Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Trattamento fisico-strumentale e cinesiterapico della sindrome da impingement

La tesi nasce con l'intento di dimostrare l'efficacia terapeutica, nel trattamento conservativo della sindrome da impingement sottoacromiale, della tecarterapia associata alla cinesiterapia.

Mostra/Nascondi contenuto.
1 INTRODUZIONE La spalla viene definita come un capolavoro di ingegneria articolare umana. È costituita dal più alto numero di articolazioni ed è la più mobile tra tutte le articolazioni. Viene meglio definita come “complesso articolare scapolo-omerale”, poichè per il movimento dell’omero è necessario il movimento di numerose articolazioni. La spalla di un individuo può muoversi in più di 16.000 posizioni ad un grado di differenza l’uno dall’altro. Ed è proprio per la sua complessità che molto spesso è sede di numerose patologie. Tra patologie più comuni quella che assume un importanza notevole è la cosiddetta “Sindrome da conflitto sottoacromiale” (o impingement syndrome) a cui è dedicata la trattazione. Il termine impingement sta ad indicare letteralmente “frizionamento” che si verifica tra i tendini della cuffia dei rotatori ( in primo luogo il sovraspinoso) e volta osteofibrosa che li sovrasta, quando l’arto superiore si trova in anteposizione ma soprattutto in abduzione ed in intrarotazione rispetto al tronco; questa è la posizione abituale di lavoro di molteplici categorie di lavoratori quali imbianchini, carpentieri meccanici ecc). Neer ha descritto sindromi da conflitto primarie e secondarie. Questo lavoro nasce con l’obiettivo di dimostrare l’efficacia della terapia strumentale (nel nostro caso la TECAR terapia) associata alla cinesiterapia nel trattamento conservativo della sindrome da impingement sottoacromiale, e spero che sia da aiuto anche agli altri professionisti che lavorano nella riabilitazione, al fine di integrare e potenziare l’efficacia delle altre tecniche usate nel trattamento di questa patologia.

Laurea liv.I

Facoltà: Medicina e Chirurgia

Autore: Salvatore Militano Contatta »

Composta da 51 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 6600 click dal 05/05/2010.

 

Consultata integralmente 20 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.