Skip to content

Donne nuove: cultura di massa e identità femminile

Informazioni tesi

  Autore: Alessia Raia
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2008-09
  Università: Università degli Studi Suor Orsola Benincasa - Napoli
  Facoltà: Scienze della Formazione
  Corso: Scienze della comunicazione
  Relatore: Agata Gambardella Piromallo
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 70

L' obiettivo di questo lavoro cerca di mettere in luce gli aspetti salienti dell'identità femminile del ventunesimo secolo, che profondamente manipolata e plasmata, attraverso i messaggi e i nuovi valori propagandati dai mezzi di comunicazione di massa, sembra quasi aver perso il suo carattere fondamentale: la sua originalità, la sua unicità rispetto alle altre.Come è emerso da questo lavoro, i blog, la televisione, le chat, le fiction, i diari on-line, sono tutti strumenti che, senza eccezione, spingono le donne a concentrare la loro attenzione in maniera ossessiva unicamente sul proprio aspetto fisico, sulla bellezza, sul corpo..La televisione, che molti definiscono la “maggiore industria culturale”, è in gran parte gioco e divertimento. Non riusciamo a scorgere in essa nessuna sollecitazione che possa spingere le donne a crearsi un' identità nuova, se non una in contrapposizione con quella maschile. La presenza della donna in tv è una presenza di quantità, raramente di qualità.
La donna proposta sembra assecondare i presunti desideri maschili sotto ogni aspetto, abdicando completamente alla possibilità di essere “l' altro”. Diciamo che, fra tanti ostacoli, difficoltà e impedimenti, le donne vanno affermandosi professionalmente in molti campi, occupando posti di responsabilità, competenza e potere.
Ma l ' intelligenza, la professionalità e la volontà di quest' ultime incutono ancora paura, e uno dei sistemi più diffusi per svilirle è ignorare o svalutare queste qualità per divergere l'attenzione sull'aspetto fisico: le gambe, l'acconciatura, l'abbigliamento. Il corpo, come sempre.
Nell’interazione con i nuovi media il nostro « corpo » si fa mutante, ibridato, smaterializzato, artificiale, tecnologico: questo è il punto di arrivo delle mie riflessioni, sulle infinite possibilità di mutamento, rese possibili grazie alle nuove tecnologie.
Le voci delle donne, come è stato dimostrato negli ultimi capitoli, indagano nelle maglie della Rete le possibilità di ri-configurazione del sé, i nuovi scenari lavorativi e le innovazioni che il superamento del divario digitale di genere consentirà loro di acquisire.
E' emerso che la re-genderization, il ritorno ai generi, è già in atto, dalla metà degli anni novanta, nella produzione e diffusione di programmi televisivi, libri, film, siti Internet. Ma si evince chiaramente come la parola ritorno non sancisca semplicemente una differenza, ma determina, ancora una volta e a dispetto delle apparenze, la premessa di una subordinazione.
Ormai in tutti i settori della comunicazione noi donne abbiamo introiettato il modello maschile così a lungo e cosi profondamente che non sappiamo più riconoscere cosa vogliamo veramente. Voglio dire che ci guardiamo l'un l'altra con occhi maschili, per cui neanche il modello corrente di bellezza ci rappresenta. E non appare, quindi, nemmeno poi tanto strano se la pubblicità utilizzi immagini con riferimenti sessuali ai maschi ma che mirano ad attrarre pubblico femminile. Sono sicura che senza questa pressione continua sul “dover essere belle” secondo canoni che noi non abbiamo scelto, ci accetteremmo molto di più per quel che siamo.
Perchè è accaduto? Forse così funziona “il sistema”. Questi sarebbero i nostri modelli di riferimento dall'alta moda alla politica, dallo sport alla musica pop, fino alla medicina. Entrarne a far parte ti rende una donna forte, ti dà potere. Purtroppo anche le donne emancipate devono proporsi pubblicamente e dichiaratamente come oggetto di desiderio sempre e comunque in ogni situazione anche quando vengono interpellate per la loro professionalità.
Nella nostra società i meriti femminili tuttora si fanno strada con grande fatica a causa di una diffusa cultura misogina di vecchissima data, in apparenza definitivamente sconfitta e invece sempre pronta a risorgere intatta dalle sue ceneri.
Ci ricorda Loredana Lipperini, autrice del testo “Ancora dalla parte delle bambine” come “al monte del reggiseno in vista e delle labbra gonfie, che anche l' ospite più intelligente di un dibattito si sente, a differenza dei colleghi maschi, obbligata ad esibire, c'è il malinteso concetto per cui un essere umano che ha raggiunto la presunta liberazione dagli stereotipi, possa usare i medesimi per divertirsi”Concludo il mio lavoro con una famosa citazione di Simone de Beauvoir: “La disputa continuerà finchè gli uomini e le donne non si riconosceranno come simili”
La sensazione è che, a oggi, la disputa continui, e si stia nuovamente acutizzando, perchè quel riconoscimento – di similitudine, non di identificazione – non è ancora avvenuto. Nonostante si sostenga, nei luoghi deputati, l' esatto contrario.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
INTRODUZIONE “Il soggetto, ritenuto fondamento sicuro, è invece da sempre penetrato da relazioni di potere che lo fanno essere quello che è, che lo plasmano nei pensieri e nei comportamenti, nei desideri, nel corpo, nei bisogni; quel soggetto è prodotto dai saperi che con esso nascono e dalle pratiche disciplinari che gli fissano una identità”* L' obiettivo di questo lavoro cerca di mettere in luce gli aspetti salienti dell'identità femminile del ventunesimo secolo, che profondamente manipolata e plasmata, attraverso i messaggi e i nuovi valori propagandati dai mezzi di comunicazione di massa, sembra quasi aver perso il suo carattere fondamentale: la sua originalità, la sua unicità rispetto alle altre. La globalizzazione, che Serge Latouche definisce in linea con «l’occidentalizzazione del mondo»*, sembra infatti si ponga l’obiettivo primario di uniformare le personalità, specialmente quelle femminili, appiattire le coscienze e omologare l’opinione pubblica mettendoci nella condizione di partecipare, noi tutti, cittadini globalizzati, al mantenimento di questo “sistema” precostituito. I mezzi di comunicazione di massa, come verrà evidenziato, sono infatti uno strumento potentissimo di persuasione, influenza e controllo delle menti, sia a livello diretto che indiretto e inconscio, poiché possono contare su diversi strumenti validissimi come la pubblicità, i blog, le trasmissioni e le fiction televisive. Molti studiosi contemporanei come Jay David Bolter hanno addirittura notato che tendiamo a vedere noi stessi all’interno dei media di cui possiamo disporre e attraverso di essi. Quando guardiamo un film o un programma televisivo, ad esempio, tendiamo ad assumere il punto di vista mobile della telecamera. Egli afferma infatti che: «la nostra identità in realtà non è interamente * M. Foucault, Microfisica del potere, Einaudi, Torino, 1977 * S. Latouche, L' occidentalizzazione del mondo, Bollati Boringhieri,Torino, 1992, p. 159 4

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

desperate housewives
donne e blog
donne e facebook
donne e ict
donne e media
fatema mernissi
gender digital divide
identità femminile
identità negata nel 21°secolo
il corpo delle donne
il lavoro è rosa
il mito della bellezza
il potere delle identità
il trionfo del corpo
l'harem delle donne occidentali:la taglia 42
la bellezza come obbligo
la donne dei telefilm
la taglia 42
la tv è donna
lorella zanardo
reti di donne
sex and the city
sociologia del corpo
ugly betty

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi