Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Bambini in cammino: erranza educativa e disagio in comunità per minori

Disagio infantile, aggressività, comunità per minori, progetto educativo, emozioni, abuso infantile, educazione, pedagogia, lavoro d'equipe, supervisione

Mostra/Nascondi contenuto.
INTRODUZIONE Fin da quando ho iniziato il mio percorso accademico presso l‟Università Cattolica del Sacro Cuore sono sempre stata interessata alle problematiche inerenti il disagio infantile ed eventuali linee guida grazie al quale poter relazionarsi ed attuare percorsi educativi in realtà difficili e delicate. La scelta di attuare il tirocinio obbligatorio del secondo anno della laurea specialistica nella comunità “Girotondo” non è nata esclusivamente dal fatto che già conoscevo le persone che frequentano la comunità o per la vicinanza fisica al luogo di lavoro che non avrei avuto intenzione di lasciare o di sacrificare. In realtà fin dal primo anno della laurea triennale è sempre stato vivo in me l‟interesse di poter fare un‟esperienza significativa in una comunità alloggio per bambini con disagio sociale, con vissuti di maltrattamenti, abuso o incuria famigliare. Avendo conosciuto questa comunità per minori per motivi di convivenza comune nella stessa struttura, siccome lavoro da 5 anni per un‟associazione ONLUS che opera nel campo della disabilità infantile e ha sede nello stesso palazzo, ho ritenuto opportuno chiedere alla cooperativa che ha in gestione la comunità la possibilità di poter fare la tirocinante presso di loro. I piani che separano il centro dell‟Abilità con la comunità “Girotondo” sono solo quattro e all‟inizio non bastavano per nulla per permettermi di essere pronta ad attuare degli interventi educativi e a mettermi in relazione con questi bambini, ad accoglierli, ascoltarli, accettarli. Rilevando questo limite, ho iniziato a riflettere su quale potesse essere l'impostazione mentale, metodologica, da fare mia in modo da aprire il mio mondo al loro e viceversa. Frequentando le lezioni universitarie del Professor Giuseppe Vico e il corso di formazione dell‟associazione Educatori Senza Frontiere – Exodus, di 6

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Scienze della Formazione

Autore: Paola Molteni Contatta »

Composta da 189 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 8664 click dal 06/10/2010.

 

Consultata integralmente 3 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.