Skip to content

effetti dell'aggiunta di polveri sulle performance di miscele bituminose:indagine sperimentale

Informazioni tesi

  Autore: Gaetano Hermann Murdica
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2008-09
  Università: Università degli Studi di Reggio Calabria
  Facoltà: Ingegneria
  Corso: Ingegneria civile e ambientale
  Relatore: G.FILIPPO PRATICò
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 330

Problema
Molta gente crede che avere una buona pavimentazione stradale voglia dire esclusivamente avere un piano ben livellato, in cui vi sia una buona aderenza. Concetto che, per diversi anni, è stato in parte ritenuto valido tanto da progettare e realizzare intere infrastrutture viarie indipendentemente dalle condizioni d’utilizzo.
Per esempio, facendo un passo indietro nella storia, nel 1999 (tunnel del Monte Bianco) e nel 1996 (tunnel della Manica), vi furono centinaia di morti a causa d’incendi e si poté constatare l’importanza di realizzare pavimentazioni stradali con ridotta propensione all’infiammabilità. Un’altra esigenza, inoltre, è quella di avere pavimentazioni ad elevata resistenza chimica (ambito aeroportuale, ferroviario e stradale) od in grado di mantenere essenziali requisiti di percorribilità anche dopo un sisma.

Obiettivi e scopi
Alla luce di quanto sopra, constatata la sussistenza d’esigenze non ancora completamente soddisfatte nonché l’emersione d’ulteriori e più specifiche necessità ingegneristiche ed ambientali, la presente tesi concerne uno studio teorico-sperimentale per l’analisi di proprietà “speciali” (per esempio comportamento al fuoco) di miscele bituminose particolari per pavimentazioni stradali.

Descrizione
Nello specifico, presso il laboratorio di prove sui materiali stradali, ferroviari ed aeroportuali dell’Università Mediterranea di Reggio Calabria: a) un’apposita strumentazione è stata progettata al fine di poter compattare dei campioni di conglomerato bituminoso per poi analizzarli termicamente; b) un’apposita miscela bituminosa è stata poi progettata e realizzata al fine di poter testare concretamente la sussistenza di proprietà tradizionali e “speciali”; c) inoltre, presso il Laboratorio di Chimica della stessa Università Mediterranea è stata analizzata la superficie specifica di alcuni costituenti in polvere, alcuni dei quali suscettibili di abbassare il punto d’infiammabilità della miscela bituminosa.

Conclusioni
Sostenibilità ambientale e resistenza al fuoco, chimica, meccanica delle miscele bituminose costituiscono esigenze oramai ineludibili. Ciò ha valenze prettamente ingegneristiche, finanziarie, ambientali e da ultimo sociali.
Sulla base degli studi effettuati è possibile asserire che:
1.l’attitudine a resistere termicamente ad un incendio, interessa:
a.l’inserimento di additivi al legante principale; una miscela ritardante, per esempio, la polvere ATH, SFA ed il Filler Calcareo, sono in grado di ridurre notevolmente l’infiammabilità del legante bituminoso, giocando sulle caratteristiche chimiche del legante stesso;
b.la natura del legante; una pavimentazione stradale in calcestruzzo non brucia e non rilascia gas tossici, non cambia colore e rimane inalterata ai gradienti di temperatura;
2.i descrittori analizzati quali HRR, OMF e LOI, si sono rilevati apprezzabilmente espressivi delle complesse fenomenologie implicate;
3.tra i parametri costitutivi fondamentali in grado di governare il processo e congiuntamente i parametri qui introdotti per descriverlo quantitativamente, ruolo prioritario assume lo HRR;
4.Ulteriori ricerche appaiono indispensabili al fine di pervenire ad una migliore comprensione dei fenomeni coinvolti e del ruolo di altri parametri per esempio, OMF e LOI, etc. con maggiore affidabilità statistica, a fronte di sperimentazioni fondate sull’esame di insiemi di numerosità più elevate e con monitoraggio più accurato ed esaustivo di tutti i parametri di controllo.
5.l’attitudine a resistere chimicamente ad una sostanza, interessa potenzialmente ogni componente della miscela.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
Capitolo 2 –Comportamento al fuoco 205 2.8 Il comportamento al fuoco delle pavimentazioni 2.8.1 Introduzione Figura 108 (Jean-Pierre Jacobs) 70 Data la composizione della pavimentazione stradale, in genere formata da aggregati di diversa granulometria, bitume e quant’altro vi è la possibilità in alcuni casi che parte di essa prenda fuoco. Il fuoco (vedi 2.3.2) rappresenta molto spesso una minaccia per la vita delle persone. ¨ questo il motivo per cui si punta sempre di piø a migliorare la sicurezza in caso d’incendio e a progettare sovrastrutture in grado di proteggere la vita delle persone e dell’ambiente. L’Europa ha oltre 15.000 km di gallerie stradali e ferroviarie, che fanno parte della nostra infrastruttura dei trasporti e che sono particolarmente importanti nelle regioni montuose, ma ancor piø nelle grandi città, in cui i tunnel possono alleggerire il traffico e liberare gli spazi urbani. Il problema è che gli incidenti stradali che coinvolgono veicoli possono provocare incendi molto gravi. Gli incendi all’interno delle gallerie, a causa della combustione contemporanea di carburante e autovetture, possono determinare il raggiungimento di temperature molto elevate, nell’ordine di

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

bitume
comportamento al fuoco
conglomerato bituminoso
curve incendio
filler calcareo
heat release rate - hrr
il calore e il suo trasferimento
il comportamento al fuoco delle pavimentazioni
il fuoco
iso 5660
loi
longevità
oxigen mass fraction - omf
piogge acide
principi della combustione
produzione di miscele speciali
produzione e test sulle miscele bituminose
resistenza al fuoco bitume
resistenza al fuoco cls
resistenza chimica miscele
test di comportamento al fuoco
test di resistenza chimica
tipologie di pavimentazione

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi