Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La scrittura come volto dell'anima. L'impatto empatico dei segni grafici

La storia della scrittura narra da millenni i tentativi dell’uomo di fissare le forme grafiche, di disegnare, di dipingere la parola. Le lettere dell’alfabeto sono una testimonianza della storia della civiltà, passano attraverso secoli di invasioni e di conquiste ma, nello stesso tempo, “segnalano le avventure dello spirito”. Occuparsi della scrittura non significa infatti soltanto relazionarsi al visibile, ma seguire le tracce del corpo che conducono a modi di esistenza, percorsi, direzioni invisibili. Come dice Alexander Lernet-Holenia, “non c’è nulla di corporeo che non sia stato creato con il preciso intento di agire sull’anima” (Marte in Ariete).
La fisiognomica, fin dal suo apparire, intende la scrittura come un dispositivo che, come un volto, rimanda a qualcosa d’altro, pertanto l’analisi delle forme segue un percorso tracciato sia dai “tratti fissi” legati alla fisiognomica, sia dai “tratti mobili” che rinviano alle componenti gestuali e alle energie espressive indagate dalla grafologia. Incise, cesellate, fuse nel piombo e infine digitalizzate, le lettere alfabetiche attivano lo sguardo in quanto oggetti estetici dotati di per sè di senso. Il grafismo parla direttamente a colui che l’osserva, non diversamente da un sorriso o dalla forma di un tratto del volto.
Nel prestare attenzione alle potenzialità espressive della parola intesa sul piano della sua visibilità, si è osservato che la scrittura svolge un ruolo strategico nel costruire una relazione di ordine empatico tra destinante e destinatario. I segni grafici, infatti, funzionano come traccia, impronta, ma nello stesso tempo anche come indice di colui che li ha prodotti, affermandone così la sua presenza.
Si è quindi analizzato la scrittura in relazione alla percezione fisiognomica, allo studio delle forme, alla grafologia, al movimento, al ritmo, al corpo, e come tutto questo varia nella storia.
La scelta di una lettera può rendere il testo rassicurante, piacevole, neutro, grigio e così via. La percezione visiva implica “comportamenti sequenziali altamente specializzati”, che si spiegano in termini di “attese” e di “mappe cognitive" e funzionano da strutture guida della scrittura.
Nella scrittura certi segni espressivi sembrano evocare un determinato sentimento di somiglianza con una data emozione. È un sentimento prodotto come effetto di senso, piuttosto che una proprietà ontologica, inscritta nell’oggetto. È dunque la natura motivazionale del segno grafico che sembra stabilire un legame empatico tra destinante e destinatario.
La scrittura è legata all’ergon, all’energia dell’attività interiore, alla tensione creatrice. Attraverso questa pienezza di vitalità, sostiene Klages, “il corpo serve per la manifestazione e l’apparizione dell’anima, e l’anima per dare un senso al corpo”. La mano che guida lo strumento scrittorio ha molteplici possibilità espressive: le metamorfosi grafiche rimandano a elementi primordiali e costitutivi. I segni alfabetici rinviano ad una imagerie multiforme come una cosmografia. In questo modo, la scrittura si costituisce come un microcosmo: metafora del mondo e volto dell’animo umano.

Mostra/Nascondi contenuto.
5 1. INTRODUZIONE LA SCRITTURA COME OGGETTO DA GUARDARE 1.1. Autonomia estetica della forma grafica La scrittura si fissa nell'attimo della propria nascita. Esclusiva- mente a essa appartiene la possi- bilità di lasciare non solo per de- cenni, ma addirittura per secoli, tracce durevoli le quali, esenti perfino dai possibili errori della riproduzione fotografica, conser vano nella forma della scrittura e con piena affidabilità, anche le più leggere variazioni delle fun- zioni generatrici. Solo per que- sta ragione ho sempre privilegia- to il gesto della scrittura. L. Kla- ges, I problemi della grafologia. Introduzione alla psicologia della scrittura Pochi tratti, a volte soltanto l'indirizzo sulla busta, bastano per riconoscere la scrittura di qualcuno con la stessa sicurezza con cui riconosciamo il suo volto in mezzo ad una folla. Quando una persona ci ha già scritto due o tre lettere, non abbiamo, di solito, che da dare un'occhiata all'indirizzo per identificare il mittente; analogamente, scorrendo le colonne di un testo stampato, siamo suscettibili di provare un moto di simpatia o antipatia per quello che ci colpisce, un'impressione di familiarità o repulsione per quello che sperimentiamo. Il grafismo parla direttamente a colui che l'osserva, non diversamente da un sorriso o dalla forma di una mano.

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Sabrina Raggini Contatta »

Composta da 163 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 7877 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 13 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.