Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Modellizzazione mediante reti neurali cellulari dei fenomeni di eccitazione e propagazione elettrica nel miocardio

Questa tesi approfondisce il tema relativo alla modellizzazione, mediante reti neurali cellulari, dei fenomeni di eccitazione e propagazione elettrica nel miocardio.

Mostra/Nascondi contenuto.
3 INTRODUZIONE L’uso di modelli matematici volto alla caratterizzazione dell’attività cardiaca comincia con l’uso delle equazioni di Van Der Pol per rappresentare il ritmo cardiaco come una forma di oscillatore a rilassamento. Comunque, queste equazioni non furono sviluppate con questo intento, anche se è possibile ravvisare alcuni legami tra i parametri delle equazioni di Van Der Pol e quelli dell’eccitazione cardiaca. Negli ultimi quarant’anni lo studio della fisiologia cardiaca ha vissuto dei cicli durante i quali l’attenzione dei ricercatori si focalizzava su particolari questioni sperimentali, come l’identificazione delle varie correnti che concorrono a generare la dinamica cellulare. Oggi le ricerche sono condotte su due fronti: lo studio teorico per la costruzione di modelli che ritraggano tutta una serie di aspetti, anche non di natura elettrofisiologica (come la disposizione geometrica delle fibre cardiache) e quello, più volto alla pratica, riguardante l’ideazione di metodologie che permettano simulazioni computazionalmente efficienti dei fenomeni cardiaci. Come risultato oggi è disponibile un gran numero di modelli, diversi per funzione, realizzazione e prestazioni. La meta di questi sforzi è il raggiungimento dell’utilità pratica in campo clinico. Si tenga presente che uno dei motivi per la richiesta di modelli cardiaci è la difficolta di ottenere da esperimenti in vivo correlazioni tra segnali elettrocardiografici ed eventi intracardiaci. Volendo fare una classificazione in base agli strumenti matematici usati possiamo riconoscere: sistemi di equazioni differenziali ordinarie (ODE), sistemi di equazioni alle derivate parziali (PDE), automi cellulari (CA),

Tesi di Laurea

Facoltà: Ingegneria

Autore: Giuseppe Gilotta Contatta »

Composta da 83 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1186 click dal 20/03/2004.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.