino di esercitare il diritto di rifiuto alle cure anticipatamente, cioè “ora per allora”, ovverosia per il tempo in cui non sarà più capace di intendere e di volere; dunque, se si possa e si debba tener conto, in materia di trattamenti sanitari, della volontà espressa precedentemente alla perdita di coscienza anche quando il rifiuto riguardi trattamenti salvavita.
Verrà affrontato l'attualissimo argomento del possibile riconoscimento, anche nel nostro ordinamento, del testamento biologico.
Il testamento biologico è una dichiarazione fatta da una persona, nel pieno possesso delle proprie facoltà mentali (eventualmente davanti a testimoni e/o un notaio), in cui si specificano le condizioni entro le quali essa dovrà essere trattata nel caso in cui si trovasse impossibilitata a decidere in merito alla propria salute, a causa del sopraggiungere di uno stato di incapacità dovuto a malattia, infermità, vecchiaia, o altro.
Si cercherà di illustrare il dibattito dottrinale, offrendo una panoramica il più pluralistica possibile, tra: chi vede nel riconoscimento giuridico del testamento biologico una riaffermazione di princìpi fondamentali quali l'autodeterminazione, la dignità, l'informazione, poiché esso viene considerato come una logica estensione della cultura del consenso informato, ormai condizione necessaria per la liceità dell'intervento medico, affinché la relazione asimmetrica tra medico e paziente si trasformi in una vera e propria “alleanza terapeutica”; e chi, contrariamente, pone ostacoli all'accoglimento di un simile documento, poiché stenta a dare validità e vincolatività ad una dichiarazione di volontà non più attuale.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
Introduzione L'argomento di cui si tratterà in questa tesi, è un tema da sempre caro agli studiosi di filosofia, ma che negli ultimi tempi, ha risvegliato molti interrogativi anche fra diversi giuristi: il problema della disponibilità della propria salute e della propria vita in situazioni di grave malattia. La libertà individuale è uno dei princìpi cardine di tutti gli ordinamenti giuridici contemporanei; ma questa libertà, proclamata inviolabile, include anche la possibilità di decidere autonomamente le sorti del proprio corpo? A tale proposito ci si dovrebbe chiedere: <<di chi è il corpo? Della persona interessata, della sua cerchia familiare, di un Dio che l'ha donato, di una natura che lo vuole inviolabile, di un potere sociale che in mille modi se ne impadronisce, di un medico o di un magistrato che ne stabiliscono il destino?>>1. Le innovazioni tecnologiche, la ricerca medica e i costanti progressi in campo biologico e scientifico, hanno determinato un radicale miglioramento delle condizioni di ciascun individuo ed un avanzamento della vita media e della qualità dell'esistenza umana; tuttavia, nel caso di patologie irreversibili, la scoperta e l'utilizzazione di nuove tecniche cliniche hanno soltanto aumentato la durata della malattia e delle sue fasi terminali, con il risultato di un prolungamento della condizione di sofferenza del malato prima del suo inevitabile decesso. Si potrebbe dire che, in un certo senso, la tecnica abbia creato una sorta di tempo intermedio tra la vita e la morte, dove un'esistenza si protrae o in assenza di una vita cognitiva (si pensi ai malati in stato vegetativo permanente) oppure in conflitto con la capacità di sopportazione del paziente, il quale, a volte, chiede di essere aiutato a morire, o meglio, di essere lasciato morire. In queste circostanze, viene meno il principio di autodeterminazione del paziente nel campo dei trattamenti sanitari, secondo il quale ogni persona ha il pieno diritto di essere informato sulle scelte riguardanti la sua salute ed è libera di accettare o 1 STEFANO RODOTA', La vita e le regole, tra diritto e non diritto, Feltrinelli, Milano, 2007, 73, cit. 5

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

anticipate
attuale
autodeterminazione
autonomia
biologico
consenso
cure
dichiarazioni
dignità
diritto
eluana
englaro
incapacità
informato
malato
morire
permanente
persistente
rifiuto
stato
testamento
trattamento
vegetativo
volontà

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi