Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Lo sviluppo di un nuovo canale commerciale: gli outlet elettronici

Il presente lavoro illustra le principali caratteristiche degli outlet online e descrive le caratteristiche che differenziano le varie tipologie all'interno della categoria outlet online. Sono poi presentati in modo molto approfondito tre casi di outlet elettronici. Infine, un breve capitolo mette in luce alcune delle possibili novità tecnologiche che potranno essere applicate nel futuro a questo canale per migliorarne le prestazioni.

Mostra/Nascondi contenuto.
5 Introduzione Il presente lavoro propone l‟analisi di un nuovo canale commerciale che, in questo periodo di crisi economica e culturale, attrae ogni giorno di più l‟attenzione delle aziende e dei consumatori: l’outlet online. Si tratta dell‟ultima evoluzione dei famosi centri commerciali che vendono beni di marca di collezioni passate a prezzi ridotti. I prodotti venduti spaziano dall‟abbigliamento alla pelletteria, dagli articoli di design agli alimentari, dai prodotti di bellezza ai mobili; i factory outlet riscuotono molto successo da alcuni anni anche in Italia. Recentemente lo stesso tipo di business è stato avviato anche nel Web e, dato il promettente inizio, si prevede uno sviluppo altrettanto positivo per questo nuovo canale. L‟outlet online sembra essere un ottimo supporto alla strategia commerciale d‟azienda, in particolare per il settore dell‟abbigliamento. La moda è uno dei principali vanti dell‟Italia e il mondo intero da sempre riconosce l‟abilità e l‟eleganza con le quali il nostro Paese produce abiti e pelletteria. Fino al 2007 l‟export influiva per il 51%1 sul fatturato totale del settore. L‟arrivo della crisi economica, tuttavia, ha decretato un generale calo dei consumi e la diminuzione delle vendite, già da tempo compromesse dall‟aggressiva competitività internazionale, ha provocato una destabilizzazione al settore della moda, in particolare quella Made in Italy. Analizzando più da vicino questo fenomeno, si scopre che non vi è modificazione quantitativa della domanda di beni di questo settore, ma piuttosto qualitativa: la gente cerca di soddisfare gli stessi bisogni impiegando minori risorse perché deve far fronte a vincoli di bilancio più restrittivi di un tempo. Il cambiamento generalizzato delle possibilità dei consumatori ha indotto gli stessi a cercare delle soluzioni alternative alle precedenti modalità di consumo, al fine di mantenere così inalterato l‟abituale stile di vita. Il problema diventa quello di riuscire a conciliare il quotidiano bisogno di auto-gratificazione, anche qualitativa, con la necessità di provvedere alla futura incertezza reddituale; il che alla lunga è insostenibile: da qui nasce nei consumatori il bisogno di ottenere un‟offerta che davvero sia più vicina alle proprie esigenze. 1 Sistema Moda Italia, dati UNCTAD 2007

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Economia

Autore: Marta Panato Contatta »

Composta da 114 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2027 click dal 12/07/2010.

 

Consultata integralmente 8 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.