Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Donne nuove: cultura di massa e identità femminile

L' obiettivo di questo lavoro cerca di mettere in luce gli aspetti salienti dell'identità femminile del ventunesimo secolo, che profondamente manipolata e plasmata, attraverso i messaggi e i nuovi valori propagandati dai mezzi di comunicazione di massa, sembra quasi aver perso il suo carattere fondamentale: la sua originalità, la sua unicità rispetto alle altre.Come è emerso da questo lavoro, i blog, la televisione, le chat, le fiction, i diari on-line, sono tutti strumenti che, senza eccezione, spingono le donne a concentrare la loro attenzione in maniera ossessiva unicamente sul proprio aspetto fisico, sulla bellezza, sul corpo..La televisione, che molti definiscono la “maggiore industria culturale”, è in gran parte gioco e divertimento. Non riusciamo a scorgere in essa nessuna sollecitazione che possa spingere le donne a crearsi un' identità nuova, se non una in contrapposizione con quella maschile. La presenza della donna in tv è una presenza di quantità, raramente di qualità.
La donna proposta sembra assecondare i presunti desideri maschili sotto ogni aspetto, abdicando completamente alla possibilità di essere “l' altro”. Diciamo che, fra tanti ostacoli, difficoltà e impedimenti, le donne vanno affermandosi professionalmente in molti campi, occupando posti di responsabilità, competenza e potere.
Ma l ' intelligenza, la professionalità e la volontà di quest' ultime incutono ancora paura, e uno dei sistemi più diffusi per svilirle è ignorare o svalutare queste qualità per divergere l'attenzione sull'aspetto fisico: le gambe, l'acconciatura, l'abbigliamento. Il corpo, come sempre.
Nell’interazione con i nuovi media il nostro « corpo » si fa mutante, ibridato, smaterializzato, artificiale, tecnologico: questo è il punto di arrivo delle mie riflessioni, sulle infinite possibilità di mutamento, rese possibili grazie alle nuove tecnologie.
Le voci delle donne, come è stato dimostrato negli ultimi capitoli, indagano nelle maglie della Rete le possibilità di ri-configurazione del sé, i nuovi scenari lavorativi e le innovazioni che il superamento del divario digitale di genere consentirà loro di acquisire.
E' emerso che la re-genderization, il ritorno ai generi, è già in atto, dalla metà degli anni novanta, nella produzione e diffusione di programmi televisivi, libri, film, siti Internet. Ma si evince chiaramente come la parola ritorno non sancisca semplicemente una differenza, ma determina, ancora una volta e a dispetto delle apparenze, la premessa di una subordinazione.
Ormai in tutti i settori della comunicazione noi donne abbiamo introiettato il modello maschile così a lungo e cosi profondamente che non sappiamo più riconoscere cosa vogliamo veramente. Voglio dire che ci guardiamo l'un l'altra con occhi maschili, per cui neanche il modello corrente di bellezza ci rappresenta. E non appare, quindi, nemmeno poi tanto strano se la pubblicità utilizzi immagini con riferimenti sessuali ai maschi ma che mirano ad attrarre pubblico femminile. Sono sicura che senza questa pressione continua sul “dover essere belle” secondo canoni che noi non abbiamo scelto, ci accetteremmo molto di più per quel che siamo.
Perchè è accaduto? Forse così funziona “il sistema”. Questi sarebbero i nostri modelli di riferimento dall'alta moda alla politica, dallo sport alla musica pop, fino alla medicina. Entrarne a far parte ti rende una donna forte, ti dà potere. Purtroppo anche le donne emancipate devono proporsi pubblicamente e dichiaratamente come oggetto di desiderio sempre e comunque in ogni situazione anche quando vengono interpellate per la loro professionalità.
Nella nostra società i meriti femminili tuttora si fanno strada con grande fatica a causa di una diffusa cultura misogina di vecchissima data, in apparenza definitivamente sconfitta e invece sempre pronta a risorgere intatta dalle sue ceneri.
Ci ricorda Loredana Lipperini, autrice del testo “Ancora dalla parte delle bambine” come “al monte del reggiseno in vista e delle labbra gonfie, che anche l' ospite più intelligente di un dibattito si sente, a differenza dei colleghi maschi, obbligata ad esibire, c'è il malinteso concetto per cui un essere umano che ha raggiunto la presunta liberazione dagli stereotipi, possa usare i medesimi per divertirsi”Concludo il mio lavoro con una famosa citazione di Simone de Beauvoir: “La disputa continuerà finchè gli uomini e le donne non si riconosceranno come simili”
La sensazione è che, a oggi, la disputa continui, e si stia nuovamente acutizzando, perchè quel riconoscimento – di similitudine, non di identificazione – non è ancora avvenuto. Nonostante si sostenga, nei luoghi deputati, l' esatto contrario.

Mostra/Nascondi contenuto.
INTRODUZIONE “Il soggetto, ritenuto fondamento sicuro, è invece da sempre penetrato da relazioni di potere che lo fanno essere quello che è, che lo plasmano nei pensieri e nei comportamenti, nei desideri, nel corpo, nei bisogni; quel soggetto è prodotto dai saperi che con esso nascono e dalle pratiche disciplinari che gli fissano una identità”* L' obiettivo di questo lavoro cerca di mettere in luce gli aspetti salienti dell'identità femminile del ventunesimo secolo, che profondamente manipolata e plasmata, attraverso i messaggi e i nuovi valori propagandati dai mezzi di comunicazione di massa, sembra quasi aver perso il suo carattere fondamentale: la sua originalità, la sua unicità rispetto alle altre. La globalizzazione, che Serge Latouche definisce in linea con «l’occidentalizzazione del mondo»*, sembra infatti si ponga l’obiettivo primario di uniformare le personalità, specialmente quelle femminili, appiattire le coscienze e omologare l’opinione pubblica mettendoci nella condizione di partecipare, noi tutti, cittadini globalizzati, al mantenimento di questo “sistema” precostituito. I mezzi di comunicazione di massa, come verrà evidenziato, sono infatti uno strumento potentissimo di persuasione, influenza e controllo delle menti, sia a livello diretto che indiretto e inconscio, poiché possono contare su diversi strumenti validissimi come la pubblicità, i blog, le trasmissioni e le fiction televisive. Molti studiosi contemporanei come Jay David Bolter hanno addirittura notato che tendiamo a vedere noi stessi all’interno dei media di cui possiamo disporre e attraverso di essi. Quando guardiamo un film o un programma televisivo, ad esempio, tendiamo ad assumere il punto di vista mobile della telecamera. Egli afferma infatti che: «la nostra identità in realtà non è interamente * M. Foucault, Microfisica del potere, Einaudi, Torino, 1977 * S. Latouche, L' occidentalizzazione del mondo, Bollati Boringhieri,Torino, 1992, p. 159 4

Laurea liv.I

Facoltà: Scienze della Formazione

Autore: Alessia Raia Contatta »

Composta da 70 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 6514 click dal 12/05/2010.

 

Consultata integralmente 8 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.