Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La Direttiva Quadro 2000/60 Ce e il Bacino scolante nella Laguna di Venezia: un approccio all'analisi costi - efficacia

Obiettivo della tesi è di applicare l'analisi costi - efficacia rispetto al caso specifico delle acque del Bacino scolante nella Laguna di Venezia.

Mostra/Nascondi contenuto.
6 PREMESSA Scopo del presente lavoro è di fornire una presentazione metodologica dei principi economici descritti nella Direttiva Quadro 2000/60 (correntemente chiamata DQA), meglio conosciuta come Water Framework Directory. Oggetto del lavoro è il distretto idrografico concernente il Bacino Scolante nella Laguna di Venezia. La Direttiva europea, estesa a tutti i membri dell’Unione Europea, ha posto come obiettivo la riqualificazione ambientale dei corpi idrici entro il 2015; la descrizione dei contenuti è riportata nel primo capitolo della seguente tesi. Nei primi paragrafi sono state delineate le diverse scadenze previste, intese come i passaggi obbligatori per ogni nazione da perseguire al fine del conseguimento degli obiettivi richiesti. Di seguito sono stati descritti i principali contenuti tecnici della normativa, con particolare riguardo alla corposa disciplina concernente la definizione e la classificazione dei corpi idrici, nonché la definizione di Distretto idrografico, inteso come la principale unità [geografica] per la gestione dei bacini idrografici a livello territoriale. Ampio spazio è stato poi dedicato alle attività di monitoraggio, così come richieste dalla DQA, punto fondamentale nell’applicazione dei contenuti della normativa europea. Un approfondimento interessante, ai fini del presente elaborato, è stato descritto nel paragrafo 9, all’interno del quale sono stati analizzati i risultati emersi nell’applicazione della DQA al’interno degli Stati Europei; sulla base dei dati osservati è stata stilata una prima considerazione circa le motivazione legate ai risultati. Il capitolo 1 si conclude con un’osservazione sul contesto italiano circa l’applicazione della normativa, e di una plausibile spiegazione delle cause che portarono l’Italia ad un ritardo nell’introduzione dei principi richiesti nell’ordinamento nazionale. Attraverso il secondo capitolo si intende fornire un primo approccio economico circa la valutazione degli investimenti pubblici, attraverso lo strumento per la valutazione richiesto dall’Europa: l’Analisi Costi – Efficacia. La descrizione dei contenuti ivi presentati si è basata sui contenuti della “Water Framework Directive Economic Analysis. Collaborative Research

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Economia

Autore: Claudio Barbaglio Contatta »

Composta da 107 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 216 click dal 07/05/2010.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.