Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Acquisizioni aziendali e processi di creazione/distruzione di valore. Il caso Pirelli - Telecom Italia.

La tesi tratta dei processi di creazione di valore nell'ambito della gestione aziendale. In particolare, si affrontano i meccanismi che conducono alla distruzione di valore e i metodi per poter valutare ex ante ed ex post tale percorso.
Un metodo è stato poi utilizzato per valutare la creazione/distruzione di valore in Telecom Italia durante il periodo in cui è stata sotto il controllo di Pirelli e del suo presidnete Marco Tronchetti Provera.

Mostra/Nascondi contenuto.
- 1 - Introduzione Lo scopo di questa tesi è analizzare i percorsi di creazione o distruzione di valore del Gruppo Telecom Italia. Tale lavoro si sviluppa prendendo in considerazione il periodo che va dall'entrata del Gruppo Pirelli nella compagine societaria, avvenuta nel 2001, fino alla sua uscita nel 2007. L'attuale Telecom Italia è la società risultante da una serie di operazioni straordinarie, successive alla privatizzazione del gruppo del 1997. La prima, in ordine di tempo, fu la scalata di Olivetti, del 1999, che permise al gruppo di Ivrea di acquisire il controllo del gruppo telefonico italiano. Nel 2001 subentrarono nuovi investitori: la Pirelli Spa di Marco Tronchetti Provera e Edizione Holding della famiglia Benetton, i quali acquisirono il 27% di Olivetti, diventando gli azionisti di controllo di Telecom attraverso la NewCo Olimpia. Nel 2003 per rendere più efficiente il gruppo e la catena di controllo ci fu una fusione per integrazione di Telecom Italia Spa in Olivetti - Ing. Olivetti & C., la quale modificò contestualmente la denominazione in Telecom Italia. Ad un anno di distanza, per il raggiungimento dello stesso obiettivo, iniziò il processo di integrazione di Tim in Telecom Italia. Nel 2006 le numerose polemiche, nate in seguito ad una presunta cessione di Tim, portarono alle dimissione il presidente del gruppo telefonico Marco Tronchetti Provera. Il nuovo presidente Guido Rossi escluse la cessione di Tim e cercò di rendere più stabile l'azionariato del gruppo. Nel 2007 il gruppo Pirelli cedette le partecipazioni detenute in Olimpia ad una cordata italo – spagnola, che diede vita ad una

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Economia

Autore: Roberta Rolando Contatta »

Composta da 225 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2116 click dal 12/05/2010.

 

Consultata integralmente 4 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.