Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Struttura delle comunità procariotiche nei sedimenti profondi del Mediterraneo

La presente tesi è stata sviluppata nell’ambito del progetto internazionale HERMES (Hotspot Ecosystem Research on the Margins of European Seas), con l’obiettivo di approfondire le conoscenze riguardanti la struttura delle comunità procariotiche nei sedimenti di ambienti profondi. Lo studio si è incentrato su due diverse aree del Mediterraneo. La prima area, nel Golfo del Leone era caratterizzata da canyon sottomarini, mentre la seconda era situata lungo la scarpata del Bacino di Gela (Canale di Sicilia) e caratterizzata da due frane sottomarine. Lo studio della comunità procariotica è stato supportato da analisi di variabili funzionali (attività enzimatica extracellulare procariotica) e ambientali (clorofilla-a e feopigmenti, e la composizione della materia organica). Abbondanza e biomassa procariotica, la frazione di procarioti metabolicamente attivi e la diversità procariotica come percentuali di Archaea ed Eubatteri sono state misurate in tutte le stazioni. Nell’area del Golfo del Leone, i dati microbiologici rispecchiano le differenze geomorfologiche tra canyon sottomarini, zone di erosione, zone di accumulo e presenza di depositi.
Nel Bacino di Gela i valori maggiori delle variabili microbiologiche, sia strutturali sia funzionali, sono stati osservati nelle stazioni di controllo (scarpata senza frana) rispetto alle aree di frana. Questi risultati suggeriscono la presenza di un chiaro controllo della “geosfera” sui processi della “biosfera” in ambienti profondi ed indicano che le variabili microbiologiche sono in grado di evidenziare tali differenze.

Mostra/Nascondi contenuto.
9 OBIETTIVI Gli obiettivi perseguiti in questa tesi sono quelli di ampliare e approfondire le conoscenze sul ruolo ecologico delle comunit procariotiche bentoniche in due ambienti particolari come le frane ed i canyon sottomarini. Per questo motivo Ł stata studiata un’area del Golfo del Leone per lo studio degli ecosistemi di canyon e un’area del Mediterraneo Centrale che comprende le due frane sottomarine della Fossa di Gela (Canale di Sicilia). Gli obiettivi specifici di questa tesi sono: 1. L’identificazione della biodiversit procariotica nei sistemi di frana e canyon sottomarini. 2. Lo studio delle possibili relazioni tra biodiversit procariotica e funzionamento ecosistemico.

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali

Autore: Daniele Cargini Contatta »

Composta da 151 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 407 click dal 28/04/2010.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.