Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Utilizzo operativo di modelli numerici per la valutazione dell'inquinamento atmosferico e l'elaborazione di un indice di qualità dell'aria

Il mio lavoro di tesi ha lo scopo di analizzare le emissioni dei principali inquinanti atmosferici (NOX, CO, PM10, SO2 e COV) di una specifica zona della Provincia di Alessandria denominata “Fraschetta” caratterizzata da un forte degrado ambientale perché sede di numerosi impianti industriali anche di un certo rilievo per estensione ed impatto sul territorio. Inoltre quest’area è sede di numerosi insediamenti abitativi ed è attraversata da arterie stradali rilevanti quali le strade statali 10 Padana Inferiore e 35 bis dei Giovi, nonché dall’autostrada A21 Torino-Piacenza.
L’obiettivo finale è identificare il contributo delle diverse tipologie di sorgenti (puntiformi, areali e lineari) all’inquinamento globale e valutare la qualità dell’aria tramite l’utilizzo di un nuovo indice di qualità dell’aria, l’Air Quality Balance Index (AQBI).

Tramite l’utilizzo del modello lagrangiano a particelle SPRAY ho simulato l’emissione degli inquinanti delle sorgenti puntiformi (prendendo in considerazione quelle più impattanti, che sono risultate essere 66), delle sorgenti areali e delle sorgenti lineari (statali e autostrada).
Gli output del suddetto modello sono stati visualizzati ed elaborati tramite il programma di visualizzazione SAVI3D.

Nel lavoro di tesi ci si è basati su dati relativi all’anno 2005, cioè riferiti agli studi attuati nell’ambito del “Progetto LIFE-L.IN.F.A.” (acronimo di “Life Interventions for Fraschetta Area). Il progetto ha come obiettivo l’approfondimento delle conoscenze circa l’impatto conseguente all’immissione di sostanze inquinanti nell’ambiente ed è finalizzato a sostenere misure innovative per il miglioramento della qualità dell’aria e la riduzione dell’impatto acustico nell’area della Fraschetta.

Mostra/Nascondi contenuto.
Utilizzo operativo di modelli numerici per la valutazione dell’inquinamento atmosferico e l’elaborazione di un indice di qualità dell’aria Marco Cavagnero __________________________________________________________________________________________ 1 INTRODUZIONE Durante la sua breve presenza sulla terra l’uomo ha sempre utilizzato le risorse a sua disposizione in maniera indiscriminata, senza prendere mai in considerazione gli effetti che le sue scelte avevano sull’ambiente; un tempo, infatti, la popolazione umana era decisamente meno numerosa, di conseguenza l’impatto ambientale risultava pressoché ininfluente. Oggi invece l’enorme crescita demografica collegata allo sviluppo industriale di Paesi emergenti quali Cina ed India, e lo stesso sviluppo dei Paesi ricchi, comporta un’azione inquinante a livello locale e globale senza precedenti e spesso particolarmente nociva sia per l’uomo sia per l’ambiente. In particolare l’inquinamento globale per eccellenza, quello atmosferico, si può dire incrementato nell’arco degli ultimi cinquant’anni a causa delle continue ed ingenti emissioni di sostanze inquinanti in atmosfera ad opera non solo di industrie ed attività produttive, ma anche per effetto delle emissioni degli autoveicoli e degli impianti di riscaldamento. Specialmente nell’ultimo decennio si è potuto assistere al crescere della sensibilità verso il problema, sia nell’opinione pubblica sia nel mondo della ricerca scientifica; parallelamente, però, il problema si è aggravato per l’aumentare delle fonti di inquinamento. Il mio lavoro di tesi ha lo scopo di analizzare le emissioni dei principali inquinanti atmosferici (NOX, CO, PM10, SO2 e COV) di una specifica zona della Provincia di Alessandria denominata “Fraschetta” caratterizzata da un forte degrado ambientale perché sede di numerosi impianti industriali anche di un certo rilievo per estensione ed impatto sul territorio. Inoltre quest’area è sede di numerosi insediamenti abitativi ed è attraversata da arterie stradali rilevanti quali le strade statali 10 Padana Inferiore e 35 bis dei Giovi, nonché dall’autostrada A21 Torino-Piacenza. L’obiettivo finale è identificare il contributo delle diverse tipologie di sorgenti (puntiformi, areali e lineari) all’inquinamento globale e valutare la qualità dell’aria tramite l’utilizzo di un nuovo indice di qualità dell’aria, l’Air Quality Balance Index (AQBI).

Laurea liv.I

Facoltà: Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali

Autore: Marco Cavagnero Contatta »

Composta da 96 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2127 click dal 20/05/2010.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.