Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il brand 'Made in Italy'

La tesi parla del Made in Italy da un punto di vista preciso, quello della costruzione e promozione di un “brand” nazionale, non tanto (o non solo) un marchio vero e proprio, quanto un insieme di valori, immagini, prodotti, che rappresentino l’Italia e la rendano facilmente conoscibile e riconoscibile dai consumatori di tutto il mondo.
È stata posta l’attenzione anche sulla crisi economica che ha colpito tutto il mondo nell’ultimo anno e mezzo, e che ha cambiato l’economia globale e le sue dinamiche, la conformazione di molte imprese, e anche le abitudini e credenze dei consumatori. Si parla poi della concorrenza che il made in Italy deve subire dagli altri 'made in', che hanno caratteristiche sicuramente differenti, quando non diametralmente opposte, ma che non di meno entrano in competizione con esso, spesso mettendolo in difficoltà. È il caso delle nuove potenze economiche emergenti, la Cina in testa.

Mostra/Nascondi contenuto.
4 PREMESSA Il presente elaborato si pone l‟obiettivo di trattare un argomento certamente vastissimo, quello del made in Italy. “Made in Italy” è una dicitura molto dibattuta, con interpretazioni e accezioni molteplici, che talvolta può voler dire tutto o niente, essere abusata e ricadere nel cliché, ma che sicuramente racchiude in sé alcune caratteristiche (quali unicità, artigianalità, originalità, attenzione al dettaglio, forte legame col territorio) che ben descrivono la parte più attiva, produttiva, e motivo d‟orgoglio dell‟economia del nostro Paese. Si vuole trattare l‟argomento da un punto di vista preciso, quello della costruzione e promozione di un “brand made in Italy”, non tanto (o non solo) un marchio vero e proprio, quanto un insieme di valori, immagini, prodotti, che rappresentino l‟Italia e la rendano facilmente conoscibile e riconoscibile, ma soprattutto apprezzata e ammirata, dai consumatori di tutto il mondo. A livello strettamente promozionale, le varie imprese e istituzioni italiane raramente si sono mosse in maniera sinergica, col risultato di una comunicazione confusa, non unitaria e dunque spesso non efficace. Ciò nonostante, i prodotti italiani sono da molto tempo tra i più graditi dai consumatori di tutto il mondo, e il made in Italy è sempre un sinonimo di produzioni di alto livello, di qualità nella fattura, unita a bellezza e unicità. Sembra, dunque, che un “brand made in Italy” esista e abbia successo, al di là dell‟esistenza di un marchio vero e proprio: la qualità è il biglietto da

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Michela Quattrocchi Contatta »

Composta da 181 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 24433 click dal 07/05/2010.

 

Consultata integralmente 29 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.